Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1795 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1059
con SABINOPREZIOSI il 06/06/2008 * 23:19
Penso che il mancato contatto sia una esperienza comune,questo amplifica ulteriormente il dolore ma mi permetto di dubitare assai che in questo caso si tratti di un atto spontaneo,questo signore è ben supportato,lo dimostra il fatto che è riuscito ad avere una pronta derubricazione della accusa grazie all'intervento "provvidenziale" del G.I.P. di turno in vena di fare il bastian contrario,la condotta del mezzo,l'omissione di soccorso e la fuga rientrano nel profilo del pirata "tipo" ormai ben delineato da fior di specialisti in materia,in questo caso la lettera di "mea culpa" è una stonatura,che penso non sarà di alcun conforto per i familiari dei ragazzi,voglio essere una volta tanto cattivo,a me sembra una  "presa per  i fondelli" ben ispirata da legali ben avvezzi a solcare i mari tempestosi dei nostri palazzi di giustizia in cui affogano solo i galantuomini e coloro,come i nostri cari,che in quanto morti non hanno nessun diritto alla difesa.Ribadisco che abbandonare sulla strada una persona in stato di necessità è un atto abietto e privo di alcuna giustificazione....indipendentemente da cosa possa pensare questo G.I.P di turno....ma una laurea non è garanzia nè di buon senso,nè di umanità. sabino AIFVS Ravennan
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it