Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



new (1)

Annunci_e_ricerca_testimoni.png


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1800 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°877
con Giacomo il 08/10/2007 * 14:00
Premesso che gli incidenti si verificano per una serie di condizioni spesso concomitanti che l'uomo continua a creare e che fintanto che non si deciderà di ridurre queste condizioni il problema non verrà mai estirpato alla radice. Ci sono tre provvedimenti semplici che se applicati con rigore creerebbero negli automobilisti una sana psicosi che li trasformerebbe in poco tempo in prudenti piloti;
1)Mettere in circolazione numerose pattuglie mobili su mezzi non riconoscibili tipo vecchi furgoni, camper... attrezzati di telecamera nascosta e rilevatore di velocità. Tali mezzi dopo alcuni mesi di servizio devono essere scambiati con mezzi che hanno preso servizio almmeno a 300 km di distanza;
2) Disseminare ovunque il più possibile dei rilevatori di velocità accopiati ai quali, a distanza debita deve esserci una cabina chiusa dentro la quale senza alcuna regola di orario può esserci nascosto l'agente che ti ferma.
3)Crare un centro delle forze dell'ordine di raccolta segnalazioni " manovre pericolose" tramite sms n verde... oltre ad un certo numero di segnalazioni la polizia mette in osservazione l'auto plurisegnalata e verifica.
Dobbiamo fare in modo che la rete si stringa attorno ai tanti potenziali assasini, va bene inasprire le pene ma la prima cosa da fare è creare uno stato d'animo che inibisca l'imprudenza a vantaggio della prevenzione.
In un secondo tempo non meno importante é la prevenzione a livello culturale per diminuire tutte quelle condizioni che creano gli incidenti.,ma questo è un altro discorso.
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it