chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1782 utenti
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

 

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus


Maria Laverda 15 anni  Breganze VI    12 novembre 1987  -   14 giugno  2003

Maria-Laverda.jpg

TU SARESTI VISSUTA PER SEMPRE PERCHE’UNITA A NOI SPIRITUALMENTE.
 
Ecco, il vuoto si stava lentamente riempiendo di senso.
Sì, vita breve la tua, ma pienissima di sentimento.Eri una piccola donna piena d’amore.
Il tuo amore mi sarebbe stato sostegno. Sapevo che ogni volta la disperazione fosse scesa nel mio cuore avrei ripensato a quanto affetto ,in vita, avevi donato.
E mi sarei sentita….bene!
 
Io non so se tu stia vivendo in quella dimensione spirituale di cui sento dire. Mi piacerebbe sapere che il tuo spirito vive e che forse “ ammiccando” ci guardi da lassù.
Mi è difficile credere. Come può essere dolorosa la fede!
Di una cosa però sono sicura: la tua non è stata una vana morte.
 
Attraversando questa cruda esperienza la mia vita sta acquisendo un altro significato.
I ritmi son più lenti, le sensazioni più forti, la consapevolezza che la parte spirituale ha un peso diverso su quella materiale e che tra le due preferisco la prima, tutto questo mi porta a rivisitare la mia vita. E in un certo senso ad attendere la morte come un naturale atto del vivere.
Ora quando penso alla morte non ho paura, non la allontano da me, anzi penso alla morte come ad una riappacificazione con me stessa Con quella parte di me che vorrebbe credere, ma che è trattenuta dal farlo perché attanagliata dal dubbio.
La morte quindi che può diventare la soluzione del dubbio e finalmente l’unione del legame spezzato.
Morte non come fine, ma inizio di vita.

Clicca qui per accedere alla pagina
Poesie e ricordi

 

Data di creazione : 11/03/2007 * 17:52
Ultima modifica : 07/06/2011 * 09:45
Categoria : -
Pagina letta 9102 volte


Commenti a questo articolo

Commento n°8 

con Patrizia_Q il 05/06/2011 * 00:31
Un pensiero per Maria e per la sua famiglia.

Commento n°7 

con Patrizia_Q il 07/06/2010 * 11:30

Ciao Maria...gli anni passano e tu sei sempre presente e amata.... il racconto di "quella notte" scritto dalla Tua mamma, descrive molto bene i sentimenti che si provano in quei momenti che ogni genitore non vorrebbe mai vivere per la perdita di un figlio. Le dediche delle Tue amiche sono piene d'affetto.....un breve percorso il Tuo,che ha lasciato il segno nel cuore di molti. Un caro saluto ai tuoi cari .


Commento n°6 

con Miro il 04/04/2009 * 05:47

Questa notte non riesco a dormire, come parecchie volte mi capita mi collego ad internet, guardo i miei siti preferiti, trovo un articolo che parla ancora una volta dell'attacco alle torri gemelle .Leggo e poi passo a you tube per rivedere il famoso filmato in cui si vede il primo aereo che entra nella torre tagliandola come fosse fatta di burro. Un momento di riflessione e poi il pensiero non so perchè vola alla sera del 4 giugno 2003.Mi chiedo ma perchè non ho pensato  di guardare in internet se esisteva un associazione in ricordo della ragazza che è stata investita quella sera ? ed eccomi qua. Per la prima volta vedo il suo viso, per la prima volta leggo tutta la trafila legale, leggo gli scritti della mamma. Quella sera esco tardi di casa , vado in piazza a Marostica chiacchero un pò con gli amici, ne sento altri per telefono, sono alla Corte degli Aranci, decido di raggiungerli. Parto da solo in macchina, quando arrivo in prossimità dell' incrocio vedo un ambulanza nella corsia opposta alla mia, ferma in mezzo alla strada, vedo un po di gente. Decido di fermarmi, parcheggio l' auto, scendo. Vedo dietro l' ambulanza il lenzuolo bianco per terra e capisco chiedendo alle persone sul posto cosa è successo. Poi arriva un auto, parcheggia in mezzo alla strada, scende un uomo e una donna, capisco che sono i genitori.Non riesco a descrivere i momenti successivi, rimarranno per sempre impressi nella mia mente e nel mio cuore.Un abbraccio forte alla mamma e al papà di Maria.           Guerra Wladimiro. Marostica.


Commento n°5 

con antonella78 il 25/12/2008 * 02:03
BUON NATALE!!!

Commento n°4 

con angeloantonio il 04/06/2008 * 21:49
Un ricordo per Maria Laverda 15 anni, un pensiero alla famiglia oggi e' un giorno triste per tutti noi

Commento n°3 

con Biby il 03/05/2008 * 19:55
Come dire che la vita è ingiusta!!Eri anche tu nel crescere verso una vita di gioie,di emozioni,di esperienze...Tutto questo è molto triste...come mamma mi avvicino ai tuoi genitori e capisco il loro dolore..dagli la forza per sopravvivere. Un abbraccio Biby

Commento n°2 

con VittorioRI il 08/01/2008 * 22:21

Quanta fede nelle parole di chi ha scritto la biografia di Maria... anche dopo una tragedia del genere, riuscire a conservare una così salda fede, trovo sia superbo! Anche i miei genitori hanno rafforzato la loro fede dopo la morte del loro primo figlio in un incidente stradale. Io purtroppo non ci riesco

 "Se ci separiamo, è solo per ritrovarci..."

Un abbraccio, Vittorio


Commento n°1 

con DA il 12/03/2007 * 13:31
ciao piccola "stella"... che scriverti...capisco attraverso il dolore di mia madre quello della tua. di una cosa sono certa..sei uno splendido angelo e adesso vivi in mondo migliore di questo. non ci sei più fisicamente, ma il tuo spirito non abbandona per un solo istante le persone a cui vuoi bene.. mia sorella ti tiene compagnia in questo opuscolo. mi raccomando, proteggeteci sempre!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X