Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1795 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1094
con anonima88 il 16/07/2008 * 12:46

salve a tutti ogni volta che entro in questo sito mi sembra di essere in una grande famiglia,perchè solamente chi prova lo stesso tuo dolore puo' capirti fino in fondo.Ho perso mio fratello a soli 8 anni nel 2001 per colpa di una persona che non chiamerei persona una animale.Era una giornata di festa per Maicol che era andato a prendere del vino con mio papa' e mio nonno.Purtroppo non è mai piu' tornato a casa.Il camion su cui viaggiavano è stato tamponato da una macchina ai 180/190 km sull'autostrada e per colpa di quella velocita' la mia famiglia è rovinata.Entro l'estate dovremmo fare il processo e dopodichè i miei genitori si saranno tolti il peso del processo.Purtroppo la giustizia italiana non aiuta, anzi ti rovina di piu' la vita.E' normale che una persona che andava a quella velocita' abbia di nuovo una patente e non sia in galera?chi sbaglia deve pagare e l'unica cosa che mi fa arrabbiare è il fatto che in 7 anni nessuno di quella famiglia abbia scritto un telegramma,una lettera alla mia mamma e questo ti fa' ancora piu' male perchè una madre ha diritto a chiedersi un perchè.Solo chi ha passato queste cose capisce che la vita bisogna viverla giorno per giorno senza arrabbiarsi o avercela con qualcuno perchè se da un giorno al'altro quella persona ti viene a mancare, non riesci piu' a vivere.

un saluto una sorella

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it