Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°1279
con   carla il 01/08/2009 * 16:13
Ci sentiamo vicini con tutto il cuore ai familiari di “nonno Peppino” grande e sincero il dolore che sentiamo. Condividiamo tutto ciò che avete scritto qui e sappiamo bene  che la perdita del vostro Caro non può essere considerata  una fatalità. Anche nostro figlio è stato ucciso sulla strada in sella alla sua cara bici- si trovava al suo posto, aveva il casco allacciato, indossava un completo arancio,teneva la sua destra, ma non è contato nulla di  tutto questo se chi era  alla guida di un auto  gli ha tagliato la strada negandogli  la precedenza. Il ciclista  è “ nudo” in  strada. Spesso sentiamo dire: -certo andare in bici è pericoloso!. come a dire vanno a cercarsela… Ecco, basterebbe fermarsi a questa domanda, e chiedersi perché è pericoloso? Alcuni suoi amici dopo la tragedia, hanno appeso la bici al chiodo, è giusto? Le regole, è scontato che dovremmo rispettarle tutti, ciclisti e pedoni compresi, prima di tutto per sé, per la propria vita,sono come  in un campo di battaglia senza armi e armatura.   Ma è sufficiente che ognuno di noi esca di casa per rendersi conto che la strada non è di tutti.  Non è disegnata e fatta rispettare da chi gli compete  perché sia di tutti, non è  ritenuta da chi la percorre uno spazio da condividere con gli altri nel rispetto reciproco e in particolare per i più deboli. Domani  faremo il possibile per esserci. PRECEDENZA ALLA VITA ,SEMPRE Un abbraccio commosso ai familiari di Giuseppe Di Luca e un pensiero affettuoso a “ nonno Peppino”, ilia e carlo (Piombino)