Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

Blog - Strage Motociclisti


Numero di utenti 1823 utenti
   

Motociclisti è strage  -  con AIFVS_PAVIA
Pavia ormai è strage: altri tre motociclisti morti in due giorni e un'altro rischia l'amputazione a una gamba.
Vigevano (PV) 27 giugno 2008
Michele Di Francesco 48 anni è morto ieri in uno schianto a Vigevano;
Diego Pairotti 33 anni di Tromello (PV) ha perso la vita tra Vermezzo e Abbiategrasso.
Un terzo incidente mortale si è invece verificato a Codevilla (PV) dove ha perso la vita Nicola Di Giovanni 61 anni di Gaggiano (MI)
Una vera strage ma non basta! ad Alagna (PV) a pochi chilometri da Garlasco hanno perso la vita in uno scontro fra due auto due tunisini di 36 e 37 anni residendi a Vigevano e Sannazzaro, nello stesso incidente sono rimaste ferite altre tre persone di cui una donna in gravi condizioni.

In un'atro incidente e rimasto ferito in maniera molto grave anche il sindaco di Sannazzaro Michele Debattista giudicato fuori pericolo dopo un intervento di chirurgico durato oltre 10 ore.

A codevilla un giovane centauro Eugenio Nascimbene 44 anni è rimasto ferito graevemente in uno scontro con un'alfa 156. Rischia l'aputazione di una gamba.

Questo bollettino da vera guerra ed è la continuazione di una strage che colpisce sopratutto i centauri che sono sei quelli morti in meno di due mesi.

Michele Di Francesco 48 anni
Diego Pairotti 33 anni
Nicola di Giovanni 61 anni
Carlo Guzzardi 37 anni
Tiziano Saltarelli 52 anni
Giampiero Biscaldi 41 anni di Vigevano, per quest'ultimo c'è anche l'ombra di un pirata della strada e i familiari sono assistiti dai legali convenzionati dell'AIFVS di Pavia.
Giorgio Giunta sede AIFVS Pavia
Pavia ormai è strage: altri tre motociclisti morti in due giorni e un'altro rischia l'amputazione a una gamba.
Vigevano (PV) 27 giugno 2008
Michele Di Francesco 48 anni è morto ieri in uno schianto a Vigevano;
Diego Pairotti 33 anni di Tromello (PV) ha perso la vita tra Vermezzo e Abbiategrasso.
Un terzo incidente mortale si è invece verificato a Codevilla (PV) dove ha perso la vita Nicola Di Giovanni 61 anni di Gaggiano (MI)
Una vera strage ma non basta! ad Alagna (PV) a pochi chilometri da Garlasco hanno perso la vita in uno scontro fra due auto due tunisini di 36 e 37 anni residendi a Vigevano e Sannazzaro, nello stesso incidente sono rimaste ferite altre tre persone di cui una donna in gravi condizioni.

In un'atro incidente e rimasto ferito in maniera molto grave anche il sindaco di Sannazzaro Michele Debattista giudicato fuori pericolo dopo un intervento di chirurgico durato oltre 10 ore.

A codevilla un giovane centauro Eugenio Nascimbene 44 anni è rimasto ferito graevemente in uno scontro con un'alfa 156. Rischia l'aputazione di una gamba.

Questo bollettino da vera guerra ed è la continuazione di una strage che colpisce sopratutto i centauri che sono sei quelli morti in meno di due mesi.

Michele Di Francesco 48 anni
Diego Pairotti 33 anni
Nicola di Giovanni 61 anni
Carlo Guzzardi 37 anni
Tiziano Saltarelli 52 anni
Giampiero Biscaldi 41 anni di Vigevano, per quest'ultimo c'è anche l'ombra di un pirata della strada e i familiari sono assistiti dai legali convenzionati dell'AIFVS di Pavia.
Giorgio Giunta sede AIFVS Pavia

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 28/06/2008 * 15:50   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°9 

 con OTERI il 27/11/2008 * 18:52
mio padre e morto in moto nel 2002 a cornaredo si chiamava STEFANO OTERI e aveva  43 anni e stato investito da un camionista che ha leggere la sua fedina penale fa venire i brividi!ladro spacciatore e qul che di piu mi fa incazzare anche tossico! chissa cosa siera fatto quella sera quel pezzo di merda  che guidava da mille ore.le scuse che inventano tutti sono poi micidiali appena vedono a terra una moto si pensa subito alla velocita ,ma a nessuno e venuto in mente di fare degl'esami al camionista.  per fortuna i periti dicono che mio padre viaggiava a meno di 50 all'ora,il problema e che quel cane l'ha schiacciato con le ruote quindi per lui nn c e stato nulla da fare.adesso a distanza di quasi 7 anni subentra la vergogna ITALIA.tutto fermo in cassazione dice il "fenomeno" del mio avvocato.che schifo!! HA SAPERLO MI PRENDEVO UN AVVOCATO TEDESCO COSA CHE PROBABILMENTE FARO' MARTEDI MATTINA perche dopo ben 7 anni qui nn si vede ancora la fine del calvario!!!E SE VOLETE SAPERE CHI E IL MIO AVVOCATO NON ESITATE A SCRIVERMI.almeno se per vostra sfortuna vi fosse capitata una tragedia di questo tipo vi scampate almeno il problema di mettervi in mano a uno che si dimentichi di voi!!d

Risposta n°10 

 con Redazione_AIFVS il 20/03/2009 * 12:05
GdF sequestra caschi non omologati 20/03/2009  Maxi sequestro di caschi da motociclista da parte della Guardia di Finanza di Genova che così ha posto fine all' illecita produzione e distribuzione in tutta Italia di caschi non omologati. Le prove di impatto-assorbimento e di scalzamento eseguite su questi caschi sono risultate deficitarie per i requisiti previsti dalla normativa Ece-Onu 22-05. Il numero di omologazione dei caschi non sicuri è E24 050006. La GdF invita chi ne fosse in possesso, a recarsi presso le Fiamme Gialle per restituire i pezzi non a norma.

Risposta n°11 

 con anna il 21/03/2009 * 11:48
Morire per una buca o per una retromarcia mi sembrano situazioni indegne di un popolo moderno, civile, evoluto.Riterrei serio si lavorasse per sistemi di trasporto che prendano atto dell'inaffibilità  umana. Per questo ritengo giusto, doveroso perfino,  demonizzare le moto e le auto. Ma anche i treni, i tram, e quanto sia affidato al perfetto stato di coscienza, conoscenza, pronti riflessi, buona vista dell'essere umano. Io cado pure da sola in bicicletta.Con la tecnologia disponibile già da svariati anni, sarebbe possibile realizzare trasporti che non necessitino delle enormi e costosissime  infrastrutture necessarie adesso (strade, autostrade, tangenziali, parcheggi etc), più efficaci, economiche, e sicure.Noi come Associazione dobbiamo chiedere trasporti che non facciano la differenza se trasportano giovinastri, extracomunitarie di remote lande, bambini, vecchi, imbambiti, ciechi o rari normodotati.Perché se un trasporto a zero morti è possibile, è quello che dobbiamo chiedere, che si smetta di produrre auto e moto, che comunque hanno già intasato strade e mercato, e si producano ascensori orizzontali.Ci si siede, si spinge un pulsante e si va.Wow. Abbasso la Ferrari, monorotaie x tutti.

Risposta n°12 

 con RedazioneAIFVS il 27/03/2009 * 20:45

Tragedia sul Raccordo anulare
Drogato in auto, centauro decapitato

Trentaquattrenne tamponato e poi investito sul Grande raccordo anulare da una Mini Cooper guidata da un coetaneo.
La testa è ruzzolata sull'asfalto per 150 metri, trinciata di netto dall'auto che lo aveva tamponato e poi travolto, guidata da un automobilista risultato positivo ai test di droga e alcol. È morto così l'altra sera, decapitato sul grande raccordo anulare, mentre rincasava in sella al suo scooter, Lamberto Maria Lauri, un romano di 34 anni, l'ultima vittima di una lunga serie di incidenti stradali causati dai pirati che si mettono al volante ubriachi e drogati. La tragedia si è verificata poco prima di mezzanotte, verso le 23.45 circa, al chilometro 41.600 della carreggiata esterna del Gra, all'altezza dell'uscita Romanina. Secondo una prima ricostruzione degli agenti della polizia stradale di Settebagni, il ragazzo era in sella al suo Suzuki Burgman quando è stato tamponato da una Mini Cooper condotta da un romano di 31 anni, in auto con altre due persone.

 Dopo il tamponamento il centauro è finito prima sull'auto poi sull'asfalto ed è stato investito dalla macchina che lo ha decapitato. La testa è stata ritrovata 150 metri più in là. Il serbatoio della moto nell'impatto si è rotto facendo fuoriuscire la benzina che ha provocato l'incendio della Mini Cooper. Illesi i passeggeri della vettura. Su disposizione del magistrato sono stati richiesti gli esami del sangue del conducente dell'auto per capire se avesse assunto alcol o sostanze stupefacenti, che sono risultati positivi. La mattanza continua. E il Parlamento accelera sulle modifiche al codice della strada. L'Associazione italiana familiari e vittime della strada (Aifvs) rilancia: «chi guida in preda all'alcol o dopo aver assunto stupefacenti si accolla il rischio di ledere e uccidere, e accetta la previsione del rischio in piena consapevolezza.

Per questo se ci scappa il morto, il reato deve essere equiparato all'omicidio volontario» ribadisce l'avvocato Gianmarco Cesari di Aifvs, che ricorda che l'associazione «mette a disposizione tutte le armi difensive e l'esperienza acquisita per sostenere il dolo eventuale al processo». Sempre ieri, avviso di chiusura indagine e richiesta di rinvio a giudizio in vista per un avvocato civilista romano di 27 anni che lo scorso 13 dicembre, in largo delle Vittime del Terrorismo, mentre era in forte stato di ebbrezza alcolica travolse con la sua auto, uccidendolo, il pedone Franco De Angelis.

Risposta n°13 

 con Redazione_AIFVS il 31/07/2009 * 11:33
Incidenti stradali: moto contro auto, due giovani morti
A Roma di notte in un impatto frontale fortissimo
(ANSA)- ROMA, 30 LUG -La scorsa notte un ragazzo e una ragazza sono morti a Roma dopo che la moto Honda 600 sulla quale viaggiavano si e' scontrata con una macchina. Si chiamavano Sebastiano Cantalamessa, 24 anni, e Silvia Bertacche, di 20. Stavano percorrendo via dell'Acqua Fredda, nel quartiere Aurelio, quando un'auto, guidata da un uomo di 34 anni, nel senso opposto di marcia ha svoltato improvvisamente in una stradina senza dare loro la precedenza. L'impatto frontale e' stato inevitabile e fortissimo.

Risposta n°14 

 con serglasser il 21/05/2010 * 05:15
io personalmente lavoro nella viabilità della provincia di roma,e sono motociclista,e debbo dire.oltretutto confermare personalmente,l'incapacità e l'indifferenza da parte di questa nostra Amm.e gli ostacoli che troviamo nel nostrod lavoro,a causa di imcombenze varie,ma regolarmente noi eseguiamo con mezzi carenti,da demolizione,le riparazioni della strada(buche ecc)e "guard rail"inefficienti e oltretutto dpericolosi,per i "motociclisti".

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it