Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1800 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°593
con Golf_GT_75 il 04/01/2007 * 01:12

Ciao Maria,si sono del 75 anch'io,mi spiace per la perdita di tuo figlio.

Credo che i genitori la loro parte la debbano fare sicuramente,ma lo stato dovrebbe metterci piu' vigore
con leggi severe nei confronti dei neopatentati,non questa cosa che e' uscita in questi giorni che
chi ha 18 anni se vuole guidare auto con piu' potenza deve sostenere un esame in piu'..che significato ha?
dopo l'esame diventa piu' adulto e responsabile?non ci siamo.

Ho fatto anch'io i miei errori nell'epoca dei 20 anni nonostante i miei mi avessero insegnato che sostanzialmente l'auto e' una potenziale arma se la si usa da immaturi,ho sempre avuto la passione delle auto potenti e per fortuna le volte che ho sbagliato ci sono sempre andato di mezzo solo io con la mia salute.Il fatto e' che a quell'eta' le parole
servono molto poco,col senno dei 31 anni posso darmi sicuramente dell'idiota se ripenso ai tempi indietro.Ci vogliono leggi ferree,che limitino la potenza da guidare per un po' di tempo (e perche' no?) anche l'ingresso in autostrada per i primi tempi,perche' non so voi cosa vedete quando ci andate ma io noto che il limite dei 130 e'rispettato solo nella corsia piu' a destra.(vi rendete conto?)

Persone al di fuori della famiglia che a questo punto posso dire che mi vogliono bene mi hanno linkato questo sito e a leggere le pagine della memoria mi sono sconcertato e spaventato da come in pochi istanti si possa perdere la vita..ne ero consapevole anche prima ma leggendo testimonianze vere l'effetto,credetemi,e' devastante.

Maria tu hai parlato di senso per la famiglia,e forse e' anche per questo che sono voluto rimanere tra voi,forse per questo non ho voluto cliccare la chiusura di questo sito tre sere fa.

Sono qui per aiutare,e se riesco anche io a salvare una vita a qualcuno che non lo sapra' mai avro'
iniziato un po' a ridurre le mie colpe e forse anche a cambiare me stesso.

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it