Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°922
con Pilar il 19/11/2007 * 03:11
Ora che ho parlato sia con mia madre che con mio fratello posso confessarvi una cosa... (magari essendo parte dell'associazione avrebbero potuto leggere questa mia comunicazione prima di parlare con loro e non volevo accadesse...)
Tra tutte le storie dolorose che si leggono sempre qui, non c'è MAI nessuno che racconti che il colpevole per la morte del proprio caro (il nostro amico Michele), e come nel caso della nostra famiglia, anche dell'invalidità permanente del proprio caro (mio fratello Valerio) si sia avvicinato alla famiglia in sede processuale o al di fuori di essa per chiedere scusa o anche solo per porgere una parola di "conforto"...
Beh, al contrario delle "previsioni", ho deciso io di fare questo passo, e di rivolgermi al ragazzo che ci ha causato tanto dolore...
In realtà l'avevo già fatto a soli due anni dall'incidente, ma poi non ho portato avanti la cosa dopo il primo incontro per una serie di motivi... che in realtà non so neanche io perché non me ne ricordo!
Ora invece l'ho voluto re-incontrare, a distanza di 15 anni dall'incidente, e voglio cercare da tanto dolore e da tanta tristezza, di far nascere qualcosa di positivo e di buono... Perché sono convinta che qualcosa di buono possa nascere...
Incrociate le dita per la nostra famiglia... LUI non è una persona malvagia o senza scrupoli, e come sempre accade, se non si è mai fatto vivo neanche durante il processo non è colpa sua ma colpa di questi avvocati, del sistema, che suggerisce sempre di rimanere anonimi e in disparte, come se il dolore fosse solo parte della vita delle vittime e non di chi ha invece colpa... Quando anche loro che causano incidente, a meno che non siano dei veri bastardi dentro, soffrono poi per tutta la vita per il rimorso...
A noi "per fortuna" è andata così... Ma sono convinta che questo terreno sia fertile e potremo far nascere qualcosa di vitale...
E magari mio fratello incontrerà anche lui, questo ragazzo (sono coetanei, per giunta)...
E chissà...
E' come se fosse "il principio della fine di un incubo"... Io spero tanto sia così...
E auguro a tanti di voi, di poter vivere questa gioia immensa che ho provato io nell'incontrare questo ragazzo... Perché è un sollievo, ve l'assicuro...
smile
Grazie.