Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1800 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°338
con Maria il 15/06/2006 * 16:40

 

Cara Letizia  sei molto affettuosa   ma sai per noi parlare di gioia e felicità è ormai decisamente utopistico. Non fa più parte della nostra vita ,in nessun caso .

il fatto di avere altri figli è una grande cosa ,è un dono di Dio  immenso che ci consente di sopportare meglio il peso della vita e io mi inchino rispettosa davanti a quelle mamme che  hanno perso il loro unico figlio.Non riesco nemmeno io ,che pure so, ad immaginare il loro  vuoto Ma vedi ognuno di noi è un essere unico e irripetibile  e ogni figlio  si ama con la stessa  intensità, io amo gli altri miei figli  di un amore immenso ma  l’altro non c’è più .

Davanti a noi ci sono tanti giorni uguali, il tempo passa  , le stagioni si alternano ma loro  non sono più qui con noi, mi manca   la sua allegria , il suo disordine, le sue bugie,per chi,come me, crede c’è la speranza  cristiana del ricongiungimento ed è a quella che noi aneliamo , pur nel rispetto di questa vita e dei nostri affetti .  Le piccole gioie quali  i successi  degli altri figli sono anche motivo  di grande  tristezza perché  si pensa a tutto quello che i nostri figli morti  non hanno potuto fare.

Non lo vedrò  sposarsi,diventare padre,  creare  una famiglia sua , non vedrà i mondiali per cui avrebbe fatto pazzie, non gioca a pallone,  sembra niente ma per me .

Peraltro devi fare i conti con i sensi di colpa  che puntualmente  colpiscono i fratelli  che assurdamente pensano che forse tu avresti preferito che fosse capitato a loro.

Non è facile vivere , devi fare i conti con te stessa  e con gli altri.

Quindi ,perdonatemi ma gioia e felicità non fanno più parte del mio vocabolario, non intese  comunque nel senso comune della parola.

 Le parole , per una mamma che ha perduto  un figlio possono essere delle armi, feriscono terribilmente.

 Ho imparato  che  davanti a una mamma che ha perso un figlio spesso la cosa migliore è tacere.

 Comprendi quello che ti voglio dire,? Noi siamo  diverse , che non equivale a peggiori o eternamente tristi ,e scontrose ,non è facile capire   a te auguro di essere sempre felice goditi la tua maternità che è la cosa più bella che possa  capitare a una donna  e che Iddio Vi protegga sempre

ad Alberto vorrei dire che mi fa tanta tenerezza , perchè mette in secondo piano il suo dolore nel  rispetto  di quello dei genitori della sua ragazza, sei un bravo ragazzo , nel tuo caso io credo che il tempo farà la sua parte, lei resterà sempre un dolce ricordo e avrà un posto nel tuo cuore ma spero pe

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it