Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

GMR_ICON.pngGiornata del Ricordo
delle vittime della strada

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1829 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :
Ricerca personalizzata

Opuscoli 8° volume 2007: Maria Laverda

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

 

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus


Maria Laverda 15 anni  Breganze VI    12 novembre 1987  -   14 giugno  2003

Maria-Laverda.jpg

TU SARESTI VISSUTA PER SEMPRE PERCHE’UNITA A NOI SPIRITUALMENTE.
 
Ecco, il vuoto si stava lentamente riempiendo di senso.
Sì, vita breve la tua, ma pienissima di sentimento.Eri una piccola donna piena d’amore.
Il tuo amore mi sarebbe stato sostegno. Sapevo che ogni volta la disperazione fosse scesa nel mio cuore avrei ripensato a quanto affetto ,in vita, avevi donato.
E mi sarei sentita….bene!
 
Io non so se tu stia vivendo in quella dimensione spirituale di cui sento dire. Mi piacerebbe sapere che il tuo spirito vive e che forse “ ammiccando” ci guardi da lassù.
Mi è difficile credere. Come può essere dolorosa la fede!
Di una cosa però sono sicura: la tua non è stata una vana morte.
 
Attraversando questa cruda esperienza la mia vita sta acquisendo un altro significato.
I ritmi son più lenti, le sensazioni più forti, la consapevolezza che la parte spirituale ha un peso diverso su quella materiale e che tra le due preferisco la prima, tutto questo mi porta a rivisitare la mia vita. E in un certo senso ad attendere la morte come un naturale atto del vivere.
Ora quando penso alla morte non ho paura, non la allontano da me, anzi penso alla morte come ad una riappacificazione con me stessa Con quella parte di me che vorrebbe credere, ma che è trattenuta dal farlo perché attanagliata dal dubbio.
La morte quindi che può diventare la soluzione del dubbio e finalmente l’unione del legame spezzato.
Morte non come fine, ma inizio di vita.

Clicca qui per accedere alla pagina
Poesie e ricordi

 

Data di creazione : 11/03/2007 * 17:52
Ultima modifica : 07/06/2011 * 09:45
Categoria : -
Pagina letta 12557 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it