Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1795 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°381
con Pilar il 13/07/2006 * 04:07
Grazie Giorgio per la tua gentilezza.
La cosa che avevo scritto quella sera riguardava un uomo di 50 anni ucciso, travolto da un'auto, pare dai testimoni una Mercedes Bianca, durante i festeggiamenti per il passaggio dell'Italia alla finale dei Mondiali. Volevo sapere se ne sapevate nulla. Purtroppo sono passata sul luogo dell'incidente tornando a casa, e dopo tutti quei colori, quella gioia, quell'italianità nell'aria, quell'immagine del lenzuolo bianco su quel corpo a terra (in quel momento non sapevo chi fosse, poi al TGR il giorno dopo hanno detto cosa fosse successo) mi ha riportata nell'incubo che molti di noi vivono, nell'ingiustizia che questa persona, che forse stava festeggiando anche lei, ha subito per colpa dell'ennesimo pirata della strada. Magari quell'uomo di 50 anni neanche stava festeggiando, ma quelli che l'hanno investito sì e non hanno voluto interrompere i festeggiamenti, forse troppo ebbri di gioia e idiozia...
Mi ha colpita troppo, ho pianto fino a casa e oltre, c'ho messo un po' per scendere dall'auto...Ero troppo incaxxata con "LUI" che come sempre, deve interrompere quegli attimi di gioia e di "leggerezza" che alcuni di noi riescono a vivere, dopo tanto tempo...
Se riuscite a saperne di più mi fate un favore personale..
E un'altra cosa: é vero che alcune immagini forti colpiscono e FORSE (ho i miei dubbi però) funzionano come deterrente specie per i più giovani, mostrandole in televisione per shoccarli ed evitare così altri incidenti...Ma non c'é modo di evitare che i TG mostrino scene di corpi a terra più o meno coperti da teli bianchi? Il. TGR del giorno dopo(il 5) a pranzo non mostrò nessun servizio su quell'incidente, ma subito prima ce n'era un altro in cui si parlava dei lavori nel Lazio per migliorare la sicurezza stradale (alquanto scarsi e fatti male, pergiunta, aggiungo io!!), e durante il servizio sono stati mostrati più e più incidenti mortali... Capisco, come dicevo, la questione deterrente con immagini shock, ma non si pensa a chi ha perso un parente, o magari proprio ai parenti di quelle stesse vittime riprese??? Ho anche provato a scrivere ai TG ma nessuno ha risposto! confused
Grazie... Un saluto a tutti e un grazie particolare  a Giorgio sempre così gentile...
Pilar.
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it