Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

Blog - Bambini vittime della strada


Numero di utenti 1824 utenti
   

Lettere di bambini morti  -  con AIFVS_onlus

Per essere forte è forte. Però il messaggio non rimarrà certo inascoltato: in Russia la polizia stradale di Novosibirskm nella Siberia centrale spedisce lettere strappacuore agli automobilisti più indisciplinati. Lettere che sono firmate da bambini rimasti vittime di incidenti stradali. E, come se non bastasse, queste cartoline contengono poesie d’amore per i genitori e raccontano la vita del bambino prima di venire ucciso da un pirata della strada.

Anche la forma è toccante perché il racconto è tutto scritto in prima persona, come se il piccolo affidasse alla carta e all’inchiostro un ultimo messaggio.

La polizia ha insomma deciso di usare la mano pesante e non a caso: in questa regione si verificano molti incidenti stradali dovuti a pirati della strada. E proprio ora, in concomitanza con il nuovo inizio dell’anno scolastico, molti automobilisti si vedono recapitare queste terrificanti lettere. Potrebbe funzionare una cosa del genere anche in Italia? Dite la vostra.

Per essere forte è forte. Però il messaggio non rimarrà certo inascoltato: in Russia la polizia stradale di Novosibirskm nella Siberia centrale spedisce lettere strappacuore agli automobilisti più indisciplinati. Lettere che sono firmate da bambini rimasti vittime di incidenti stradali. E, come se non bastasse, queste cartoline contengono poesie d’amore per i genitori e raccontano la vita del bambino prima di venire ucciso da un pirata della strada.

Anche la forma è toccante perché il racconto è tutto scritto in prima persona, come se il piccolo affidasse alla carta e all’inchiostro un ultimo messaggio.

La polizia ha insomma deciso di usare la mano pesante e non a caso: in questa regione si verificano molti incidenti stradali dovuti a pirati della strada. E proprio ora, in concomitanza con il nuovo inizio dell’anno scolastico, molti automobilisti si vedono recapitare queste terrificanti lettere. Potrebbe funzionare una cosa del genere anche in Italia? Dite la vostra.

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 06/09/2008 * 17:22   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°9 

 con valex il 04/04/2012 * 15:39
ciao a tutti, ha raggione giovanni non sono altro che assassini.le lettere dei nostri figli non devono essere mandate agli criminali ed altri perche ai primi non hanno una coscienza ed ai secondi dovrebbero averla sopratutto quando si mettono alla guida.le lettere dobbiamo cominciare a spedirle alle cariche piu alte che hanno fatto le leggi, a quelli che giocano da giudici ed da avvocati, a quelli dovremmo tenerli solo per qualche giorno insieme a noi, per fare capire come se vive dopo, come si muore un altra volta quando ti arriva la sentenzain quale dice del'assassino che si e comportatto bene in istanza per aver patteggiato, infrangendo solo qualche regola della strada, e poi quando leggi: IN NOME DEL POPOLO!!!??? IL POPOLO e stravolto CARI SIGNIORI e emerso nel dolore piu profondo senza limiti e emerso in una tomba apperta asspetando che si chiuda al piu presto!!!!! a voi devono arrivare le lettere!!!!!!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it