GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1800 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
Ospiti


Nota n°778
con angeloantonio il 08/08/2007 * 10:05
TRAGEDIA A STRA. Verso le 22 la donna, a bordo di una Suzuki, era diretta a Venezia: piantonata in ospedale. Traffico bloccato sulla Brentana

Ubriaca al volante uccide due pedoni

Giacomo Piran
I turisti tedeschi, sulle strisce, stavano rientrando all’hotel Venezia
 
STRA. Due morti è il tragico bilancio dell’incidente stradale di ieri notte: due turisti tedeschi di 60 anni falciati mentre attraversavano la strada sulle strisce pedonali per rientrare in albergo, investiti da una donna sui 40 anni, ubriaca. Il dramma ieri sera dopo le 22 sulla Brentana a Stra, davanti al park-hotel Venezia. A investire e uccidere i due turisti un’auto Suzuki Baleno guidata da una donna visibilmente in preda ai fumi dell’alcol. Portata via in ambulanza è piantonata dai carabinieri.
 E’ un attimo. Sono da poco passate le 22 quando i due turisti, dopo la giornata trascorsa a Venezia, rientrano a Stra dove alloggiano al park-hotel Venezia, sulla statale Brentana, a Stra, vicino al confine con la provincia di Padova. Danno un’occhiata alla strada e si avviano rigorosamente sulle strisce verso l’ingresso dell’hotel. Proprio in quel momento sopraggiunge da Padova verso Venezia un’auto a tutta velocità e li investe in pieno. Un bolide. La Suzuki centra in pieno i due turisti, li scaraventa a terra, la donna investitrice continua la corsa per una cinquantina di metri, poi scende e comincia a inveire contro i presenti. Nel frattempo sul luogo della tragedia sono volate le ambulanze del Suem e le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Chioggia, della Tenenza di Dolo e della stazione di Stra. Si trovano davanti quella donna che urla in modo forsennato, insultando i presenti. Non ci vuole molto a capire che è sotto i fumi dell’alcol. Viene presa dagli infermieri di una delle ambulanze e portata all’ospedale di Dolo, dove i carabinieri hanno deciso di piantonarla. Per i due poveretti solo la pietà di un lenzuolo sui corpi privi di vita sull’asfalto. Mentre nel weekend sulle strade della provincia i carabinieri hanno fatto strage di patenti applicando il decreto Bianchi, severo nei confronti di chi guida dopo aver alzato il gomito, ieri notte a Stra l’ennesimo episodio. La strada davanti all’hotel è stata bloccata, per raggiungere Padova occorreva deviare per le vie secondarie. I carabinieri hanno ascoltato le testimonianze di chi ha assistito al tremendo incidente, tutte concordi nel descrivere il teatro della tragedia, la folle corsa della donna e i due turisti centrati come birilli.
(08 agosto 2007)
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X