Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1800 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1158
con Enrico il 10/10/2008 * 10:55

Buongiorno a tutti voi. Anche io, recentemente, ho perso un caro amico e collega (uno dei due Poliziotti morti vicina a Caserta, mentre inseguivano una macchina). Questo è un caso diverso, ma secondo me non si farà mai abbastanza per ridurre il numero di morti sulle strade. Non vengono nenache presi in considerazione dei provvedimenti per ridurre o impedire l'uso della macchina da parte delle persone "negate" a guidare.: noi, ogni cinque anni, per rinnovare la patente, facciamo anche delle prove per i riflessi. Per le patenti comuni, queste prove non vengono fatte. Dobbiamo ammettere che la patente di guida porta soldi allo Stato e alle aziende che lavorano nel settore auto. Se dimezzassero il numero di guidatori, perchè hanno i riflessi da bradipo, secondo voi, quante macchine in meno si venderebbero? Quanta benzina in meno si venderebbe? Io, che sono un membro di un motoclub delle Forze dell'Ordine (www.blueknights.it) con i colleghi, organizzo dei corsi di guida sicura per i ragazzi delle terze medie, prima che comprino il motorino, e devo dire che molti ragazzi hanno una educazione stradale sbagliata, soprattutto per colpa dei genitori, che sono tutto meno che un esempio per i loro figli! Speriamo che la coscienza civile di tutti noi riesca a cambiare questa situazione. Buon lavoro anche a tutti voi. Enrico GAI.

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it