Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°428
con veronika il 20/09/2006 * 16:34

Oggi un pensiero a chi ha perduto un fratello o una sorella, e che vive a tutt'oggi una condizione familiare di disequilibrio. Spesso si sente dire che non cè peggior dolore che quello ci una madre, penso sia vero, anche se nn l ho provato, ma non dimentichiamoci che il dolore è uguale per tutti, di qualsiasi rapporto "genealocico" , di qualsiasi eta'....Non dimentichiamoci che purtroppo a chi sopravvive non puo' essere dato il peso di "sostituire" un'altra persona che non cè piu' : siamo tutti diversi, oguno  di noi ha le proprie propensioni, volonta'. sensibilita'.La sofferenza , la sensibilita', la compresione, dipendono molto dall'intelligenza del cuore. con questo non intendo assolutamente dire che il dolore di una madre o di un padre siano inquantificabili.voglio solo essere vicina a chi ha sulle spalle un peso che con dignita' deve affrontare per tutta la vita.E a tutti, madri, padri, fratelli, sorelle , che hanno subito la perdita di un caro , oggi voglio dire : FORZA, UNITEVI NEL DOLORE E NELLA GIOIA SE PUR A FATICA. NON ALLONTANATEVI, CERCATE UN PUNTO D'INCONTRO PER RISTABILIRE QUELL'EQUILIBRIO che qualcuno ha rotto. Penso che anche questo gesto ONORI LA MEMORIA DELLE VITTIME. l'amore salva. unisce, la memoria è fonte di mutuo aiuto , non la chiusura. Un caro saluto e grazie a tutti! V.