GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1800 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
Ospiti


Nota n°816
con Felice il 25/08/2007 * 23:50
nessuno deve finire vittima della strada.
La prima causa, certo, sarà l'alcool. Sicuramente, però, anche il mancato rispetto delle regole elementari crea situazioni di rischio; può andare bene una volta ma la centomillesima finisce male.
Quanti si sono accorti del mancato rispetto della freccia? Gli automobilisti credono che gli altri utenti della strada possano leggere nella loro mente e sapere cosa loro faranno, ad es. in prossimità di una rotonda. Perchè non andiamo con cartelli anche ironici a sensibilizzare gli automobilisti, dopo avere fatto un comunicato stampa della nostra iniziativa?
E acquistare dei rilevatori di velocità da usare sui rettilinei in città per mostrare agli automobilisti e ai passanti il rischio del loro comportamento, non è altrattanto utile? In contemporanea, si potrebbe allestire una mostra sui morti innocenti sulle strade. E magari appoggiare un iscritto alla nostra associazione che chiede di abolire una situazione concreta di rischio.
In fondo, dire ad un automobilista che gli indiani sono meglio di lui, visto che le frecce le sanno usare, potrebbe sempre servire a redimerne almeno uno. Che magari imparerebbe anche a fermarsi non sulle strisce pedonali mentre attende al semaforo.
Mille disattenzioni, giudicate in base a propri parametri arbitrari conducono poi a disastri tremendi.
Felice
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X