GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1800 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .
Ospiti


Nota n°694
con GabrielBonzer il 04/05/2007 * 14:25
Dal Corriere della Sera di oggi:

Caro Beppe,
sono un "tarantolato della guida veloce", e spero di poter rispondere pubblicamente alla lettera di Andrea Ivaldi del 2 maggio. I guidatori occasionali si riconoscono perchè non sanno bene dove stare e dove andare quando guidano. Niente da ridire in città - terra dei pedoni e dei ciclisti per definizione - o delle strade statali, che attraversano paesi. Ma sull'autostrada no, per favore no! Per definizione un'autostrada deve essere una via di traffico veloce. Chi guida sotto i 120 è da considerarsi un camion: che se ne stia nella prima corsia e non blocchi gli altri. Se i riflessi della madre di Ivaldi non sono buoni che si muova in treno, come il figlio. Io faccio 20mila km di autostrada all'anno, e i fastidi derivano dai "lenti" (autocensura) che stanno in seconda e terza corsia senza nessuno alla loro destra. Li', invece di fare i fari - inutili, tanto non guardano mica dietro - vorrei avere dei missili. Invece niente, aspetto sperando che accendano il cervello, facciano opera buona e si spostano. Poi tanto viaggiano nella corsia di mezzo - mica sono camion! E li vedi, mentre ti avvicini a loro, che guidano in terza corsia con la prima e la seconda vuote come le loro teste, se dopo un po' fai i fari prima frenano, poi ti gurdano, pensano "Tà, c'e' un altro", si spostano e quando li hai passati ti fanno loro i fari, forse per chiedere aiuto, "non so dove devo andare". La mia speranza quando guido, invece, è di trovare un altro tarantolato: uno che cambia di corsia a seconda delle esigenze e non delle stagioni, che tiene una velocità costante che produca quel poco di adrenalina che tiene l'attenzione viva e che faccia spostare le "boe" sul percorso. A volte mi capitano un gruppo di tarantolati e allora giungo a destinazione presto fresco e rilassato: una bellezza.

Gabriel Bonzer, gbonzer@hotmail.com
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X