Sei qui:Home
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada aps

Andrea Liverani


Fermare la strage stradale e tutelare i diritti delle vittime: Il messaggio di Andrea Liverani campione paralimpico di tiro a segno 

UNA FIRMA PER I DIRITTI DELLE VITTIME E LA SICUREZZA STRADALE
A quasi sette anni dal 16 novembre 2015, data di entrata in vigore degli effetti della direttiva UE 2012/29 sulla tutela dei diritti delle vittime, il nostro Paese è ancora gravemente inadempiente. Lo stesso possiamo affermare per quanto riguarda la prevenzione: l’Italia nel 2019 non ha ridotto la strage del 50% ma solo del 22,9%. La Strage Stradale continua, con 9 morti al giorno e 661 feriti al giorno (dati Istat 2019, il 2020 non fa testo per il lockdown, i dati 2021 non ancora verificati dall’Istat, ma la strage continua) – è pandemia, è un problema di sanità pubblica non trattato con lo stesso rigore del covid 19, come se fosse un fatto privato.
Non ci rassegniamo e Promuoviamo una raccolta firme per modificare tale situazione stagnante  

1) I DIRITTI DELLE VITTIME:
a) Diritto alla giustizia. Chiediamo la modifica dell’art. 111 Cost. per garantire parità processuale tra vittima ed imputato, nonché pienezza dei diritti delle vittime, superando quelle norme che espropriano diritti (es., impossibilità di opporsi al patteggiamento, di fare appello contro le testimonianze false). Chiediamo anche un rito giurisdizionale speciale, come quello del lavoro, per assicurare celerità di trattazione, omogeneità delle decisioni e pienezza della tutela;
b) Tutela della salute. Garantire le cure necessarie per riabilitazione a lungo termine per i disabili permanenti ed il sostegno economico continuativo per i progetti di vita indipendente c) Diritti civili. Chiediamo percorsi specifici di accesso al pubblico impiego per gli orfani o le vedove di vittime della strada.
 
2) LA SICUREZZA STRADALE:
a) Coordinamento. Istituire, sul modello del Dipartimento della Protezione civile, un’Autorità unica interministeriale responsabile della gestione del complesso problema della sicurezza stradale e munita di poteri e di mezzi. Prevedere un sistema di sanzioni per le istituzioni che non raggiungono gli obiettivi;
b) Infrastrutture e veicoli. Prevedere il collaudatore della sicurezza stradale per redigere un “fascicolo delle infrastrutture” come avviene per i fabbricati ed indicare le criticità da rimuovere, rilevate anche a seguito di un sinistro. Promuovere la mobilità sostenibile e garantire sicurezza a tutti gli utenti della
strada. Richiedere che i mezzi di trasporto abbiano standard di prevenzione elevati, introducendo di serie tutte le misure di sicurezza, compresi i dispositivi tecnologici;
c) Controlli. Potenziare i controlli, coprire le carenze di organico, finalizzare l’organizzazione agli obiettivi da raggiungere; diminuire la perdita di punti della patente ma renderli non recuperabili, riconoscendo che al diritto ad avere la patente deve corrispondere il dovere di osservare le norme;abolire il preavviso postazioni autovelox;
d) Informazione e formazione. Istituire una rubrica fissa televisiva sui temi dell’incidentalità e per comunicare ai cittadini il Piano Nazionale della sicurezza stradale. Nelle scuole di ogni ordine e grado,assicurare l’educazione stradale e la formazione etico-sociale. Nelle autoscuole, assicurare la formazione responsabile del conducente e introdurre misure per prevenire il rilascio di patenti facili.

Per firmare la petizione su change.org Clicca qui  unnamed.png
Per tutti i dettagli e approfondimenti Clicca qui  unnamed.png
open-page.png
Brochure iniziativa firme
open-page.png
Raccolta firme presentazione
open-page.png
SCHEDA contatti AIFVS

Leggi di più

Spotlight La strage continua.

Le inchieste di RaiNews24

SpotlightLa strage continua. Viaggio sulle strade più pericolose d'Italia

St 2023/2423 min
Una strage, con un costo sociale stimato 18 miliardi di euro. È quella che si consuma sulle strade italiane. Colpa della distrazione al volante, dell'eccesso di velocità. Ma quanto incidono le cosiddette 'carenze infrastrutturali', come barriere di sicurezza mancanti o inadeguate, segnaletica non visibile o non aggiornata, pavimento stradale dissestato? La stima approssimativa è intorno al 20-30 per cento. Spotlight è andato a vedere le strade dove si concentrano più sinistri. Un viaggio da Nord a Sud per capire e documentare il legame tra condizioni stradali e incidenti. "Fino al 2000 nessuno pensava che le strade andassero valutate con la sicurezza. Oggi - spiega a Spotlight Lorenzo Domenichini, professore emerito all'università di Firenze ed esperto di sicurezza stradale – le norme sono di ostacolo" perché ferme a trent'anni fa. Di Giorgio Iacoboni

Leggi di più

Forum in diretta

16/01/2024 • 12:22
(da Avvocatonesci)
16/01/2024 • 12:09
(da Avvocatonesci)
 Ciao. Fine anno 2011, senza alcuna percentuale di responsabilità, io in moto ho fatto un frontale veicolo che affrontava quella semicurva in contromano. Oltre cinque mesi di ricoveri in 3 ospedali di diverse città, giunto e sempre trasferito in elicottero (da tanto ero a pezzi e mezzo bruciato nell'incendio). In un mio stato di (cito la CTU psichiatrica disposta in un procedimento penale del 2015): "totalmente incapace di intendere e di volere, privo da intervalli liberi, patologia cronica ed irreversibile, presente dalla data del sinistro nonchè a tutt'oggi", a Luglio 2013 (QUINDI OLTRE 2 ANNI PRIMA  QUELLA CTU) mio marito aveva firmato una prima transazione. Di quella compagnia di assicurazioni, abbiamo poi ricevuto OLTRE TRE ANNI DOPO la Tabella di calcolo a quella transazione e, tralasciando il fatto che il numero delle pagine indica chiaramente che sono state occultate ben 6 pagine (fra queste, anche la Perizia assicurativa dei danni e responsabilità), tutte le cifre che il danneggiante ha inserito nel foglio di calcolo della Tabella Nazionale di Milano, oltre essere tutte in difetto, ED ANCORA oltre a non includere una marea di costi, danni, spese etc. etc., a mio marito assegnano anche una percentuale di responsabilità del 30%. Ma anche per cosa giudicata, mio marito NON HA alcuna responsabilità! SARO' BREVE: A seguito nostra querela, quella compagnia è anche stata riconosciuta in dolo al reato penale perseguibile di TRUFFA AGGRAVATA AI DANNI DI UN ENTE DELLO STATO; ossia, la pensione sociale di Invalidità Civile e Lavoro che è seguita a questo sinistro stradale, e che mio marito percepiva da 8 anni, erano ancora tutte a carico delLo Stato!!! La procura ha riconosciuto questo illecito nel 2019, e l'INPS è così stata risarcita. Ma il precedente Amministratore di sostegno di mio marito, lui che ha promosso una causa civile per ottenere l'annullamento di 2 transazioni da mio marito sottoscritte, nonchè l'ingente saldo di tutti i danni, ha perso la causa SOPRATUTTO PERCHE' quel Giudice monocratico ha commesso BEN 5 ERRORI, di cui 4 di fatto ed un di diritto. Ed è proprio usando questa sua "privata" interpretazione dell'art. 428 (quindi errore di diritto) che respinge il molto ingente saldo a risarcimento; anche se questa ennesima CTU psichiatrica disposta in quest'altro procedimento, pure questa ha confermato che, all'atto di sua firma, parte attrice (mio marito) era totalmente incapace di intendere e di volere, quindi PRIVO DEI SUOI DIRITTI ALLA FIRMA. Niente, ha ugualmente respinto sebbene gli stessi atti di causa DIMOSTRANO  S E M P R E  L'OPPOSTO a ciscuna di tutte quelle circostanze che sono a mio marito contestate. Senza contare un SUO evidente contraddittorio nell'pesposizione dei fatti. Questo sinistro si è già portato via 1/5° della vita di mio marito; aveva  46 anni alla data del sinistro, ora quasi 59. Quì a Brescia e intorni non sono riuscita a trovare un legale competente, uno di questi ci ha addirittura detto che non possiamo fare ricorso perchè quella sentenza in primo grado è definitiva e inappellabile. STRONZATE. E' pacifico che tutti gli Avvocati hanno capito che quella compagnia si è comprata quel Giudice e tutti quelli che gli stanno intorno, INFATTI, prima di entrare in aula, la stretta di mano che abbiamo visto fare fra il legale di quella compagnia e quella GiudiCESSA, è una proiva inconfutabiule. Per la revocazione straordinaria di quel giudizio pilotato, cerco un Legale Cassazionista disposto ad assisterci con patrocinio gratuito, perchè purtroppo abbiamo speso tutto quello che avevamo in quel procedimento,e vivere in quattro con la pensione socile di 950€ di mio marito, non riusciamo piu'. ...
20/12/2023 • 22:51
(da Franco_sono)
30/08/2023 • 16:20
(da Manuelb77_)
28/03/2023 • 22:15
(da Avvocatocesari)

Le 2 ultime notizie

Un anno dalla scomparsa di Gianmarco Cesari - il 08/07/2024 • 17:35 da Amministratore

4 luiglio 2023 - 4 luglio 2024 
cesari.jpg

Anniversario della scomparsa di Gianmarco Cesari
Il 4 luglio ricorre un anno dalla scomparsa di Gianmarco Cesari
Commemorazione del parroco Don Federico, ricordo dei familiari, amici e membri dell'aifvs si è tenuta nella casa di famiglia Villa Cesari-Tiberi a MonteVibiano

Leggi di più


Iniziativa obiettivo Zero - il 11/06/2024 • 18:50 da Amministratore

Formigine - piazza Calcagnini

𝗢𝗕𝗜𝗘𝗧𝗧𝗜𝗩𝗢 𝗭𝗘𝗥𝗢 - iniziativa realizzata dall' Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada aps - sede di Modena, col patrocinio di
- Comune Di Formigine
- Regione Emilia-Romagna
- prefettura di Modena
- Provincia di Modena
- Ausl
- unione del distretto ceramico
dedicata alla sensibilizzazione sulle responsabilità e le implicazioni legate alla guida e alla sicurezza stradale.

Riprese Drone4Passion - https://www.facebook.com/Drone4Passion

Leggi di più


Dona il tuo 5x1000 all'AIFVS

5X1000AIFVS.jpg

_______________________________________

Sostieni l'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada aps

AIFVS APS - IBAN: IT22M0760113200000013211438 
 info@vittimestrada.org

Ultime pubblicazioni

Facebook

Leggi di più

Twitter

Leggi di più