Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Siete qui :   Home » Blog » Tutte i post
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Blog - Tutte i post

Gli angeli volati in cielo  -  con   Mazzmarco1970

Il giorno 20 Novembre 2011 tutti i cari amici ricordano le vittime della strada: è mio dovere, ma soprattutto dovere di tutti quanti, unirsi al ricordo di queste persone, giovani e meno giovani che sono morti sulla strada INGIUSTAMENTE perchè è dovere di tutti fare in modo che non succeda più!

Come genitore di tre bambini mi sento in obbligo di partecipare a questa giornata e portare il mio contributo alla causa di GIUSTIZIA e PENA CERTA per chi commette reato.

Ma nello stesso tempo mi sento in dovere di fare qualcosa per prevenire gli incidenti stradali e con la mia associazione portiamo avanti progetti di questo tipo affinchè non succeda più.

Grazie a Voi!

Marco Mazzucconi - Presidente Campania's Got Talent

Pubblicato il 17/11/2011 * 11:01  - 1 commento - |     |
per mio padre  -  con   silbiah
il 17 gennaio 2011 mio padre viene investito da una moto su lungotevere raffaello sanzio a roma. dopo sue giorni di coma morirà per le gravi lesioni riportate. a tutt'oggi nn sappiamo cosa è accaduto. sto cercando testimoni ma dopo 9 mesi è improbabile che qualcuno si faccia vivo. ma io e tutta la mia famiglia non perdiamo le speranze. mi appello a voi se qualcuno ha visto qualcosa per favore contattatemi alla mia email. vi ringrazio sin d'ora
Pubblicato il 27/10/2011 * 14:11  - 1 commento - |     |
mio padre  -  con   pinacaiazza
fino al venti settembre avevo un padre..si chiamava Agrippino Caiazza ed aveva settantanni. Quella mattina il mio papà è uscito di casa con il suo sorriso di sempre e dopo alcune sue incombenze si apprestava a rientrare a casa. Una moto condotta da un ragazzo ha deciso che non dovessi piu avere un padre...lo ha investito scappando in maniera vile..Solo con l'aiuto dei Carabinieri gli assassini hanno un volto ma io non ho piu un padre...sabato 22 ottobre ad Arzano (NA) con l'aiuto di Biagio Ciaramella della sede di Aversa, ricorderò mio padre con una fiaccolata.
Pubblicato il 13/10/2011 * 21:26  - nessun commento - |     |
Dopo 2 anni ancora nulla ....  -  con   doldep
Dopo 2 anni dalla scomparsa di mio fratello di solo 28 anni ancora nessun notizia sulla situazione della superstrada sa-av all'altezza di Fisciano .... e altre persone rischiano la vita
Pubblicato il 30/08/2011 * 12:39  - nessun commento - |     |
cerco testimoni  -  con   barbara

un anno fa  precisamente il 30 luglio 2010  sulla tangenziale  di ROMA  via  PRENESTINA (DIREZIONE  VIALE  CASTRENSE) INTORNO ALLE 12:30 -13.00   MIO MARITO SU UNO SCOOTER NERO  TMAX   ha avuto un incidente di cui non so niente data l assenza di testimoni , ed è morto sul colpo  lo stesso giorno .MI ERA STATO DETTO DAI VIGILI e messo a verbale da loro  che probabilmente mio marito aveva  perso da solo il controllo della moto ed è poi  andato a sbattere contro il guardarail, che non gli ha lasciato scampo. ho pensato subito che fosse altamente improbabile date le capacità di guida di mio marito e la sua abitudine a non correre,  ma ho dovuto prendere atto del verbale e rimanere col dubbio dato che non c erano testimoni che potevano contrastare la  tesi fatta dai vigili urbani accorsi sul posto . dopo 6 mesi dell accaduto ho potuto finalmente vedere la moto che dopo 6 mesi è stata dissequestrata dalla procura  e mi sono resa conto che  qualcuno è in effetti  andato addosso a mio marito facendolo sbalzare dalla moto .  se  qualcuno ha visto qualcosa  o si ricorda un qualche particolare  vi prego di chiamarmi al n. 347 83 70 552  BARBARA

Pubblicato il 02/08/2011 * 01:57  - nessun commento - |     |
Incidente stradale con un pregiudicato difeso dalla figlia avvocato  -  con   maestrojosemaria
Al preg.mo Sig Procuratore della
    Repubblica presso il Tribunale di Velletri
   

 Al preg.mo Ministro di Grazia e Giustizia
    On.le Angelino Alfano

    All’Illustrissimo Signor
    Presidente della Repubblica
    Giorgio Napolitano

                        &nbs p;                        &nbs p;              


Oggetto: Esposto denuncia per lesioni colpose, falsa testimonianza, istigazione alla falsa testimonianza.

Pregiatissimo Procuratore della Repubblica



Le scrivo perchè mi trovo in grande pericolo ed ho bisogno di aiuto e di giustizia poiché per un caso assurdo mi trovo nella tremenda situazione di colui che dalla parte della ragione è passato al torto, con il rischio di essere condannato ingiustamente .

Questi i fatti:
Il giorno 07/07/2004 tra le ore 07:30 e 07:45 mi stavo recando in Caserma  presso il IX Centro di Mobilitazione del Corpo Militare della Croce Rossa sito in Via Ramazzini, poiché  richiamato in servizio, senza assegni, in qualità di Ufficiale Tenente Commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Ausiliario, per esigenze del IX Centro e per aggiornare l’archivio informatico.
Pur senza alcuna retribuzione effettiva il richiamo in servizio implicava la presentazione in caserma obbligatoria, comportando infatti una mia assenza l’accusa di diserzione.

In tale data avevo da poco imboccato la rampa che immette nell’autostrada (Monte Porzio Catone)in direzione Roma Sud uscita G.R.A, quando ad un certo punto dalla curva vedo arretrare la vettura Lancia Y targata .....intestata a ...... e condotta dal sig. ..., nato a ......, e residente a Zagarolo località Valle Martella, in Via ........, che mi veniva addosso con la retromarcia inserita.
Questo incosciente individuo, che si presume dovesse rientrare a casa, avrebbe dovuto percorrere l’autostrada nella direzione San Cesareo, ma accortosi dell’errore, compiva intempestivamente e pericolosamente retromarcia sulla curva della rampa d’accesso dell’autostrada direzione Roma Sud. 

Al manifestarsi di tale pericolo inaspettato e nel tentativo di evitare lo scontro con la vettura, ho frenato bruscamente: la moto si è impuntata sulla ruota anteriore e poiché non procedevo a velocità elevata essa mi è caduta addosso sul lato sinistro, bloccandomi il ginocchio, la spalla ed il braccio sinistro.

L’atteggiamento del sig. ..... ha da subito manifestato qualcosa di inconsueto, che non mi convinceva: egli infatti si muoveva nervosamente in modo curioso e non mostrava alcun interesse per l’accadimento grave ed il danno da esso provocato.
Inoltre il contrassegno esposto della vettura, dell’ assicurazione Toro, era scaduto da tre giorni.(successivamente e inspiegabilmente,la vettura risultò assicurata con la Cattolica).
Poiché il suddetto non era in possesso del cellulare, ho dovuto compiere un notevole sforzo, per prendere il mio telefonino, poiché avevo il gomito sinistro, ginocchio sx, spalla sx, molto doloranti .
Allora io stesso ho telefonato alla Sala Operativa della Polizia Stradale, numero telefonico del quale sono in possesso perché per cinque anni ho collaborato con la Polizia di Stato, come istruttore d’Arti Marziali.
Così mi sono qualificato, descrivendo il sinistro e chiedendo un loro pronto intervento, oltre ad un’ambulanza.
Dopo pochi minuti è sopraggiunta la macchina della Polizia Stradale ed anche un’ambulanza che prontamente mi trasportava al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Frascati.
Mi veniva diagnosticata  una frattura scomposta del capitello radiale che è appunto quell’osso che permette la prono supinazione e flesso estensione del braccio insomma la completa articolazione del braccio oltre  ad un grosso ematoma al ginocchio sinistro . Il gomito era rotto in quattro parti e necessitava di un intervento chirurgico urgente per ricostruire il capitello.
Purtroppo l’intervento chirurgico non poteva essere effettuato al Pronto Soccorso di Frascati poiché in  quel periodo risultava sprovvisto di reparto ortopedico e cosi mi sono fatto accompagnare  all’istituto I.N.I. di Grotta Ferrata per essere sottoposto ad intervento chirurgico.

Premetto che la responsabilità del sopradetto..... è stata accertata in fase di perizia richiesta dal Giudice, solo il 29/01/2008, sia da parte del perito nominato dal giudice, del perito di parte e del perito della controparte. Tutti e tre gli esperti hanno confermato la resp
Pubblicato il 09/04/2011 * 01:15  - nessun commento - |     |
L'IMPORTANZA DELLA RAPPRESENTAZIONE REALE DELLE NOTIZIE DA PARTE DELLA STAMPA ED IL VALORE DELL'O  -  con   ANGELA
AL DIRETTORE DI RAI SAN MARINO,CARMEN LASORELLA E' STATO ASSEGNATO IL PREMIO CIVITAS ED IN UN INTERVISTA CON IL REDATTORE DEL MATTINO DI CASERTA CHE LE CHIEDE COME SI PUO' TROVARE LA NOTIZIA POSITIVA SCRIVENDO UN ARTICOLO SU UN INCIDENTE STRADALE CON PERSONE DECEDUTE. LA GIORNALISTA RISPONDE" CERTO NEL CASO DI INCIDENTE STRADALE IL FATTO DI CRONACA SI IMPONE DA SOLO. MA POI IL GIORNALISTA DEVE ANCHE DIRE SE IN QUEL TRATTO DI STRADA LA SEGNALETICA E' CARENTE, SE L'INCIDENTE E' DOVUTO ALLE CONDIZIONI DELL'ASFALTO,SE LE CURE AI FERITI SONO STATE PRESTATE CON TEMPESTIVITA' ED EFFICACIA.DEVE OSSIA DENUNCIARE O METTERE IN EVIDENZA ELEMENTI CHE POSSANO EVITARE IL RIPETERSI DI EVENTI DEL GENERE IN FUTURO. ECCO COME DA UNA CATTIVA NOTIZIA SI POSSONO TRARRE E COMUNICARE DELLE POSITIVITA'". IL COMMENTO CHE SI PUO' FARE DA PARTE DELL'AIFVS E' CHE CE NE VORREBBERO TANTI DI GIORNALISTI CHE TRATTINO LE NOTIZIE APPROFONDENDO ED AMPLIANDO A 360° L'INFORMAZIONE  CON DOVERE DI CRONACA RIPORTANDO TUTTE LE NOTIZIE CHE RAPPRESENTANO LA REALTA' DEI FATTI RACCONTATI PONENDO ALL'ATTENZIONE DELL' OPINIONE PUBBLICA NON SOLO L'EVENTO ACCADUTO MA BENSI',DENUNCIANDO O METTENDO IN EVIDENZA  ELEMENTI UTILI AD EVITARE IL RIPETERSI DI  ALTRI EVENTI SIMILI NEL FUTURO.
Pubblicato il 19/01/2011 * 18:22  - nessun commento - |     |
mille morti all'anno perchè ?  -  con   Lorenzo_Picunio
E' forse utile far memoria, a chi non sa o non vuole sapere che pedoni e ciclisti, al non piccolo prezzo di più di mille morti l'anno, sono le sentinelle cologiche delle strade, sia nei confronti degli altri utenti, sia verso gli enti proprietari delle strade stesse, e responsabili delle manchevolezze di esse sul piano della sicurezza.  

Art.191. Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni.
1. Quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori, i conducenti
devono fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali.
Devono altresì dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai
pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti pedonali.
Pubblicato il 17/01/2011 * 15:13  - nessun commento - |     |