Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » News
 
 
 
 

News

La news attive sono posteriori al 31/12/2017 * 00:00
Le news anteriori sono consultabili nelle Archivio News

Scellerate proposte di modifica al codice della strada: aumentare in autostrada il limite di velocità a 150Km/h

Cassaniti.jpg

Scellerate proposte di modifica al codice della strada: aumentare in autostrada il limite di velocità a 150Km/h

Come Associazione di familiari di vittime della strada abbiamo ritenuto giusto inviare le nostre proposte alla IX Commissione Trasporti della Camera in occasione delle audizioni di febbraio 2019 per le modifiche al codice della strada. Per quanto riguarda l’aumento della velocità a 150Km/h in autostrada avevamo espresso parere negativo, ritenendo che non dovesse essere modificata una situazione già trattata e contenuta nell’articolo 142 del codice della strada, che qui riportiamo: “Sulle autostrade a tre corsie più corsia di emergenza per ogni senso di marcia, dotate di apparecchiature debitamente omologate per il calcolo della velocità media di percorrenza su tratti determinati, gli enti proprietari o concessionari possono elevare il limite massimo di velocità fino a 150 km/h sulla base delle caratteristiche progettuali ed effettive del tracciato, previa installazione degli appositi segnali, sempreché  lo consentano l'intensità del traffico, le condizioni atmosferiche prevalenti ed i dati di incidentalità dell'ultimo quinquennio.”
Non riusciamo a capire cosa abbia spinto i deputati sostenitori della proposta a togliere la responsabilità della decisione agli enti proprietari o concessionari e ad affidarla direttamente agli automobilisti. Forse perché non si è mai verificato che i proprietari o i concessionari abbiano preso una tale decisione, pertanto il piede degli amanti dell’eccesso freme, e ragionando non con la testa ma con il piede ci si dimentica delle cause della strage indicate dall’Aci-Istat: eccesso di velocità, distrazione, guida in stato psicofisico alterato da alcol e droga, una condizione che fa perdere il controllo personale e quindi dispone alla velocità incontrollata. 
Dai decisori abbiamo bisogno di ricevere segnali e scelte che dispongano le persone alla prudenza sulla strada, certe proposte ci sembrano fuori dalla logica e frutto di individualismo: i treni ad alta velocità corrono su binari sui quali in quel momento non corre nessun altro treno, sulla strada invece circolano contemporaneamente un’infinità di veicoli, di potenza e grandezza diverse, ci sono alla guida persone giovani e persone anziane, è bene che ci siano delle regole che limitino l’euforia della corsa, basta il limite di 130 in autostrada, per le variazioni ci pensino i gestori. Ma il massimo dell’incoerenza si evidenzia con le direttive ministeriali e le circolari che sollecitano i Prefetti ad impegnarsi per la prevenzione nel territorio e a contrastare le cause della strage stradale – e cioè l’eccesso di velocità, la distrazione, la guida in stato psicofisico alterato – e nel contempo i parlamentari, anziché spendersi per la prudenza e l’osservanza delle norme, danno ai cittadini il segnale che sulla strada di tutti deve prevalere la potenza del mezzo!!! Infatti la strage aumenta e l’irresponsabilità pure.
Giuseppa Cassaniti
Presidente AIFVS

29/01/2020