Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°664
con   andrea il 13/03/2007 * 13:10
Anni fa ho perso un amico per un incidente stradale causato da altri (morti anche loro, purtroppo) e diverse volte mi sono trovato in situazioni da cui sono uscito indenne solo grazie a Dio. Ma ringraziando Dio per avermi salvato in queste situazioni contingenti, credo che la sicurezza generale sulle strade spetti soprattutto a noi uomini, magari, specie qua in Italia, prendendo spunti da esperienze estere nell'organizzazione della mobilità. In diverse zone d' Europa si può uscire alla sera, anche a notte inoltrata, senza l'obbligo dell'auto. Quindi, no alla vendita di auto in grado di superare i limiti massimi di velocità consentiti e sì ad una organizzazione della mobilità che renda le città più fruibile, anche nelle ore notturne, senza la dipendenza dall'auto o dalla moto. Se avete voglia visitate Peglimobile, il mio blog sulla mobilità sostenibile da applicare a Genova.