Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°1529
con Paolo_Massucci il 10/04/2014 * 21:11

Ritengo che sia giusto punire chi guida ubriaco: non si può più tollerare. Però una eventuale, auspicabile, legge che colpisca maggiormente questi comportamenti dovrebbe includere, non di meno, anche altri tipi di comportamenti ancor più gravi e criminali. Altrimenti è insufficiente. Sembra che basta essere sobri per essere rispettosi della vita altrui. Non è così.

Mi spiego. Ci sono automobilisti, magari su SUV, che non rispettano le strisce pedonali e vi corrono a 80 all'ora oppure c'è chi guida come un pazzo ad alta velocità in aree cittadine frequntate da anziani e bambini, oppure chi effettua sorpassi invadendo la corsia opposta anche in situazione di oggettivo grave rischio, chi guida a velocità tali da rendere il mezzo non controllabile. Queste individui si assumono consapevolmente il rischio di uccidere qualcuno, ma quando ciò avviene è troppo tardi: che ridarà la vita (o la salute) alla vittima?

Occorre a mio avviso concentrarsi sulla prevenzione, cioè sui provvediementi seri e incisivi che colpiscano chi è responsabile di mettere a rischio la vita altrui. Ad esempio chi giuda nella maniera imprudente menzionata dovrebbe -prima di provocare vittime- essere punito con la sospensione della patente per 10 anni e il sequestro dell'arma (cioè del mezzo) che verrà espropiato e utilizzato per servizi pubblici. Questa è una vera politica di prevenzione dagli incidenti e che riporti il rispetto della vita, dei cittadini, di bambini e anziani.

Saluti

Paolo Massucci

3339388702