Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus) - sito ufficiale - Opuscoli 2° volume
Ricerca personalizzata
L'associazione AIFVS
Assistenza
Memorie
Prevenzione
Editoria
Attualità

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

Preferenze

Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
Captcha reload
Copia il codice :


  Numero di utenti 1751 utenti
Agenda

Opuscoli memorie 2° Volume 2000

Senza Amore non c'è vita nè giustizia senza memoria

Valentina Benenati.jpg
Valentina Benenati

Ernesto Bertei.jpg
Ernesto Bertei

Alessandro Carlomagno.jpg
Alessandro Carlomagno

Maurizio Cianfanelli.jpg
Maurizio Cianfanelli

Sandro Cortese.jpg
Sandro Cortese

Diego Deriu.jpg
Diego Deriu

Livio Fabrizi.jpg
Livio Fabrizi

Mirko Fabrizi.jpg
Mirko Fabrizi

 Giuseppe Facchini.jpg
Giuseppe Facchini

 Giorgio Fantoni.jpg
Giorgio Fantoni
 Marco Gennaioli.jpg
Marco Gennaioli
 Vania Ginanneschi.jpg
Vania Ginanneschi
Federico Gori.jpg 
Federico Gori
Valeria Mastrojeni.jpg 
Valeria Mastrojeni
 Sandro Piccini.jpg
Sandro Piccini
Massimo Polo.jpg 
Massimo Polo
Davide Agostino Porzi.jpg 
Davide Agostino Porzi
Matteo Pulvirenti.jpg
Matteo Pulvirenti
Elettra Radice.jpg
Elettra Radice
Luca Renoffio.jpg
Luca Renoffio
Michel Sagues.jpg
Michel Sagues
Gino Sartarelli.jpg 
Gino Sartarelli
 

 Nicolas Stella.jpg
Nicolas Stella
 

Fabio Delmastro-Alessandro rosso.jpgImmagine 1.jpg
Fabio Delmastro
Alessandro Rosso

 

 

Ciascuna delle foto riportate in questo secondo opuscolo dedicato alle vittime della strada rappresenta un amore lacerato; l'insieme è intollerabile per chi riesce a capire che quei sorrisi e quegli sguardi, e gli interessi e le speranze che li animavano, erano vivi davvero, e davvero hanno smesso brutalmente di esistere.

Eppure questo, venticinque, è il numero di morti che le strada italiane "producono" ogni giorno: 9000 morti l'anno (è la stima dell'istituto superiore di Sanità per il 1998) fanno appunto, secondo u calcolo orribile quanto il suo risultato, un morto ogni ora.

Ciò significa che mentre scrivo queste righe, e mentre le leggete, uno di quei sorrisi si spegne sull'asfalto, o in un'ambulanza, o in un reparto di rianimazione; e che questo accadrà ancora ogni ora di ogni giorno e per ogni settimana e ogni mese di questo 2000 nel quale nulla, in concreto, sembra cambiare.

Si tratta, potete vederlo, di bambini, di adolescenti, di giovani e di anziani; una folla immensa, decine e decine di migliaia nel corso di una generazione; e per tutti la fine è giunta di colpo; e tutti sono stati ugualmente uccisi non da una fatalità ineluttabile ma proprio dalla mancanza di disciplina, di regole, di controlli.

C'è dunque una specificità della strage stradale che va al di là del dolore dei superstiti, uguale per ogni perdita, e che sta nella sua spaventosa ampiezza, nella drammaticità del suo verificarsi d'improvviso, nella sua imputabilità a scelte precise di chi ha il potere e il dovere di impedirla.

Ed è proprio la "diversità" di questa strage rispetto alle altre morti - almeno quanto il suo essere tremendamente uguale per ciascuno di noi - che ci unisce, ci dà forza, ci spinge a ripetere "basta" a voce sempre più alta.

Non che si debba pensare solo a questo: la vita, per chi può, è sopratutto futuro, e serenità e gioia; ma proprio perché sia questo, deve essere anche memoria: noi quel sorriso lo abbiamo perso, agli altri vorremmo continuasse a scaldare in cuore.

*Marcella Castellini
*presidente dell’Associazione nel 2000

 

Opuscoli memorie 2° Volume 2000

Senza Amore non c'è vita nè giustizia senza memoria

Valentina Benenati.jpg
Valentina Benenati

Ernesto Bertei.jpg
Ernesto Bertei

Alessandro Carlomagno.jpg
Alessandro Carlomagno

Maurizio Cianfanelli.jpg
Maurizio Cianfanelli

Sandro Cortese.jpg
Sandro Cortese

Diego Deriu.jpg
Diego Deriu

Livio Fabrizi.jpg
Livio Fabrizi

Mirko Fabrizi.jpg
Mirko Fabrizi

 Giuseppe Facchini.jpg
Giuseppe Facchini

 Giorgio Fantoni.jpg
Giorgio Fantoni
 Marco Gennaioli.jpg
Marco Gennaioli
 Vania Ginanneschi.jpg
Vania Ginanneschi
Federico Gori.jpg 
Federico Gori
Valeria Mastrojeni.jpg 
Valeria Mastrojeni
 Sandro Piccini.jpg
Sandro Piccini
Massimo Polo.jpg 
Massimo Polo
Davide Agostino Porzi.jpg 
Davide Agostino Porzi
Matteo Pulvirenti.jpg
Matteo Pulvirenti
Elettra Radice.jpg
Elettra Radice
Luca Renoffio.jpg
Luca Renoffio
Michel Sagues.jpg
Michel Sagues
Gino Sartarelli.jpg 
Gino Sartarelli
 

 Nicolas Stella.jpg
Nicolas Stella
 

Fabio Delmastro-Alessandro rosso.jpgImmagine 1.jpg
Fabio Delmastro
Alessandro Rosso

 

 

Ciascuna delle foto riportate in questo secondo opuscolo dedicato alle vittime della strada rappresenta un amore lacerato; l'insieme è intollerabile per chi riesce a capire che quei sorrisi e quegli sguardi, e gli interessi e le speranze che li animavano, erano vivi davvero, e davvero hanno smesso brutalmente di esistere.

Eppure questo, venticinque, è il numero di morti che le strada italiane "producono" ogni giorno: 9000 morti l'anno (è la stima dell'istituto superiore di Sanità per il 1998) fanno appunto, secondo u calcolo orribile quanto il suo risultato, un morto ogni ora.

Ciò significa che mentre scrivo queste righe, e mentre le leggete, uno di quei sorrisi si spegne sull'asfalto, o in un'ambulanza, o in un reparto di rianimazione; e che questo accadrà ancora ogni ora di ogni giorno e per ogni settimana e ogni mese di questo 2000 nel quale nulla, in concreto, sembra cambiare.

Si tratta, potete vederlo, di bambini, di adolescenti, di giovani e di anziani; una folla immensa, decine e decine di migliaia nel corso di una generazione; e per tutti la fine è giunta di colpo; e tutti sono stati ugualmente uccisi non da una fatalità ineluttabile ma proprio dalla mancanza di disciplina, di regole, di controlli.

C'è dunque una specificità della strage stradale che va al di là del dolore dei superstiti, uguale per ogni perdita, e che sta nella sua spaventosa ampiezza, nella drammaticità del suo verificarsi d'improvviso, nella sua imputabilità a scelte precise di chi ha il potere e il dovere di impedirla.

Ed è proprio la "diversità" di questa strage rispetto alle altre morti - almeno quanto il suo essere tremendamente uguale per ciascuno di noi - che ci unisce, ci dà forza, ci spinge a ripetere "basta" a voce sempre più alta.

Non che si debba pensare solo a questo: la vita, per chi può, è sopratutto futuro, e serenità e gioia; ma proprio perché sia questo, deve essere anche memoria: noi quel sorriso lo abbiamo perso, agli altri vorremmo continuasse a scaldare in cuore.

*Marcella Castellini
*presidente dell’Associazione nel 2000

 

Chiudi Chiudi


Data di creazione : 23/08/2005 * 15:04
Ultima modifica : 08/01/2009 * 17:15
Categoria : - Opuscoli Memorie
Pagina letta 31003 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°8 

con Sergio il 21/07/2009 * 08:51
Il mio pensiero è sempre per voi.Per voi e cper chi vive questo strazio, questa lenta agonia.Con affetto, Sergio.

Risposta n°7 

con Sergio il 27/06/2009 * 08:26
I vostri volti son sempre presenti nella mia mente insieme a quelli di chi chi è stato tolto a me.Accomunati da intacitabile dolore, il mio pensiero caro  e sincero per ognuno di Voi e delle vostre Famiglie.Con affetto.

Risposta n°6 

con luciano il 15/06/2009 * 05:24
UN SALUTO A NARY ED UN CARO RICORDO PER LA PICCOLA NICOL ED IL SUO PAPA. LUCIANO

Risposta n°5 

con Francesca il 21/12/2008 * 13:03
Una preghiera ed un pensiero per Valentina Benenati e la sua famiglia in questa ricorrenza così triste e dolorosa.

Risposta n°4 

con angeloantonio il 20/06/2008 * 22:15
Un pensiero per Valeria Mastrojeni  e un abbraccio per i tuoi cari che vivono questa  ricorrenza.

Risposta n°3 

con angeloantonio il 15/06/2008 * 08:28
Un ricordo per Maurizio Cianfanelli, e' per la famiglia che ricordano questo triste giorno.

Risposta n°2 

con Francesca il 21/12/2007 * 08:08
Un pensiero per Valentina Benenati. Sono trascorsi 10 anni dalla tua scomparsa. Adesso che sei un Angelo, prega, insieme a tutti noi il Signore affinchè dia un po' di pace ai tuoi cari e li aiuti ad ottenere quella onesta giustizia che tu, più di tutti meriti. Un caro abbraccio al tuo papà e a tutti quelli che soffrono per la tua mancanza.

Risposta n°1 

con Raffaella il 27/11/2006 * 23:15
Sono settimane che continuo a gurdare il vostro sito...non riesco a capacitarmi di tutte queste morti assurde...
Io che con il mio lavoro accolgo la vita...
Complimenti per il sito,aiuta a riflettere.
Raffy


Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X

Sito ufficiale dell' Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  

im_off.gif
info@vittimestrada.org