Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

GMR_ICON.pngGiornata del Ricordo
delle vittime della strada

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1829 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :
Ricerca personalizzata

Forum - Assistenza e consulenza Legale - Atto di quietanza di pagamento.


Numero di utenti 1829 utenti
 

attivo  Soggetto n° 256

il 29/11/2019 * 11:12
con alessio

alessio

1 messaggio

Salve, sono incappato nella seguente problematica e vorrei sapere come e cosa devo fare.

Dopo lunga e penosa storia per un incidente stradale nel quale sono rimasto coinvolto mio malgrado (100% incolpevole) , le due assicurazioni dei due mezzi che mi hanno danneggiato mi hanno proposto un risarcimento in danaro comprensivo delle spese del mio legale che ho ritenuto congruo .

Ho deciso quindi di firmare le due separate "atto di quietanza di pagamento" delle due assicurazioni .

La prima , dopo pochi giorni , ha provveduto al pagamento tramite bonifico senza problemi.

La seconda  , ad oggi ,  dopo molte settimane (a pochi giorni dall'udienza del tribunale per proseguire la causa e chiedere una  decisione nel merito al giudice) non ha ancora pagato chiedendo di rifirmare una nuova quietanza con delle clausole aggiuntive che riguardano il "diritto di surroga dell'assicurazione sociale (INPS)" e paventando l'ipotesi di non pagare nulla e rimandare di mesi/anni il pagamento.

Praticamente l'INPS ha chiesto loro di pagare per il mio periodo di assenza dal lavoro , come prevede la legge .

I due atti di quietanza , come preventivamente concordato e stabilito , prevedono il pagamento di "x" soldi al netto di ogni altro onere.

Tant'è vero che una compagnia ha pagato subito tutto e correttamente.

L'altra non vuole pagare accampando mille scuse (il nuovo liquidatore, le nuove linee aziendali , etc etc).

Vista la scarsa fiducia nel mio legale ( il giorno prima mi dice che sono dei disonesti , il giorno dopo a seguito di colloquio con questi "signori"  mi dice che devo rifirmare una quietanza che anche al mio occhio inesperto è chiaramente una fregatura , ovvero non esclude affatto l'ipotesi di una eventuale rivalsa dell'INPS nei miei confronti ,suppongo al fine di incassare la sua parcella...) chiedo a voi tutti :

con la quietanza di pagamento da me firmata e non pagata posso chiedere un'ingiunzione di pagamento ed eventuale richiesta di risarcimento del danno per il tempo trascorso o da trascorrere all'assicurazione morosa per non aver ottemperato ad un preciso accordo , oltretutto quando l'altra compagnia ha già pagato tutto senza problemi ?????

Grazie a chi mi potrà aiutare.

Saluti

alessio

Invia una risposta Alto  
Risposta n° 1
--------
il 02/12/2019 * 09:10
con alessio

alessio

2 messaggi

Correggo : il modulo si chiama :  "ATTO DI LIQUIDAZIONE E TRANSAZIONE DANNI RC"

alessio

Invia una risposta Alto  
Nuovo Risposta n° 2
--------
il 07/12/2019 * 18:58
con Avvocatocesari

Avvocatocesari

129 messaggi

Sembra che nelle trattative della conciliazione non si sia tenuto presente che lei è anche assistito da una assicurazione sociale ovvero dall'inps e che nel redigere il primo atto di quietanza sia stata prevista la liquidazione come se ci si sia dimenticati che l'inps abbia richiesto di volersi surrogare ai suoi diritti e senza che le si sia stato richiesto dopo la richiesta di risarcimento se lei aveva o non aveva diritto ad una prestazione da parte di istituti sociali che gestiscono assicurazioni obbligatorie e che dopo aver predisposto il primo atto di quietanza ci si sia ricordati del fatto e che ripensandoci le si sia stato proposto un atto di liquidazione corretto al posto del primo emesso senza la dovuta diligenza. Occorre approfondire quindi prima di tutto se lei ha ricevuto o no, o meglio il suo avvocato per lei, la comunicazione prevista dal comma 2 dell'articolo 142 del codice delle assicurazioni, cosa che il comportamento dell'avvocato che l'assiste penso sia avvenuta e dopodiche? ragionare in merito tenendo presente che l'ente gestore della assicurazione sociale ha diritto d ottenere il rimborso di quanto erogato..

Mi faccia sapere in merito al necessario chiarimento che va approfondito. 

Avv. Gianmarco Cesari - Aifvs 

Invia una risposta Alto  
attivo soggetto attivo   chiuso soggetto chiuso   Importante! Importante!   Nuovo Nuovo messaggio
Rettificare Rettificare messaggio   Chiudere Chiudere soggetto   Rimontare Rimontare  
Categoria di discussione  Forum  



Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it