Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1797 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1557
con Cristina_Vignali il 27/02/2018 * 16:04

Gentilissimi

ho dimenticato di scrivere un dettaglio non da poco: ovviamente nessuno ha dimostrato che le cuffiette dell'ipod fossero accese !!!

E ovviamente la traitettoria di Davide tra i due cassonetti è stata smentita dal perito. Del resto: come fa un Cristo, un 15 di giugno, con il caldo afoso di quei giorni, a cercare, come via di attraversamento, mentre finisce la sua corsa serale, proprio il passaggio tra due cassonetti urbani, la cui distanza non gli avrebbe nemmeno permesso di passare, se non di taglio? e per giunta agli 8km/h?

Grazie

Cristina


Nota n°1556
con Cristina_Vignali il 27/02/2018 * 15:59

Gentilissimi

mi chiamo Cristina Vignali e sono la sorella di Davide, che nel 2011, a 28 anni, è stato travolto e ucciso a Modena, in una via residenziale, dietro alla nostra casa, limite 30km/h, mentre faceva jogging.

Il processo si è concluso venerdi scorso, con il solito e prevedibile risultato: l'imputata è assolta perché non sussiste il fatto.

3 gli argomenti della difesa:

1) Davide aveva le cuffiette alle orecchie;

2) Davide si è lanciato agli 8km/h tra due cassonetti dell'immondizia, attraversando da li' la strada, dove immancabilmente l'auto l'ha colpito.

3) Chiara Poletti, l'assassina, ora assolta, che era alla guida, guidava ai non meno dei 40km/h (tra i 40 e i 55 km/h per il perito della parte lesa). Ma colpo di scena: pare che in quella strada di Modena, udite udite, anche se i cartelli indicano "pericolo dossi" e velocità ai 30km/h, SI PUO CORRERE IN AUTO ai 50km/h E SOLO SUI DOSSI, andare ai 30.....

Per questo la condotta dell'assassina è stata giudicata corretta.

Vi chiedo aiuto.

Sapete come posso fare per fare un appello a livello nazionale e sapere se ci sono stati casi di vittime della strada che correvano a piedi corre con le cuffiette ma la cui sentenza è stata favorevole?

So che sono confusa, ma posso rispiegare se occorre

Infinitamente grata

fino all'ultimo respiro, saro' li' a gridare : VERGOGNA

Cristina


Nota n°1555
con Dino il 16/09/2017 * 18:23

Take a look on pulau pari web. Or direct your browser to pulau tidung. You may also go to Kampung Inggris.


Nota n°1554
con ANTONIO il 28/06/2017 * 10:34

Buongiorno: In tanti anni di Lavoro percorsi su strada Posso dire che LA FORTUNA non ci accompagna sempre ma bisogna pensare a quello che si sta facendo,L'Ossessione non è quella che ci permette di guardare a Destra o a Sinistra anche se il semaforo è Verde ,ma la Prudenza non è mai Troppa.Nel Rispetto della Natura e dell'ambiente il Platano è sempre Stato Presente in Molte Strade,Si ammala anche lui ma con Fatica Muore.Un malessere uno sbaglio a tutti può Capitare,ma il Platano non Perdona.ELIMINATELI DALLE STRADE!


Nota n°1552
con Riccardo90 il 29/09/2016 * 18:11
La prevenzione credo sia l'unica cura per portare ad una forte diminuzione le vittime per incidenti stradali. Veicoli super accessoriati portano ad una maggiore distrazione e quindi ad un maggior rischio di incidente.

Come dicevo all'inizio una forte prevenzione sensibilizzando le persone e i ragazzi già dalle scuole, aiuterebbe sicuramente a portare una diminuzione delle vittime.

Le pene inasprite non hanno portato, a parer mio, ad alcun risultato.

Nota n°1548
con Francopiacentini il 01/04/2016 * 22:23
Caro Nicolò, ma tu hai avuto modo di avere copia de testo che è stato depositato a nome AIFVS a supporto di questa nuova legge? lo hai mai letto?hai letto da qualche parte  sia stato approvato dall'assemblea dei soci o almeno dal consiglio direttivo? tu scrivi: Ti pregherei, pertanto, di selezionare  le tue forze costruttive per unirle alle nostre.Mah, a dire il vero io direi aver dato quindici anni della mia vita a questa associazione e se mi inviti ad unirmi a voi, si vede che non hai mai fatto una ricerca su google digitando il mio nome + familiari, ad esempio.Oppure, se è onesto, chiedi a Cesari.
Prima di parlare del bar dello sport, e propormi di unirmi all'AIFVS, magari sarebbe interessante cercare di ripassare un poco la storia dell'AIFVS

Nota n°1547
con sisagen56 il 30/03/2016 * 20:04
Un augurio, anche se con ritardo,  di Buona Pasqua a tutti ma soprattutto alla nostra Presidente Giuseppa Cassaniti  il cui lavoro di quest’ultimi anni si è concretizzato  in una bella legge sull’omicidio stradale. Speriamo che il signore le dia sempre la forza di andare avanti al fine di rappresentarci in questa prestigiosa associazione senza la quale saremmo privi di una voce così autorevole e così importante al fine di tutelare tutti coloro che sono stati  vittime della strada.  Sig.ra Bentivegna

Nota n°1546
con nicolo_gennaro il 30/03/2016 * 18:39

Caro Franco,

qualche giorno fa leggendo il tuo intervento tra gli ospiti del sito dell’AIFVS del 19.03.2016 constatavo che se da un lato concordavi con Fabiana affermando che  l’obiettivo principale è la prevenzione, la formazione, dall’altro criticavi l’operato della Presidente Cassaniti-Mastrojeni dicendo che “leggendo i vari commenti a firma Cassaniti non avevo trovato qualcosa che parlasse in concreto di prevenzione o formazione”.

A me viene spontaneo chiederti se l’approvazione da parte del Parlamento di questo Paese della legge sull’omicidio stradale non costituisca il risultato ultimo di un impegno non indifferente, visto che ha richiesto vari anni di lavoro, andando proprio nella direzione di quella prevenzione e formazione che tu pensavi, ingiustamente e forse con poca gratitudine, non essere presente nell’operato della Presidente Cassaniti-Mastrojeni.

Anche se in questi ultimi tempi si è ampliata la richiesta di giustizia per le vittime con partecipazione di tanti altri, su tutti prevale per continuità di impegno la nostra associazione con la voce della nostra presidente Pina Cassaniti Mastrojeni.  Ti pregherei, pertanto,  di selezionare  le tue forze costruttive per unirle alle nostre al fine di raggiungere nuovi  traguardi contro l’odioso crimine dell’omicidio stradale. Continuiamo a sostenere l’operato di chi oggi ci ha reso partecipe della gioia di avere finalmente  una grande legge che prende in considerazione le vittime della strada e mettiamo da parte i commenti da bar sport che non solo non contribuiscono alla crescita dell’ associazione ma vi arrecano pure danni di immagine. Se proprio abbiamo voluto bene ai nostri cari che ci hanno lasciato anzitempo riversiamo il nostro amore nell’AIFVS  nata con l’intento di far sentire sempre e comunque  la parola di chi la persa. 

 Nicolò Gennaro  socio AIFVS


Nota n°1545
con Patrizia_Q il 26/03/2016 * 18:47
Con l’augurio di pace,  serenità e salute a tutti voiBuona Pasqua 

Nota n°1544
con Francopiacentini il 19/03/2016 * 23:35
L’obiettivo principale è la prevenzione e la formazione.......Concordo. Mi chiedo solo, leggendo i vari comunicati a firma Cassaniti, dove si trovi qualcosa che parli, in concreto, di prevenzione o formazione.
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it