Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1796 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Ospiti


Nota n°1332
con PAPPULIN il 22/10/2009 * 13:01
Cara carmilla ,purtroppo non è come dici tu io ti auguro che il tuo sia un caso diverso e che tu possa ottenere giustizia ,ma non credere che io non l'avreii voluto per mio figlio ,io e tanti altri come noi ,poi sono daccordo con te che ogniuno fa e deve fare la sua scelta ,anche noi ci siamo costituiti parte civile ,anche noi abbiamo rinunciato a molti soldi,mio figlio aveva raggione su tutto ,aveva soli 15 anni è una vita davanti ,eppure non è bastato,non è bastato ottenere giustizia , è stato condannato per omicidio colposo cioè niente ,ha avuto per otto mesi il ritiro della patente dato che era incensurato a ottenuto il patteggiamento ,e come dici tu i soldi gli ha dati l'assicurazione ,ma questa purtroppo è la legge e noi non possiamo fare altro nessuno qui a ottenuto giustizia per i nostri cari e nussuno ci ha ripagati o ci ripagherà mai il nostro dolore ,sai quante volte mi sono sentita in colpa per non essere andata avanti ,ma quando ripenso a tutte le cose che mi sono sentita dire :che mio figlio non aveva sofferto perchè era morto sul colpo ,che cè un listino prezzo per tutto,che quella somma presa era solo per pagare il nostro dolore,che mio figlio non è stato pagato nemmeno un soldo ,è stato valutato meno di una macchina ,è che non si da valore alla vita di umana in questo caso di un ragazzo ,che non ha provato la gioia di essere padre ,marito ecc.quindi quando ci ripenso allora so di aver fatto la cosa giusta ,almeno per me ,tanto vederlo marcire in galera è stato solo un sogno nessuno me lo avrebbe mai concesso ,con questa scelta o dato pace a mio figlio e a me stessa ,ma questo non signifa che giudico persone che vanno avanti ,ogniuno vive il propio dolore a modo suo ,io ti abbraccio forte è spero che tu non ce l'abbia con me e ti auguro tutta la serenità che meriti .
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it