Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°1520
con Giorgio_Zane il 10/09/2013 * 19:35

ho di recente appreso da un conoscente un particolare riguardo la patente a punti che mi ha lasciato veramente stupito. Non sapevo che in caso di contravvenzione rilevata con autovelox,telecamere, "t red" ecc. (quindi senza accertamento immediato) , si possa evitare la decurtazione prevista dei punti non comunicando le generalita' del conducende ed assoggettandosi al pagamento di una contravvenzione supplementare. In pratica si tratta quindi di tipica "legge all'italiana" . Chi puo' pagare se ne puo' infischiare dei divieti e conservare integre le sue possibilita' di guida: del tipo danaroso utilizzatore di auto ad alte prestazioni o azienda che accetti di pagare le trasgressioni di propri dipendenti finalizzate ad un servizio piu' veloce (vedasi autotrasportatori) 

possibile che non si possa trovare  rimedio ad una tale situazione? A mio avviso intanto basterebbe, in caso di mancata comunicazione delle generalita', sottrarre i punti al proprietario dell'auto (che non e' pensabile non sappia chi era alla guida) ; per il caso di proprietario non patentato o intestazione a societa'/ente la sanzione per mancata comunicazione andrebbe notevolmente inasprita ,anche non solo in termini meramente economici, al fine di evitare "furberie".   

grazie per l'ospitalita' .

Giorgio zane - padova