Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1818 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :
Ricerca personalizzata

Forum - Assistenza e consulenza Legale - Incidente stradale all'estero (viaggio per motivi di lavoro)


Numero di utenti 1818 utenti
 


il 25/09/2019 * 13:24
con timo_leone

timo_leone

1 messaggio

nel mese di Aprile sono stato in Svezia per lavoro, assieme ad altri colleghi. Abbiamo preso un taxi e siamo stati vittime di un incidente di una certa rilevanza. 

Il tassista ha eseguito una manovra di sorpasso, su una strada "statale" a doppio senso di marcia, con immissioni laterali. il tentativo di sorpasso era di 4 macchine e di un camion in testa alla fila. Il camion però ha svoltato a sinistra, e noi inevitabilmente siamo andati addosso. 

Risultato: tutti gli airbag del taxi scoppiati, traffico bloccato sulla statale. Siamo riusciti ad uscire con le nostre gambe, fortunatamente (ma con gli occhiali rotti). Intervento di 4 ambulanze, 2 pattuglie della polizia e 2 autopompe dei pompieri. 

I paramedici che ci hanno visitato (sommariamente) sul posto, ci hanno detto che se ce la sentivamo potevamo proseguire il viaggio di rientro in Italia. Di comune accordo con i colleghi abbiamo proseguito il viaggio e siamo rientrati, andando immediatamente al pronto soccorso in Italia una volta arrivati, senza quindi coinvolgere l'assicurazione per i viaggi all'estero (europe assistance).

il referto medico del PS è stato di un trauma con colpo di frusta e di alcuni giorni di infortunio. 

Nel frattempo comunque si sono manifestati acufeni bilaterali e mal di schiena nella zona lombare. Dai raggi nessuna problematica. Ho fatto  quindi ricorso ad una risonanza magnetica e ad una visita dall'otorino per capire le cause dei fischi, ma rientra tutto nella norma, e a sedute di massoterapia (prescritte dal medico curante) per la schiena. 

Dal lato indennizzo la ditta per cui lavoro non apre incidente con l'assicurazione, e assolda un avvocato in Svezia per il recupero delle spese mediche.

L'avvocato ci comunica che l'assicurazione del taxi non copre le spese mediche in privato e che riconosce solo una percentuale degli occhiali, in quanto vecchi.... 

Ringrazio il cielo di esserne uscito "sano", ma a distanza di 6 mesi ho ancora acufeni bilaterali, mal di schiena, e complessivamente ho subito un esborso di più di 700 euro, oltre al danno biologico. 

A questo punto mi domando: visto che da parte della ditta non sembra esserci l'intersese a far rivalere i propri diritti con l'assicurazione del taxi, e visto che NON voglio tirare in ballo la ditta dal punto di vista legale, posso vedere di promuovere  una azione con la società di taxi, per recuperare almeno le spese sostenute, e aver un indennizzo? Posso rivolgermi alle società specializzate nel recupero indennizzi? 

Grazie  a chi mi darà un suggerimento

Stefano

Invia una risposta Alto  
Risposta n° 1
--------
il 29/09/2019 * 18:22
con Avvocatocesari

Avvocatocesari

125 messaggi

Consiglio di rivolgersi ad un avvocato di comprovata esperienza e non a Societa di lucro sui sinistri stradali in modo da verificare la possibilità di rivalersi per il risarcimento del danno, Fortunatamente non si parla di danno gravi alla persona per cui verificherei anche la copertura assicurativa del viaggio Europe Assistance per la copertura del rischio in modo da evitare spese ulteriori. Avv.Gianmarco CESARI - Aifvs 

Invia una risposta Alto  
attivo soggetto attivo   chiuso soggetto chiuso   Importante! Importante!   Nuovo Nuovo messaggio
Rettificare Rettificare messaggio   Chiudere Chiudere soggetto   Rimontare Rimontare  
Categoria di discussione  Forum  



Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it