Sei qui: Home » Forum » Assistenza e consulenza Legale » RISARCIMENTO DANNI CAUSA CADUTA
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Forum - Assistenza e consulenza Legale - RISARCIMENTO DANNI CAUSA CADUTA


 1849 membri
Connesso: ( nessuno )

  Oggetto n° 188
il 15/03/2015 • 22:49
da Giorgio77
 

Buonasera a tutti,
vorrei sottoporvi a un quesito.
A causa di una buca non segnalata, sono caduto dalla moto fratturandomi la gamba e il braccio, rimanendo bloccato per mesi.
Al momento riesco giusto ad usare il computer per fortuna.
Il mio legale ha suggerito e inviato una richiesta di risarcimento all'ufficio competente del comune di riferimento.

Mi chiedo se questa sia la giusta procedura da seguire.

Inoltre, trattandosi d'infortunio sul lavoro, sempre il mio legale, sostiene che nel caso in cui il comune accolga la richiesta di risarcimento,
non dovrò/potrò per legge accettare il risarcimento dato dalla valutazione danno dell'inail.
Mi viene detto che potrò essere rimborsato o dal comune o dall'inail.
E' corretto ?
Ma non sono due enti distinti?
non stiamo parlando di oggetti, ma di persone.

Spero in cosi poche righe di avere espresso correttamente i miei dubbi.
Ringrazio tutti coloro che sapranno rispondermi.
Giorgio
  
Risposta n ° 1
--------
il 21/03/2015 • 01:38
da Giorgio77
 

Buonasera, perdonatemi,
ma non c'è nessuno che si è fatto un'idea della mia richiesta?
Ho forse sbagliato forum o mancato di rispetto?
Se così mi scuso.
  
Risposta n ° 2
--------
il 27/03/2015 • 15:08
da avvocatocesari
 
visitatore

Il suo legale dovrebbe essere stato più attento nell'informarla adeguatamente sulla tutela dei suoi diritti perchè si leggono molti dubbi e perplessità nelle sue domande, ad ogni modo se la frattura della sua gamba supererà una valutaziopne del 6% di invalidità permanente il suo danno sarà indennizzato in parte dall'inail che poi si rivarrà sul diretto responsabile in teoria.. avrebbe dovuto anche esporre una denuncia querela entro tre mesi dal fatto dannoso e magari far accedere un consulente tecnico per rilevar elo stato della buca e quindi l'insidia, potrebbe aver già richiesto anche un accertamento tecnico preventivo sulla situazione della buca e sulla strada.. le consiglio di affidarsi ad un bravo ed esperto medico legale per aver cura di evidenziare il cd danno differenziale per un congruo risarcimento, sempre che la buca sia stata un pericolo imprevedibile soggettivamente e abbia costituito una insidia pericolosamente obiettiva. Avv. Gianmarco Cesari AIFVS 
  
Risposta n ° 3
--------
il 30/03/2015 • 13:03
da Giorgio77
 

Gentile Avv. G. Cesari,
La ringrazio per la sua cortese attenzione,
Al momento dell'incidente, circa 3 mesi, è stata inviata lettera al comune in cui si denunciava l'accaduto, e ovviamente la buca, ma dubito sia stata richiesta perizia o quant'altro.

In riferimento alla buca non v'è dubbio che sia un pericolo, e sta a me dimostrare la responsabilità comunale.

E' stato molto chiaro e farò tesoro del suo parere e consiglio.
Grazie.

Distinti saluti,
Giorgio
  
oggettoattivo   oggettochiuso   Importante!   Nuovo  
Rettifica messaggio   Chiudioggetto   Rimontaoggetto