Continuando a navigare su questo sito, accetti l'uso dei cookie per fornirti contenuti e servizi appropriati.
Note legali .
Sei qui: Home » Ospiti
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Ospiti


Nota n °1330
da   carmilla il 22/10/2009 • 10:31
Pappulin, la scelta di intraprendere un'azione penale è personale ed insindacabile, ma io personalmente ho deciso di fare questa scelta proprio perchè l'investitore di mio padre non mi potrà mai risarcire il dolore, ma io voglio che la sua responsabilità sia pienamente riconosciuta e che paghi la pena più alta possibile. Non so quanti soldi mi daranno, ma so a quanti ho rinunciato per costituirmi parte civile, e ti assicuro che non erano pochi, ma il valore di mio padre è inestimabile, e io voglio cercare di dargli giustizia, e se non ci riuscirò sarà doloroso, ma non come lo sarebbe stato se avessi chiuso tutto l'anno scorso accordandomi con l'assicurazione. Non sempre chi va al processo penale lo fa per avere più soldi. D'altronde l'investitore cosa rischia? I soldi li mette l'assicurazione, e se non gli tolgo almeno qualche ora di sonno con l'idea di una condanna penale è come se non avesse fatto nulla, come se uccidere una persona con la macchina per disattenzione non fosse un vero omicidio....mio padre non se lo merita.