Sei qui: Home » News siti amici » News TGCOM
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(27/01/2022 • 21:01)

(27/01/2022 • 20:35)

(27/01/2022 • 18:49)

(27/01/2022 • 18:46)

(27/01/2022 • 18:45)

Siena, cittadina russa vaccinata con 4 dosi non ha ancora ottenuto il Green pass | Asl: "Problema informatico" 

"E' ormai il secondo mese che cerco di sopravvivere senza il Green pass - ha detto la giovane rivolgendosi per mail all'associazione - rinunciando completamente alla mia vita sociale, dicendo sempre di no ai miei amici quando mi invitano a cena. Non posso neanche prendere un caffè al bancone del bar. Sono anche una volontaria e voglio fare una vita normale: voglio studiare, lavorare, vedere persone. Sono un essere umano e vorrei solo riavere la mia vita".

 

Secondo quanto riferito dalla donna, il 24 novembre 2021, ha ricevuto la prima dose di Moderna all'ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena. Dopo circa un mese, sempre all'ospedale, ha ricevuto la seconda dose ma né dopo la prima vaccinazione, né dopo la seconda, ha ottenuto la certificazione verde che ancora non risulta in suo possesso.

 

"Neanche una denuncia ai carabinieri ha smosso più di tanto le acque - conclude l'associazione -. Possiamo capire che tra milioni di vaccini possa esserci un errore, ma che non ci sia neanche un ufficio deputato a correggere gli errori, non lo capiamo".

 

Asl: "Problema informatico" - A spiegare cosa è successo è ora l'Asl Toscana. "Dopo la vaccinazione - ha fatto sapere - si è verificato un problema informatico di registrazione del luogo di residenza, che ha di fatto bloccato l'emissione del Green pass. La posizione è stata adesso aggiornata e non ci sono più ostacoli all'emissione del documento da parte del ministero, nei tempi previsti per l'elaborazione della pratica".

Leggi di più

(27/01/2022 • 17:53)

Giovane segregato per anni in Calabria: legato al letto di un tugurio 

 

Legato al letto in un tugurio in Calabria per anni. A denunciare vicenda che vede protagonista un 27enne è Cosmo De Matteis, presidente emerito nazionale del Sindacato dei medici italiani. Liberato dai carabinieri, il giovane ha diversi problemi psicologici e di comunicazione: "Quando è stato tolto da quella situazione - ha spiegato il medico a "Pomeriggio Cinque" - il ragazzo era in grave condizioni, al pari di quella di un cavernicolo: non sapeva camminare e non sa mangiare, tanto che è stato necessario alimentarlo con i liquidi".

 

 

Attualmente il ragazzo è ricoverato in una struttura, che però lo potrà ospitare soltanto per 60 giorni. Lì il giovane è accudito dagli operatori che lo hanno in cura: "In alcuni casi si è rivelato anche aggressivo - ha continuato il medico - ora dopo i primi giorni di ricovero, sta già migliorando".

 

 

 

 

La trasmissione di Canale 5 è riuscita poi a intercettare anche la madre che ha negato quanto scritto nei verbali dei Carabinieri: "Non è vero che l'ho legato - ha replicato - sono malignità che circolano da anni, volevano portarlo in una struttura, ma in molti lo hanno rifiutato". 

Leggi di più

(27/01/2022 • 17:49)

Covid, in Italia 155.697 nuovi casi con 1.039.756 tamponi e 389 morti 

 

I numeri della pandemia Continuano a calare intensive e ricoveri ordinari. Sono 1.645 le terapie intensive, 20 in meno di mercoledì nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 125. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 19.853, cioè 148 in meno rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 2.706.453, in calo di 10.128 nelle ultime 24 ore.

Leggi di più

(27/01/2022 • 17:33)

Coronavirus, la situazione dei contagi in Italia: la mappa e i grafici interattivi 



Tutti i numeri del contagio
 

 

La situazione in Italia, regione per regione

 

Rapporto tra persone sottoposte a tampone e contagi rilevati

 

La pressione sulle terapie intensive (dati in %)

 

Deceduti e terapie intensive, la variazione nelle 24 ore

 

Contagi, guarigioni e decessi: l'andamento giorno per giorno

 

Nuovi contagi, attualmente positivi, guarigioni e decessi

 

 

Se non visualizzi i grafici clicca qui

 

 

Leggi di più

(27/01/2022 • 17:00)

(27/01/2022 • 14:54)

(27/01/2022 • 14:17)

(27/01/2022 • 14:02)

(27/01/2022 • 13:37)

(27/01/2022 • 13:34)

Milano, "perde" un dito durante un tentato furto: è caccia al ladro della ricicleria 

Secondo quanto ricostruito grazie alle immagini delle telecamere del sistema di sorveglianza, alle 20 del 25 gennaio da un'auto erano scesi due uomini che avevano scavalcato la recinzione. All'arrivo della guardia giurata, i due ladri sono riusciti a fuggire, ma uno dei due avrebbe perso il dito rimasto incastrato a causa dell'anello.

 

 

Il giorno dopo, un uomo si era messo alla ricerca del dito perduto, mentre un complice lo attendeva in auto. Anche stavolta, l'arrivo del vigilante, ha mandato in fumo tutto.

 

Del dito ritrovato, due falangi dell'anulare destro, ora si accerterà la "proprietà" attraverso le impronte digitali.

Leggi di più

(27/01/2022 • 13:15)

Lodi, "Non mi vaccino, non sono una cavia": no vax prende il Covid, rifiuta il ricovero e muore 

 

Fisichella era a casa in malattia da una decina di giorni. Secondo quanto si è appreso, la donna ha rifiutato il ricovero in ospedale quando i familiari hanno chiamato l'ambulanza dopo aver visto, mercoledì, che faceva fatica a respirare. Poche ore dopo è morta. 

 

Il procuratore della Repubblica di Lodi: "Era l'unica dipendente non vaccinata" - "È morta di Covid l'unica dipendente no vax che avevamo", ha dichiarato il procuratore della Repubblica di Lodi Domenico Chiaro. "Chi non si vaccina - aggiunge - rischia effettivamente di morire, soprattutto se ci si rifiuta di sottoporsi anche alle cure. La gente deve saperlo".

Leggi di più

(27/01/2022 • 13:06)

(27/01/2022 • 13:04)

Covid, Ospedali: "Una donna incinta su 6 partorisce con il virus" 

"La presenza di pazienti gravide positive - ha spiegato Giovanni Migliore, presidente della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso) - pone un problema dal punto di vista gestionale: a differenza di tante altre condizioni di positività che possono essere gestite in reparti multidiscliplinari, una partoriente positiva al Covid va ricoverata nei reparti di Ostetricia e questo impone la duplicazione dei percorsi per l'assistenza di pazienti negative e positive, che devono essere separate, con il conseguente raddoppio delle risorse necessario. Occorre rivolgere ancora una volta un appello alla vaccinazione a tutte le donne incinte che ancora non hanno aderito alla campagna".

 

Dal punto di vista della salute, ha aggiunto Migliore, "il rischio, con l'ampia circolazione di Omicron, di avere l'infezione da SarsCov2 durante i 9 mesi, nei quali la donna è più suscettibile, è altissimo e può generare complicanze nella gravidanza, per la salute della donna e del bambino. La vaccinazione in gravidanza è utile per prevenire l'infezione e minimizzare rischi di complicanze".

 

Il presidente della Fiaso ha inoltre sottolineato che "la profilassi vaccinale è sicura per la madre e per il bambino, protegge entrambi durante la gravidanza e difende il bambino dal virus anche dopo la nascita. Vaccinarsi è il primo regalo che una madre può fare a suo figlio".

Leggi di più

(27/01/2022 • 12:43)

(27/01/2022 • 12:17)

(27/01/2022 • 12:03)

Ultimo aggiornamento: 27/01/2022 &b000000ThursdayThursday; 21:23