Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Ospiti
 
 
 
 

Ospiti


Nota n°338
con Maria il 15/06/2006 * 16:40

 

Cara Letizia  sei molto affettuosa   ma sai per noi parlare di gioia e felicità è ormai decisamente utopistico. Non fa più parte della nostra vita ,in nessun caso .

il fatto di avere altri figli è una grande cosa ,è un dono di Dio  immenso che ci consente di sopportare meglio il peso della vita e io mi inchino rispettosa davanti a quelle mamme che  hanno perso il loro unico figlio.Non riesco nemmeno io ,che pure so, ad immaginare il loro  vuoto Ma vedi ognuno di noi è un essere unico e irripetibile  e ogni figlio  si ama con la stessa  intensità, io amo gli altri miei figli  di un amore immenso ma  l’altro non c’è più .

Davanti a noi ci sono tanti giorni uguali, il tempo passa  , le stagioni si alternano ma loro  non sono più qui con noi, mi manca   la sua allegria , il suo disordine, le sue bugie,per chi,come me, crede c’è la speranza  cristiana del ricongiungimento ed è a quella che noi aneliamo , pur nel rispetto di questa vita e dei nostri affetti .  Le piccole gioie quali  i successi  degli altri figli sono anche motivo  di grande  tristezza perché  si pensa a tutto quello che i nostri figli morti  non hanno potuto fare.

Non lo vedrò  sposarsi,diventare padre,  creare  una famiglia sua , non vedrà i mondiali per cui avrebbe fatto pazzie, non gioca a pallone,  sembra niente ma per me .

Peraltro devi fare i conti con i sensi di colpa  che puntualmente  colpiscono i fratelli  che assurdamente pensano che forse tu avresti preferito che fosse capitato a loro.

Non è facile vivere , devi fare i conti con te stessa  e con gli altri.

Quindi ,perdonatemi ma gioia e felicità non fanno più parte del mio vocabolario, non intese  comunque nel senso comune della parola.

 Le parole , per una mamma che ha perduto  un figlio possono essere delle armi, feriscono terribilmente.

 Ho imparato  che  davanti a una mamma che ha perso un figlio spesso la cosa migliore è tacere.

 Comprendi quello che ti voglio dire,? Noi siamo  diverse , che non equivale a peggiori o eternamente tristi ,e scontrose ,non è facile capire   a te auguro di essere sempre felice goditi la tua maternità che è la cosa più bella che possa  capitare a una donna  e che Iddio Vi protegga sempre

ad Alberto vorrei dire che mi fa tanta tenerezza , perchè mette in secondo piano il suo dolore nel  rispetto  di quello dei genitori della sua ragazza, sei un bravo ragazzo , nel tuo caso io credo che il tempo farà la sua parte, lei resterà sempre un dolce ricordo e avrà un posto nel tuo cuore ma spero pe