Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1795 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1095
con Uricchio il 20/07/2008 * 21:06
In Italia: Criminalità Organizzata e "Pubblica Amministrazione" - Una lezione lampante  da POMARICO (Provincia di Matera) Basilicata
Rubano ormai senza alcun scrupolo. Anche gli stessi Vigili Urbani a Pomarico affermano: "..Si, in Italia funziona così. Dalla Sicilia in su. Questo fa parte del "Sistema Italia"
Pensate non rubano solo i soldi pubblici italiani e quelli della UE. No, quelli non bastano più! Derubano anche gli emigrati, come noi. Gli abbiamo portato a Pomarico tutti i nostri soldi guadagnati in Germania e a furia di dispetti e furti ci hanno rubato tutto e distrutto ogni tipo di iniziativa.
Cosa stiamo lamentando e segnalando ?
Siamo la famiglia Uricchio, abbiamo acquistato a Pomarico - con i soldi guadagnati lavorando da emigrati in Germania - una proprietà di ca. 10.000 mq. I "potenti locali" hanno saccheggiato e distrutto tutto! Distrutto la famiglia e la proprietà acquistata a Pomarico. Per isolarci e metterci in gravissimo pericolo ci stanno, ormai da tanti  anni, anche "ammodernando"  in casa una Strada Provinciale. http://www.uricchio.de/protocollo_commento_it.htm  Così ci hanno tagliato anche fuori da ogni forma di sviluppo. E sapete cosa succede, se il cittadino osa addirittura protestare. Il 12.01.2008, approfittandone della nebbia, del fatto che la proprietà è priva di alcuna protezione e qundi soggetta ad invasioni illegittime e a vandalici, approfittandone addirittura anche del fatto che la proprietà è abbandonata, ignoti hanno strappato gli striscioni di protesta.
Pensate che il capofamiglia, Sig. Uricchio Antonio, ha perso la vita sulla "strada ammodernata". E pensate che l'ammodernamento lo hanno realizzato con i soldi pubblici italiani e anche con i sovvenzionamente della UE. Cose da matti. Però mi dicono che in Italia funziona così.
I metodi mafiosi sono palpabili e il sistema lo hanno talmente perfezionato da definirlo addirittura "Sistema Italia", però questo non interessa nessuno. E non interessa naturalmente anche nessuno, che la "strada ammodernata" ufficialmente non esiste.
Abbiamo chiesto aiuto per divulgare la notizia. Con sommo rammarico devo aggiungere, che stiamo avendo più successo al Nord, in Germania e nei Paesi Anglosassoni, che nella stessa zona.
Quindi la nostra protesta (Interventi giuridi degli Avvocati, striscioni, lenzuola ecc.) viene ignorata: Dai vigili, dai politici, dalla stampa ecc.ecc.
A questo punto il Sig. Uriccho Paolo si è visto costretto a dover arricchire il suo sito anche con questa dicitura:
La SINDROME DI MAGELLANO a Pomarico
Magellano, durante la sua sistematica esplorazione di zone costiere africane sempre più remote, approdò in un piccolo villaggio (Pomarico ?) di pescatori. Nel suo diario di bordo, annotò il curiosissimo fatto che gli indigeni del luogo erono incapaci di vedere le vele di cui le navi della flotta erano dotate, anche quando queste erano state loro indicate: Gli indigeni non avevano il concetto di vela, per cui la loro mente era incapace di vedere l’oggetto fisico. (Striscioni e lenzuola !) Questo comportamento della mente ha acquisito grande importanza scientifica (in psicologia e neurologia) – guarda caso le materie del dottorato del Sig. Mancini - negli ultimi anni ed è riconosciuto come SINDROME DI MAGELLANO. A Pomarico questa sindrome ha assunto carattere epidemiologico.
Prego quindi con la presente, nel nome mio e di tutta la mia famiglia, di aiutarci. Perchè apparentemente siamo davvero in Italia, dove tutto è corrotto e non c'è limite al peggio. Dove studiano sistemi raffinati e meschini per derubare anche gli emigrati, dopo aver derutato già tantissima gente di Pomarico.
In Basilicata, a Pomarico, in Provincia di Matera, dopo averci derubati della proprietà acquistata, ci stanno "ammodernando" da anni una "Strada Provinciale" in casa nostra per metterci in gravissimo pericolo. L'ultima volta? Adesso, il 2007! A detta del Sindaco mafioso di Pomarico i lavori sono "terminati". Volete farvi qualche risata ? Visitate per favore la seguente pagina del sito: In Inghilterra e in Germania stanno gia ridendo in tanti!
In Basilicata non si chiama Mafia, N'drangheta, Sacra Corona Unita ecc.
No! Si chiama solo: "Pubblica Amministrazione"
Noi abbiamo investito a Pomarico (Provincia di Matera) tutti i nostri soldi guadagnati in Germania. Leggete sul nostro sito cosa ci è successo e cosa di conseguenza può facilmente capitare a chi sfortunatamente decide di investire in quelle zone.
Un sito lucano pubblica, tra l'altro, quanto segue: "…In Provincia di Matera, così come in tutta la Regione Basilicata si registra il più basso tasso di criminalità d'Italia al pari con Valle D'Aosta e Molise"
Criminalità Organizzata e "Pubblica Amministrazione" - Una lezione lampante da Pomarico (Provincia di Matera). Leggete sul nostro sito cosa accade d'avvero in quella zona. Se vi dovesse interessare tutta la storia, siete pregati di visitare il nostro sito: www.uricchio.de Grazie e saluti a tutti da Monaco di Baviera, Paolo Uricchio
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it