Blog - Strage Motociclisti

Numero di utenti 1797 utenti
Connessi : ( nessuno )
Snif !!!
   


Rubriche

Dispiega Chiudi Strage Motociclisti

Dispiega Chiudi Sicurezza stradale

Dispiega Chiudi Riforma codice della strada

Dispiega Chiudi Pubblicità pericolose

Dispiega Chiudi Giustizia negata

Dispiega Chiudi Giornata del ricordo

Dispiega Chiudi Bambini vittime della strada

Dispiega Chiudi Alcol e guida

Ultimi post
Ultimi commenti
Strage Motociclisti

Motociclisti è strage  -  con AIFVS_PAVIA

Pavia ormai è strage: altri tre motociclisti morti in due giorni e un'altro rischia l'amputazione a una gamba.
Vigevano (PV) 27 giugno 2008
Michele Di Francesco 48 anni è morto ieri in uno schianto a Vigevano;
Diego Pairotti 33 anni di Tromello (PV) ha perso la vita tra Vermezzo e Abbiategrasso.
Un terzo incidente mortale si è invece verificato a Codevilla (PV) dove ha perso la vita Nicola Di Giovanni 61 anni di Gaggiano (MI)
Una vera strage ma non basta! ad Alagna (PV) a pochi chilometri da Garlasco hanno perso la vita in uno scontro fra due auto due tunisini di 36 e 37 anni residendi a Vigevano e Sannazzaro, nello stesso incidente sono rimaste ferite altre tre persone di cui una donna in gravi condizioni.

In un'atro incidente e rimasto ferito in maniera molto grave anche il sindaco di Sannazzaro Michele Debattista giudicato fuori pericolo dopo un intervento di chirurgico durato oltre 10 ore.

A codevilla un giovane centauro Eugenio Nascimbene 44 anni è rimasto ferito graevemente in uno scontro con un'alfa 156. Rischia l'aputazione di una gamba.

Questo bollettino da vera guerra ed è la continuazione di una strage che colpisce sopratutto i centauri che sono sei quelli morti in meno di due mesi.

Michele Di Francesco 48 anni
Diego Pairotti 33 anni
Nicola di Giovanni 61 anni
Carlo Guzzardi 37 anni
Tiziano Saltarelli 52 anni
Giampiero Biscaldi 41 anni di Vigevano, per quest'ultimo c'è anche l'ombra di un pirata della strada e i familiari sono assistiti dai legali convenzionati dell'AIFVS di Pavia.
Giorgio Giunta sede AIFVS Pavia
Pavia ormai è strage: altri tre motociclisti morti in due giorni e un'altro rischia l'amputazione a una gamba.
Vigevano (PV) 27 giugno 2008
Michele Di Francesco 48 anni è morto ieri in uno schianto a Vigevano;
Diego Pairotti 33 anni di Tromello (PV) ha perso la vita tra Vermezzo e Abbiategrasso.
Un terzo incidente mortale si è invece verificato a Codevilla (PV) dove ha perso la vita Nicola Di Giovanni 61 anni di Gaggiano (MI)
Una vera strage ma non basta! ad Alagna (PV) a pochi chilometri da Garlasco hanno perso la vita in uno scontro fra due auto due tunisini di 36 e 37 anni residendi a Vigevano e Sannazzaro, nello stesso incidente sono rimaste ferite altre tre persone di cui una donna in gravi condizioni.

In un'atro incidente e rimasto ferito in maniera molto grave anche il sindaco di Sannazzaro Michele Debattista giudicato fuori pericolo dopo un intervento di chirurgico durato oltre 10 ore.

A codevilla un giovane centauro Eugenio Nascimbene 44 anni è rimasto ferito graevemente in uno scontro con un'alfa 156. Rischia l'aputazione di una gamba.

Questo bollettino da vera guerra ed è la continuazione di una strage che colpisce sopratutto i centauri che sono sei quelli morti in meno di due mesi.

Michele Di Francesco 48 anni
Diego Pairotti 33 anni
Nicola di Giovanni 61 anni
Carlo Guzzardi 37 anni
Tiziano Saltarelli 52 anni
Giampiero Biscaldi 41 anni di Vigevano, per quest'ultimo c'è anche l'ombra di un pirata della strada e i familiari sono assistiti dai legali convenzionati dell'AIFVS di Pavia.
Giorgio Giunta sede AIFVS Pavia

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 28/06/2008 * 15:50   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°1 

 con BLINDSIGHT il 01/07/2008 * 15:19
Sarei curiosa anche di sapere invece il numero dei morti e dei numerosi invalidi per incidente di moto a Roma.
Nella capitale trafficatissima il pericolo maggiore non sono le strade libere di certo, ma l'indecenza con cui vengono condotte le auto.
Non parlo così perché io ero in moto quando mi hanno praticamente uccisa, ma perché so bene che a volte anche una buca, numerose a Roma, provocano stragi quotidiane di cui nessuno parla (vedasi ad esempio nei pressi di piazza Annibaliano per i lavori della metro, basterà chiedere all'edicolante o altri commercianti fissi lì in zona quanti ne vedono volare tutti i momenti).
Si è vero una moto sportiva corre, non si deve su strade trafficate e per libero arbitrio se uno decide di morire può farlo, ma da solo ovviamente, però ho letto di molti che aboliscono i motorini, le moto e le due ruote in generale: io invece proporrei di eliminare auto inutili fuori dal deserto, dal polo nord o da una strada sterrata, vedasi suv ad esempio.
Intanto prima di demonizzare la moto demonizziamo chi ne permette ancora la guida senza casco (dove abito in calabria ora è pieno di gente di così, mi dispiace ma è la verità), poi demonizziamo chi regala le patenti e chi guida un'auto come una playstation, pernso che già molti motociclisti si salverebbero.
A me la moto piaceva, ci sono rimasta morta per colpa di uno a retromarcia chiuso, come il suo campo visivo nonché il cervello, nella sua auto, ma indossavo un integrale e scrivo ancora qui, anche per testimoniare che una macchina va guidata, non bisogna farsi guidare, soprattutto una moto, che ritengo più sicura di un'auto, se solo è guidata da un umano e non da un clone.
Roma è la capitale delle stragi ma chi lo dice?? Fa notizia nelle province il numero dei morti, ma avete una mezza idea di quanti entrano nei pronto soccorsi di ospedali romani per incidenti di moto, quasi mai procurati bensì subiti? Ovviamente mi riferisco ai fortunati che hanno la possibilità di un pronto soccorso, senza finire direttamente in obitorio.
Demonizziamo l'ignoranza per favore, e copriamo di meno città che non saltano alla ribalta a meno che non ci sia una strage vera e propria immediata, perché già ogni giornata in città come Roma, Napoli e Milano sono una strage, ripeto non voluta quasi mai da chi sta su due ruote.
Che ci sono rimasta del tutto cieca e mezza sorda non significa che io in moto non ci salirò più, anzi sto cercando di inventarmi il modo di andarci pure da sola, come me altri ciechi, chissà, forse saremo quelli che guideranno meglio di tutti :)
Questo mio commento vale anche per l'altro post sulle moto, ma scrivo qui tanto è uguale.
Laura Raffaeli

Risposta n°2 

 con SABINOPREZIOSI il 05/07/2008 * 01:30
Purtroppo il bollettino dei caduti in moto sia locale che nazionale registra con la buona stagione sempre una notevole impennata,c'è in verità anche da chiedersi quanto realmente si faccia per renderlo almeno piu' lieve,fermo restando che se uno decide di andare a velocità da pista la morte è sempre in agguato,diciamo però che ben poco o nulla si fa per evitare comportamenti o abitudunu francamente pericolose anche procedendo con le dovute cautele,per esempio il casco è tutt'ora considerato un orpello fastidioso quando si va al mare o si gira per strade urbane,per puri fini commerciali si omette di dire che non scegliere un casco integrale significa mettere in grave pericolo la propria testa,usare poi la "scodella" significa farsi un giro alla roulette russa (ma fra i fruitori di caschi simili mi pare aver visto per esempio i postini e non solo),per ora ho visto solo una campagna nazionale promossa su web pro casco integrale e che la canta veramente come è.forse proprio perchè ideata da un ex motociclista ora fisicamente disabile ma non certo di testa visti i lavori che compaiono sul suo blog.Parimenti mi pare che la mancanza di sensibilità di tanti comuni pronti a riempirsi le tasche con i velox ma latitanti nel rifare manti stradali su percorsi degni del cross o che persistono ad installare guardarail tagliole siano altri elementi che con minimei investimenti risparmierebbero qualche morto e tanti invalidi.D'altra parte l'utente motociclista dovrebbe mettersi in testa che anche se va al mare è bene non usare ciabattine o similari anche se guidi uno scooterone,vi confesso che qualche gamba in meno sarebbe finita nell'inceneritore.Quindi per concludere ci vorrebbe un bel atto di buona volontà da parte di tutti,un pò di umiltà anche quando si acquistano modelli che sono alla portata delle nostre tasche ma non delle nostre capacità...quelli lasciamo ai Rossi,Stoner e compagnia...cerchiamo di usare la testa e forse noi del 118 cambieremo lavoro,meno famiglie piangeranno ed i camposanti avranno qualche posto in piu' che non guasta sicuramente.Sabino tiosissimo DUCATIk

Risposta n°3 

 con BLINDSIGHT il 05/07/2008 * 17:44
se chi organizza gare di moto (ma anche di auto) sponsorizzasse ogni volta la Vita, ad esempio l'uso del casco integrale, forse le cose andrebbero meglio, visto che girano svariati milioni di euro solo per tifare per una moto o un'auto..
mentre in molti comuni mancano i soldi per acquistare nuova segnaletica stradale e l'autovelox è fantascienza.
il casco integrale, mei piccoli centri non viene usato e nessuno fa nulla, i motivi sono agghiaccianti in un paese che sta diventando sempre più razzista ma al tempo stesso così ignorante: 1) mi si rovinano i capelli col gel, 2) poi chi capisce che sono io su questa moto splendida se metto un integrale?, 3) che è l'integrale? intendi l'abbronzatura? no io metto il costume...
pur amando la moto, non sopporto più le gare, che incitano tutti all'alta velocità e, come diceva sabino, non tutti possono permettersela, soprattutto esiste un limite nei centri abitati.
a parte le pubblicità ingannevoli, sarebbe ora di dire anche ai team ducati e ferrari ad esempio, di contribuire, anziché bearsi solamente di un pubblico che mai avrà una ferrari e mai una ducati, tantomeno le saprà guidare, perdendo magari un figlio in motorino sotto casa, o ritrovandosi una madre cieca per sempre per un'altrui retromarcia distratta.
ciao laura raffaeli

Risposta n°4 

 con manrico il 18/09/2008 * 16:00
E' morto Giorgio Bettinelli che in Vespa aveva percorso tutto il mondo dall'Alaska alla Terra del Fuoco, da Roma a Saigon fino in Cina dove ora viveva. Un grande Uomo che con la sua vespetta è andato piano e lontano ma tanto lontano. Ricordiamocelo

Risposta n°5 

 con Giorgio_Giunta il 06/10/2008 * 18:06
Nuovo schianto fatale al cosiddetto «tratto della morte» che collega la statale 9, via Emilia, con la provinciale 204, la San Zenone-Salerano. A perdere la vita un motociclista, Stefano D., 44 anni residente in Bassa pavese. Il giovane, in sella alla sua Yamaha 600, procedeva da Melegnano in direzione Lodi. Poco prima delle 15 si è scontrato con una Wolksvagen Passat che stava uscendo da San Zenone con a bordo cinque egiziani, padre, madre e tre bambini. Lo schianto è stato violentissimo e il giovane, nonostante abbia tentato una lunga frenata, è finito con la moto sotto l’automobile, picchiando violentemente a terra la testa. Immediata l’allerta ai soccorsi messa in atto dalle auto in transito: tante visto il giorno prefestivo. Sul posto, non più di 10 minuti dopo, la Croce Bianca di Melegnano ma anche una pattuglia della Stradale di Lodi di passaggio. Ma per il giovane non c’è stato niente da fare. Portato urgentemente al vicino ospedale di Melegnano vi è deceduto dieci minuti dopo. In ospedale anche i cinque occupanti dell’auto ma non in gravi condizioni. La via Emilia è rimasta paralizzata per oltre mezz’ora con tutti i disagi immaginabili. La salma è a disposizione del pm Paolo Filippini, nella camera mortuaria di Vizzolo. L’ultimo mortale a quell’incrocio risale a meno di due mesi fa. E, poi, a quella rotonda, non semaforizzata, si assiste a due impatti la settimana, anche perché l’uscita non è dotata di una corsia di accelerazione. Quel tratto di via Emilia viene definito «maledetto» anche per l’incrocio poco distante che la collega alla Sordio-Bettola: lì 8 mortali in 3 anni e 60 incidenti con feriti in 24 mesi.

Risposta n°6 

 con Giovanna il 17/10/2008 * 00:29

Salve a tutti mi chiamo Giovanna, spero che scrivere queste poche parole possa servire a qualcuno.

l'anno scorso il 26/08/2007 nella mia vita è accaduto qualcosa alla quale non avrei mai pensato: mio cugino Giovanni Barbuto a causa di un incidente con la sua moto è stato strappato alla vita. Era a casa sua quando i suoi amici lo hanno chiamato e gli hanno detto" dai Giova andiamo a fare un giro!". Lui da bravo ragazzo si è messo la tuta protettiva il casco e in sella alla sua moto è partito.  gli amici gli dicevano " vai più piano!" e lui " tranquilli la STRADA LA CONOSCO"  è stata quella frase quella sicurezza che si è portata via il mio angelo, quel ragazzo dagli occhi blu e la chioma bionda che fin da piccolo gli hanno fatto ricevere a casa lettere d'amore dalle sue innamorate, quel ragazzo che fin da piccolo riusciva a vedere un film horror e non aveva paura, quello stesso ragazzo ke all'età di 16 ANNI è morto preso in pieno da una macchina.

ancora oggi tutte le sere piango nel mio letto pensando a lui e ascoltando una canzone ADAGIO DI LARA FABIAN e mi semra che tutto questo non sia mai successo.  sei il mio angelo ti voglio bene! Giovanna

Risposta n°7 

 con anna il 29/10/2008 * 15:45
Le moto dovrebbero essere illegali. Si è ammazzato pure Pininfarina. Monorotaie per tutti. 

Risposta n°8 

 con donnina il 06/11/2008 * 20:31

  Motociclista decapitato

 

Mio marito Salvatore e' morto il mese di giugno urtando un fagiano con la ruota anteriore della moto e.......cadendo ha divelto (con la testa) la colonnina che sostiene i catarinfrangenti del guardrail. Morto sul colpo. Possiile che non si posa far niente per eliminare queste sorti di lame che sono sulle strade e uccidono giornalmente tante vite ?

Evento
09-2017 Ottobre 2017
L M M G V S D
            01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X