Sei qui: Home » News siti amici » News TGCOM
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


Genova, cameriera chiede lo stipendio al suo titolare: aggredita  

L'episodio è avvenuto la mattina del 30 giugno a Riva Trigoso, in provincia di Genova. I carabinieri, intervenuti subito dopo l'accaduto, stanno vagliando la versione dei fatti. Al momento quella più accreditata vuole che la donna sia entrata nel ristorante e sia stata aggredita dai titolari dell'attività prima con un pugno in pieno volto poi, una volta a terra, con colpi sul resto del corpo. 

I volontari della Croce Rossa hanno raccolto la donna, una maschera di sangue, che ha detto subito di esser stata aggredita: l'ha raccontato subito anche ai carabinieri che l'hanno raggiunta in ospedale. A loro ha detto che il primo schiaffo l'ha fatta cadere a terra e che poi è caduta contro quella vetrata, ferendosi malamente.
 

Leggi di più

(30/06/2022 • 20:00)

(30/06/2022 • 19:13)

Verona, un docente di religione critica il vescovo: licenziato 

 

Voto, "gregge" e "laici" - La notizia è stata diffuso dal portale di informazione cattolica Adista.it, che ha raccontato i dettagli della cacciata del teologo e professore. L'indicazione sarebbe stata data dal vescovo ai sacerdoti, perché la trasmettessero ai fedeli, "con il pretesto di ricordare la scomparsa di padre Flavio Carraro, suo predecessore alla guida della diocesi". Così si legge sul portale, che commenta tale mossa come un intervento che ripropone "l'idea di una Chiesa clericale che, tramite i pastori, guiderebbe, in questo caso verso i pascoli di 'destra', il 'gregge' dei fedeli laici, non ritenuti evidentemente capaci di pensiero autonomo". 

 

Il precedente del 2015 - Lo stesso Adista ricorda anche che già nel 2015 Zenti sostenne esplicitamente, con nome e cognome, in una lettera ai prof di religione, Monica Lavarini, candidata nella lista civica vicina al presidente uscente Luca Zaia per le regionali in Veneto e iscritta alla Lega Nord. 

 

 

La lettera aperta del prof - Campedelli però ha risposto al vescovo con una lettera aperta facendo riferimento al libero pensiero con l'intenzione di provocare un dialogo, un confronto, un "intelligente e responsabile dissenso", attraverso una serie di domande: "Oggi, nel 2022, c'è bisogno che il prete dica ancora alla gente cosa votare? Siamo sicuri che i laici e le laiche circa la vita, con la sua concretezza, siano meno esperti dei preti (che circa la vita in realtà sono sempre un po' in ritardo)? Perché il vescovo Zenti su certi temi nella lettera è così preciso e dettagliato: parla di 'gender', 'scuola cattolica' e su altri è così generico come 'accoglienza dello straniero'? Perché allora in questo caso non parlare di 'ius soli' o di 'ius culturae'?. Perché il vescovo Zenti ha messo così tanto zelo nel voler ostacolare e chiudere esperienze in città e in provincia particolarmente attente al dialogo con la diversità?". 

 

Campedelli, che insegnava al Maffei da 22 anni, continua l'affondo: "Si dice che la Chiesa non sia una democrazia. E questo sarebbe un motivo sufficiente per non esprimere il proprio dissenso? I preti devono sempre obbedire?". E chiude il documento facendo cenno al caso degli abusi sessuali di membri del clero all'Istituto per sordomuti Provolo, rivendicare con forza l'autonomia di pensiero dei cattolici. 

 

Leggi di più

(30/06/2022 • 18:17)

Strage di Viareggio, appello-bis: Moretti condannato a 5 anni 

La corte ha dichiarato estinto per prescrizione il reato di omicidio colposo seguendo le indicazioni della Cassazione. Moretti è stato condannato per disastro ferroviario colposo, incendio e lesioni colpose. La corte ha escluso la colpa dell'omessa disposizione della riduzione della velocità dei convogli merci, uno dei profili colposi su cui la Cassazione aveva chiesto di valutare nel merito

Leggi di più

(30/06/2022 • 17:40)

Palermo, ascensore precipita dal quinto piano: tre persone ferite in gravi condizioni 

 

 


L'uomo lavora alla Reset, società del Comune di Palermo, la moglie è casalinga e la cognata vive nello stesso appartamento della coppia, al quinto piano dello stabile. I tre erano in ascensore quando la cabina è precipitata facendo un volo di oltre 10 metri. "Eravamo in casa quando abbiamo sentito un botto tremendo - ha raccontato Jessica di Fede, un'inquilina del palazzo -. Siamo usciti e c'erano queste persone che urlavano. Mio marito ha aperto le porte dell'ascensore ed è riuscito a tirarli fuori".


"Stiamo facendo tutte le verifiche non solo sull'ascensore che è caduto, ma anche su quelli dei palazzi vicini. Ascensori che sono stati installati tempo dopo la costruzione degli immobili", ha dichiarato Fabrizio Pandolfo, commissario dello Iacp, l'istituto case popolari a cui appartiene lo stabile in cui si è verificato l'incidente. "Stiamo verificando tutta la documentazione sull'installazione degli ascensori, sulle manutenzioni e sui collaudi. Tutto sarà fatto in breve tempo per rispetto di quanti vivono nelle abitazioni - ha aggiunto - I nostri tecnici sono nella zona dell'incidente e a disposizione delle forze dell'ordine e di chi sta coordinando le indagini".

Leggi di più

(30/06/2022 • 16:53)

Caldo torrido, solo il 3% degli italiani è disposto a rinunciare al condizionatore 

A fornire il dato è un'analisi di Reputation Rating. L'azienda, sfruttando un algoritmo basato su un modello di intelligenza artificiale, misura la reputazione delle organizzazioni sul web. 

 

Dalla ricerca, pubblicata su Reputation Review: Quarto Potere, emerge un aumento nell'uso dei condizionatori pari al 28%. Questo causa un maggiore consumo di energia elettrica, che a sua volta comporta un aumento dell'1% delle emissioni di CO2. A pesare su quest'ultimo dato c'è anche la decisione del governo di riattivare le centrali a carbone per scongiurare un'eventuale crisi energetica. 

 

Monitorando l'atteggiamento delle persone sui social e tracciando alcune parole chiave nel 2022, la ricerca evidenzia che l'82,8% dei consumatori dichiara di non poter fare scelte sostenibili a causa dell'aumento dei prezzi. E questo nonostante l'attenzione degli italiani verso la tematica ambientale resti comunque molto alta. 

 

L'impennata dei costi è l'ostacolo maggiore che si frappone tra le persone e la salvaguardia del pianeta: secondo lo studio, a livello globale l'86% dei consumatori punta più a risparmiare che a fare scelte sostenibili. 

 

Con una minore attenzione all'impatto dei consumi, però, crescono anche le emissioni di CO2: nel 2021 sono aumentate del 6% in tutto il mondo, raggiungendo così il livello più alto dall'inizio delle rilevazioni. 

 

“Una crescita così vertiginosa delle emissioni di CO2 rischia di farci raggiungere il punto critico di riscaldamento globale in soli tre anni. Questo accade perché le economie globali sono in ripresa ma continuano a basarsi sull'utilizzo di combustibili fossili per produrre energia”, ha dichiarato a Repubblica il direttore di Reputation Review Davide Ippolito.

Leggi di più

(30/06/2022 • 16:38)

Covid, 83.274 nuovi casi su 296.030 tamponi e altri 59 morti 

 

 

I numeri della pandemia - Sono 261 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 13 in più rispetto a mercoledì. Gli ingressi giornalieri sono 43. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 6.592 (+338). Gli attualmente positivi sono 884.789, quindi 49.576 in più nelle ultime 24 ore. In totale sono 18.523.111 gli italiani contagiati dall'inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 168.353.

Leggi di più

(30/06/2022 • 16:06)

Coronavirus, la situazione dei contagi in Italia: la mappa e i grafici interattivi 



Tutti i numeri del contagio
 

 

La situazione in Italia, regione per regione

 

Rapporto tra persone sottoposte a tampone e contagi rilevati

 

La pressione sulle terapie intensive (dati in %)

 

Deceduti e terapie intensive, la variazione nelle 24 ore

 

Contagi, guarigioni e decessi: l'andamento giorno per giorno

 

Nuovi contagi, attualmente positivi, guarigioni e decessi

 

 

Se non visualizzi i grafici clicca qui

 

 

Leggi di più

(30/06/2022 • 16:00)

Napoli, rubò un gratta e vinci da 500mila euro a un'anziana: condannato a 5 anni 

 

Il pm: "Vicenda tragicomica" - Come aveva già fatto il Tribunale del Riesame, anche il sostituto procuratore Enrica Parascandolo, durante la requisitoria, ha definito "tragicomica" la vicenda. La pm ha detto che l'imputato ha portato avanti "un diabolico disegno criminoso volto ad assicurarsi il profitto del delitto". All'imputato gli inquirenti contestano, oltre al furto aggravato del biglietto vincente, una tentata estorsione, per la sua richiesta di ritirare la denuncia presentata al nipote della vittima. Una perizia aveva messo in dubbio le capacità di intendere e di volere di Scutellaro, che vennero successivamente ritenute sussistenti in una seconda consulenza. 

 

 

Il legale: "Ricorso in appello" - L'avvocato ha subito annunciato il ricorso in appello chiedendo, al termine dell'arringa, l'assoluzione per la tentata estorsione e l'esclusione dell'aggravante per il furto: per entrambi i capi di imputazione è stato inoltre chiesto il riconoscimento del vizio di parziale incapacità di intendere e di volere. 

 

La telefonata al nipote della vittima - Sul reato di estorsione, il pm ha sottolineato al nipote della vittima l'imputato aveva detto che l'unico modo di non perdere la vincita era trovare un accordo, ritirando però la denuncia ai suoi danni. Tale proposta, ha evidenziato il magistrato, "sicuramente integra una minaccia implicita, elemento costitutivo dell'estorsione". 

 

 

Scutellaro e "le voci" - Scutellaro aveva spiegato di aver agito su "suggerimento" di alcune voci che sentiva nella sua testa. Ma per il pm l'uomo aveva sofferto di alcune patologie nel 1991, mentre nel 2021 ha agito in piena consapevolezza.

 

Il legale e i dubbi sulle minacce - Il legale Vincenzo Strazzullo ha prima ricordato la risonanza internazionale della notizia, facendo notare che "mi ha telefonato anche un giornale americano", sottolineando che si tratta "dolo di un furto", e poi evidenziato una circostanza che dimostrerebbe la disponibilità a collaborare. Scutellaro, ha chiarito, si è presentato spontaneamente, invece di partire, alla polizia di frontiera dell'aeroporto di Roma. Ha inoltre voluto replicare sull'accusa di minacce: "Nella telefonata (intercettata ndr) è il nipote della donna a dire 'mettiamoci d'accordo', mentre Scutellaro nemmeno sa della denuncia. E, quindi, dove sta la minaccia?". 

 

Infine, l'avvocato ha ricordato l'iniziale "incapacità di intendere e volere" emersa dalla prima perizia, poi ribaltata da una seconda consulenza, frutto, secondo il legale, di una richiesta "quantomeno anomala". 

Leggi di più

(30/06/2022 • 15:40)

(30/06/2022 • 15:14)

(30/06/2022 • 14:47)

Sabato previsto caldo record, 22 città da bollino rosso  

 

Tra le altre città, Torino, Venezia e Genova resteranno gialle (condizioni di pre-allerta di un'ondata di calore) fino a sabato, mentre Milano e Verona lo saranno anche venerdì, e sabato diventeranno arancioni (rischio salute a causa del caldo solo per le fasce più fragili della popolazione). 

 

 

Le ondate di calore, rileva il ministero della Salute sul suo sito, si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche, osserva il ministero, "possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione". 

 

Leggi di più

(30/06/2022 • 14:35)

(30/06/2022 • 12:45)

Siccità: il Corpo Forestale dei Carabinieri alle prese con furti d'acqua | Le regioni del nord Italia prime per numero di reati 

I "ladri d'acqua" non si fermano dinanzi a nulla. Neppure di fronte alla crisi ambientale che il nostro paese. Nella provincia di Treviso alcuni agricoltori locali sono stati scoperti attingere acqua dai canali di irrigazione, ben oltre l'orario consentito, per bagnare i propri campi di mais. Nel territorio di Benevento, invece, stavano provando a prelevare sedimenti dal letto del fiume Sabato.

Mentre a Gualdo Cattaneo, in provincia di Perugia, i Carabinieri Forestali hanno sequestrato un pozzo abusivo, la cui acqua veniva utilizzata per uso domestico e industriale. Questi sono alcuni degli esempi riportati nell'articolo dell'Huffington Post che utilizzati come cartina di tornasole sulla tipologia di illeciti che vanno a minare l'equilibrio idrologico del Paese.

I carabinieri forestali svolgono, come ogni anno, il compito di contenere e prevenire i fenomeni che alterano l'equilibrio idrologico di fiumi e torrenti. Le oltre 800 stazioni dei militari, sparse in tutta Italia, hanno registrato che la maggior parte degli illeciti viene commessa nelle regioni del nord Italia come Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e Lombardia.

Seguono le regioni del Sud: testa di serie la Calabria dove, su 676 controlli, sono stati scoperti 104 reati, puniti con sanzioni amministrative e penali, per un totale di più di 200mila euro di sanzioni monetarie. Situazione migliore tra le regioni del centro, ma non priva di criticità: è il Lazio ad avere il primato con 18 illeciti amministrativi e 13 penali.

“Ogni anno promuoviamo questa campagna”, ha dichiarato il generale dei Carabinieri Nazario Palmieri “La estendiamo ai principali bacini idrografici italiani". L'ufficiale spiega come prelevi abusivi, costruzioni lungo le sponde dei fiumi, furti di ghiaia e deviazioni degli alvei siano reati ricorrenti. La situazione è aggravata poi dagli incendi: “Quando brucia un bosco - spiega il generale Palmieri - l'acqua defluisce sul terreno e non alimenta più le falde freatiche profonde, aggravando una crisi ecologica già drammatica”.

 

Leggi di più

(30/06/2022 • 12:36)

Agerola, viaggio dove fino agli anni '70 non c'erano condutture idrauliche 

 

La scarsità di piogge e le temperature roventi delle ultime settimane continuano a preoccupare l'Italia da nord a sud, con il mare che per la prima volta è avanzato nel delta del Po per 30 km.

 

Di fronte al rischio di un razionamento e agli inviti degli esperti a fare un uso responsabile dell'acqua potabile, le telecamere di "Controcorrente" sono andate nel comune di Agerola, in provincia di Napoli, dove fino agli anni Settanta non c'erano condutture idrauliche e l'acqua si raccoglieva dalla sorgente.

"Non avevamo l'acqua in casa, perciò si faceva a turno per andare a prendere con un barile o un bidone", ricorda la 90enne Antonietta, che poi aggiunge: "Io vado ancora a prenderla, perché non arriva niente da sola".

 

Leggi di più

(30/06/2022 • 11:50)

(30/06/2022 • 11:47)

Biella, morto a 17 anni in un incidente in moto: i compagni sosterranno l'esame di Maturità al suo posto 

Il compagno che si sottoporrà all'esame al posto di Nicolò lo farà una volta terminata la sessione degli esami orali. Sosterrà un colloquio alla presenza dei genitori del 17enne scomparso. 

 

La richiesta dei compagni - "Abbiamo partecipato alle esequie con lo stendardo dell'Istituto per far sentire alla famiglia la nostra presenza e ci piacerebbe, se fosse possibile, portare simbolicamente Nicolò all'esame di Maturità, insieme a noi - avevano scritto i ragazzi alla dirigente scolastica Cinzia Ferrara, come riporta la Repubblica, nella lettera in cui chiedevano di poter sostenere la maturità al posto del loro amico -. Ci piacerebbe che la famiglia potesse avere un documento, anche se privo di valore legale, redatto dalla commissione d'esame, che in qualche modo lo ricordi e dica che verosimilmente, se fosse stato con noi, avrebbe sostenuto l'esame di Stato così come speriamo di sostenerlo noi".  

 

La dirigente e il corpo docenti avevano accolto la loro richiesta senza esitazioni. "La maturità avrebbe dovuto avere un compito in più da correggere e un'interrogazione in più. La mancanza di Nicolò è stata una presenza costante per tutto l'anno che sarebbe dovuto ripartire nella normalità. Apprezziamo la sensibilità dei nostri ragazzi", ha commentato l'insegnante di lettere dei ragazzi.

Leggi di più

(30/06/2022 • 11:20)

Emergenza Oceani, Giovanni Soldini: "Trattiamo il mare come una pattumiera, sfruttiamo le sue risorse senza limiti" 

"Purtroppo il nostro mare non sta in forma, il mare così come tutto il resto del pianeta subisce molto le azioni della specie umana che è sempre più numerosa sulla terra e che ha un modello di sviluppo poco sostenibile". Così a "Morning News", in collegamento dalla sua barca al largo di Lisbona, il velista Giovanni Soldini. "Da una parte usiamo il mare come una pattumiera, la maggior parte dei prodotti di plastica che utilizziamo alla fine finisce in mare - considera il velista - e dall'altra lo usiamo come se fosse di dimensioni infinite e, in qualche modo, lo sfruttiamo senza limiti". 

Il velista che si trova in Portogallo per la conferenza Onu che si sta occupando, proprio in queste ore, dell'emergenza Oceani parla poi della sua vita in barca a vela e di come prova ad avere uno stile di vita più possibile sostenibile e rispettoso dell'ambiente. "Su questa barca per cucinare facciamo uso solo della pentola a pressione - racconta Soldini - perché è una fantastica soluzione per risparmiare tanta energia. Inoltre su questa imbarcazione - continua il velista - l'impianto solare è in grado di fornire circa il 95% dell'energia necessaria per vivere e navigare, qui è tutto pensato per ottimizzare i consumi", conclude. 

Leggi di più

(30/06/2022 • 11:05)

Siccità, Anbi: "La grande sete adesso riguarda il Centro" 

A soffrire maggiormente nelle Marche sono le zone di Ascoli Piceno e Fermo, per la perdurante assenza dell'80% delle piogge; i volumi d'acqua, trattenuti negli invasi, calano di un milione di metri cubi a settimana per riuscire a dissetare le campagne e tutti i fiumi hanno portate inferiori alle annate scorse (record storico negativo per il livello del Sentino: -38 centimetri).

 

In Toscana il Bisenzio ha 0,30 metri cubi di portata al secondo contro una media di 2,42 mc/sec) e l'Ombrone è oramai trasformato in un rigagnolo da 500 litri al secondo, quando il Deflusso Minimo Vitale è indicato in 2 mc/sec. Nel Lazio l'Aniene è praticamente dimezzato rispetto alla portata media, il Tevere registra livelli più bassi anche del 'siccitosissimo' 2017, Liri e Sacco segnano il dato più basso in anni recenti, il lago di Nemi è di oltre un metro più basso del 2021 e Bracciano è a -32 centimetri dal livello dello scorso anno.

 

In Campania, tutti i fiumi sono in deficit rispetto allo scorso anno (portata odierna del Liri-Garigliano: 36 mc/sec 36; nel 2021: 100 mc/sec), mentre in Abruzzo è la zona di Chieti a soffrire maggiormente per la mancanza d'acqua. Al Sud sono le temperature particolarmente alte di aria e mare a caratterizzare il periodo: ne sono evidente conseguenza gli oltre 11 milioni di metri cubi d'acqua, prelevati in una settimana dagli invasi della Basilicata, le cui disponibilità idriche stanno segnando un deficit di circa 37 milioni di metri cubi sull'anno scorso. Resta, invece, ancora positivo il bilancio dei principali bacini pugliesi, nonostante un prelievo settimanale superiore ai 14 milioni di metri cubi.

Leggi di più

(30/06/2022 • 10:56)

Siccità, cozze e vongole a rischio a causa dell'acqua calda | L'allevatore: "Quasi tutte morte" 

La siccità sta mettendo a rischio anche gli allevamenti di cozze e vongole. A testimoniarlo è uno dei diversi allevatori della Laguna di Marinetti, in provincia di Rovigo, sul Delta del Po. "Un buon 40% delle vongole raccolte in questo preciso istante è morto - spiega l'allevatore in collegamento con "Morning News" - la ragione è la troppa salinità dell'acqua perché ormai non piove più. La quantità di sale dovrebbe essere al 20% invece è del 33, oltre a essere bollente l'acqua". 

La situazione è così da circa un mese, ciò ha provocato la morte dapprima delle vongole più piccole e poi dei molluschi più grandi, quelli destinati alla vendita. "La situazione attuale fa temere il peggio - dichiara invece l'imprenditore di molluschi - questa è una laguna con acqua salmastra ma le condizioni ambientali l'hanno trasformata in acqua di mare. Le acque di transizione sono scomparse e - continua - la vongola fa fatica ormai a sopravvivere". 

 

Le vongole della laguna di Venezia sono le più pregiate al mondo e le più contese dai diversi Paesi europei, questa situazione comporterà secondo l'imprenditore: "l'acquisto di molluschi fuori dall'UE, per i quali sarà difficile il tracciamento". 

Leggi di più

(30/06/2022 • 10:21)

Ultimo aggiornamento: 30/06/2022 &b000000ThursdayThursday; 20:06