Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 

Blog - Alcol e guida


Numero di utenti 1823 utenti
   

Alcol 6000 morti l'anno  -  con AIFVS_onlus

Nel mondo ogni anno circa 5 milioni di persone perdono la vita per traumi. Di questi, circa uno su quattro muore in seguito ad incidente stradale. In Italia, uno su tre. Per ogni morto in incidente stradale ci sono poi 2-3 invalidi molto gravi, 20 ricoverati, più di 250 accessi al Pronto Soccorso. Attualmente, in Italia, secondo le stime dell’Osservatorio Nazionale Ambiente e Traumi (ONAT) dell’ISS, queste cifre annuali si traducono in:

-  6.000 morti;
- 15.000 invalidi (molto gravi);
- 120.000 ricoveri;
- più di un milione di accessi al Pronto Soccorso.

Il problema degli incidenti stradali è particolarmente cruciale per i giovani:

- Più di un decesso su tre riguarda soggetti con meno di 30 anni;
- In certe classi di età si muore prevalentemente per incidente stradale (più della metà di coloro che muoiono a 18 anni, muoiono in seguito ad incidente stradale); - l’incidente stradale è la prima causa di morte per i maschi sotto i 40 anni;
- L’incidente stradale è la prima causa di invalidità grave dei giovani.

A fronte di questa situazione, è naturale chiedersi quali siano le cause, e se tali cause possano essere controllate al fine di ridurre questo drammatico quadro di perdite di vita e di salute che, in base a stime diverse, costa al nostro paese in termini sanitari e sociali più di 35 miliardi di euro l’anno.

 

Nel mondo ogni anno circa 5 milioni di persone perdono la vita per traumi. Di questi, circa uno su quattro muore in seguito ad incidente stradale. In Italia, uno su tre. Per ogni morto in incidente stradale ci sono poi 2-3 invalidi molto gravi, 20 ricoverati, più di 250 accessi al Pronto Soccorso. Attualmente, in Italia, secondo le stime dell’Osservatorio Nazionale Ambiente e Traumi (ONAT) dell’ISS, queste cifre annuali si traducono in:

-  6.000 morti;
- 15.000 invalidi (molto gravi);
- 120.000 ricoveri;
- più di un milione di accessi al Pronto Soccorso.

Il problema degli incidenti stradali è particolarmente cruciale per i giovani:

- Più di un decesso su tre riguarda soggetti con meno di 30 anni;
- In certe classi di età si muore prevalentemente per incidente stradale (più della metà di coloro che muoiono a 18 anni, muoiono in seguito ad incidente stradale); - l’incidente stradale è la prima causa di morte per i maschi sotto i 40 anni;
- L’incidente stradale è la prima causa di invalidità grave dei giovani.

A fronte di questa situazione, è naturale chiedersi quali siano le cause, e se tali cause possano essere controllate al fine di ridurre questo drammatico quadro di perdite di vita e di salute che, in base a stime diverse, costa al nostro paese in termini sanitari e sociali più di 35 miliardi di euro l’anno.

 

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 22/06/2008 * 12:02   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°9 

 con alessandro il 08/11/2008 * 12:25
Ma se lo stato e' il primo a guadagnarci sulla vendita degli alcolici.Sono tutti chiacchieroni per farsi belli davanti ad una telecamera.Quando parlano di incidenti stardali lo fanno solo perche' il soccorso ha un costo, della vita di ognuno di noi non gli interessa nulla. Si parla solo in base ad un discoso economico. Fanno pena

Risposta n°10 

 con bianch il 10/12/2008 * 15:10

ci sono enormi inesattezze sul commento n 8.

Prima cosa "Sacco" alias matteo beltrami era di darzo e non di cimego.

Seconda cosa dietro a lui sedeva la sua ragazza Hillary e non la sua amica.

Purtroppo questo Commento n8 ha azzecato solo su una cosa: che sacco non c'è piu... Perche marascalchi gli ha investiti e ha ucciso matteo.Io quella sera c'ero e marascalchi è stato condannato a 2 anni e 6 o 8 mesi per non essere capace di intendere e volere. ma questa è una grande cazzata perchè riuscire a tenere una macchina a 170kmh in mezzo al paese di darzo è inpossibile. Almeno che tu non sia cosciente di quello che fai.

E cmq se tu sei ubriaco e guidi non vuol dire che hai la licenza di uccidere

Risposta n°11 

 con carla il 06/01/2009 * 16:50
IL TIRRENO  L’annuncio della Coop: ai ragazzi verrà chiesta la carta d’identità  Niente alcolici ai minorenni     PIOMBINO. Martedì 23 dicembre 2008. - Dal 1º gennaio la Coop interrompe la vendita di alcolici ai minori di 18 anni negli oltre 1300 punti vendita in tutta Italia. «La decisione - dice una nota - nasce dalla volontà di non assistere impotenti a una minaccia per la salute di tutti e in particolar modo per i giovanissimi, malgrado non esista ancora una legge in materia». I dati fanno paura: secondo l’Istituto superiore di Sanità ogni 100 ricoveri per intossicazione da alcol, 17 sono a carico di giovani al di sotto dei 14 anni.  «Con questa decisione - dice la Coop - ci facciamo carico di un fenomeno pericoloso per la salute e altrettanto pericoloso per le sue ricadute sociali. Lo consideriamo un impegno importante e in linea con la nostra politica. Contiamo che ciò serva a sollevare un dibattito, ad aprire un tavolo istituzionale con altri operatori interessati per arrivare il più presto all’emanazione di una legge che riteniamo indispensabile». Non ci si limita, però, spiega la Coop, a rinunciare a vendere. «Affiancheremo iniziative di informazione e di sensibilizzazione dei giovani e degli adulti al problema dell’alcol per fare in modo che una delle piaghe più dolorose del nostro tempo possa essere combattuta efficacemente».  Da gennaio dunque se un ragazzo dall’età apparente sotto i 18 anni si presenterà alla cassa avendo acquistato alcolici, la cassiera gli chiederà un documento. E se non è maggiorenne niente alcolici.

Risposta n°12 

 con patty il 27/01/2009 * 12:36
Sono la mamma di Gianmarco Coccioloni un sedicenne morto insieme ad altri due coetanei in una tragica domenica mattina (28/12/2008). Mi chiedevo dato che non ho trovato risposta se esiste la legge che i minori di 18 anni non possono entrare in discoteca.........

Risposta n°13 

 con Raffaella il 08/02/2009 * 15:41
Cara Patty, quanto dolore devi e dovrai sopportare per il tuo Gianmarco!! Sono anch'io una mamma, Raffaella, che ho perso il mio secondogenito figlio di 16 anni col suo tanto amato motorino a metà luglio del 2007,  xkè abbagliato da una macchina che proveniva in senso contrario e che forse gli ha invaso il suo senso di marcia che correttamente teneva il mio Andrea! La makina nn si è fermata...il mio ragazzo è morto all'istante!! Per la tua domanda di vietare l'entrata dei minori di 18 in discoteca credo proprio che nn si possa fare niente per ora xkè nn c'è nessuna legge che lo vieti!! Siamo arrivati ora a vietare la vendita di alcolici ai mionori di 16 anni...ma secondo te, credi ke basti??!!...Io no, purtroppo!! Ti abbraccio forte e spero ke tu legga questo mio mess.! Baci

Risposta n°14 

 con Luciano il 19/06/2009 * 11:17

Chi uccide guidando ubriaco, rimane praticamente impunito. L'assassino di mia moglie guidava a 140Km/h e gli è stato riscontrato un tasso alcoolico di 1,8:  è stato condannato a poco più di 1 anno. Inoltre negli articoli sul quotidiano locale è sempre stato indicato solo con le iniziali. Perchè?? Creiamo noi allora una gogna mediatica mediante un elenco pubblico che riporti tutti i nomi dei condannati per omicidio per guida in stato di ebbrezza. Che tutti sappiano.

Risposta n°15 

 con filippo il 01/04/2010 * 10:51
buongiorno, mi chiamo filippo ho 19 anni e sono di vicenza.. sto cercando dati per la mia tesina.. la mia idea era di basarla sugli incidenti stradali causati dall'uso di alcool ma su internet c'è tantissimo ma poco che mi può servire.. ad esempio dati x fare calcoli statistici ecc non riesco a trovarne,  o almeno non di recenti.. se poteste darmi una mano ve ne sarei grato.. grazie mille dell'attenzione...  .... vi ringrazio fin da ora dell'auito. grazie

Risposta n°16 

 con carla il 02/04/2010 * 07:48
Ciao Filippo, ho trovato questo articolo, forse la difficoltà che incontri nel reperire dati è per la ragione che viene descritta qui, un saluto e in bocca a lupo per la tesi,ilia    L'Asaps, l'Associazione degli amici della Polizia stradale, risponde alle dichiarazioni rilasciate dal ministro per l'Agricoltura Luca Zaia a "Quattroruote" riguardo ai limiti del tasso alcolemico per chi guida. Secondo l'Asaps, il ministro Zaia parla di "stato di ubriachezza" (che non può essere raggiunto con due bicchieri di vino). Peccato però che la legge parli di "stato di ebbrezza".

Qui di seguito, la lettera inviataci da Giordano Biserni, presidente dell'Asaps.

Ci permettiamo di rispondere alle dichiarazioni del ministro Zaia a "Quattroruote", in particolare riferendoci alla frase in cui dice: "Lecito guidare dopo due bicchieri. Non è l'alcol la causa degli incidenti. Bisogna finirla di considerare ubriaco chi beve due bicchieri: è in atto una criminalizzazione del vino". In effetti, il ministro ha ragione, chi beve due bicchieri di vino non deve considerarsi ubriaco, ma potrebbe essere invece ebbro alla guida. Infatti, il Codice della strada, all'articolo 186, parla di ebbrezza alla guida e non di ubriachezza, condizione molto diversa.

Ci piace evidenziare comunque che con due bicchieri di vino da 12 gradi, purché siano due unità alcoliche da 125 ml l'una per un totale di 250 ml, un uomo di 80 kg, ai pasti, non supera la soglia di 0,5 g/l. Ciò è stato più volte sperimentato. Certo se il bicchiere è di quelli col fondo e il diametro largo il discorso cambia.

Ci fa piacere, comunque, che il ministro riconosca che il valore alcolemico di 0,5 grammi per litro sia ragionevole. Forse proprio per questo quasi tutti i Paesi europei hanno adottato questo limite. Anzi, alcuni ne hanno adottato uno più basso.

Il ministro poi afferma che solo il 2,09% degli incidenti è causato da guidatori in stato di ebbrezza. È vero, se andiamo a verificare i dati Istat ultimi disponibili (anno 2007), gli incidenti che vengono ricondotti ad "Anomalia per ebbrezza da alcol" sarebbero stati solo 6.124, pari al 2,09% del totale. Insomma, se ne dovrebbe ricavare che siamo di fronte a un aspetto residuale delle cause dell'incidentalità, neanche meritevole di indagine.

La realtà, lo sappiamo, è completamente diversa. L'Oms (Organizzazione mondiale della sanità), l'Iss (Istituto superiore di sanità) e l'Ue fissano in una percentuale del 30-35% l'abuso di alcol e stupefacenti nei conducenti che hanno provocato incidenti mortali o comunque gravi. Ma perché i dati ufficiali Istat e quelli della ricerca divergono in modo così eclatante? Secondo l'Asaps anche per il metodo di raccolta degli elementi determinanti la sinistrosità. Cerchiamo di spiegarci. Nei modelli Istat in dotazione alle forze di Polizia vengono indicate solo un numero limitato di voci da evidenziare quali cause determinanti il sinistro.

Accade così che se l'ebbro alla guida, nella sua condotta, ha violato più norme di comportamento come superamento dei limiti di velocità, attraversamento col semaforo rosso, sorpasso in curva, contromano, mancata precedenza eccetera saranno questi elementi a essere indicati e ad emergere nelle statistiche ufficiali. L'ebbrezza alla guida diventerà saliente solo quando verrà identificata come unico elemento causale. Insomma, solo quando una vettura sbanda da sola e finisce contro una pianta, un manufatto o fuori strada, magari senza frenata. Solo in questi casi la causa viene fatta risalire a una eventuale positività da alcol o stupefacenti. Ecco che il motivo della forbice dei dati Istat rispetto alla realtà è in parte svelato. Anche negli Osservatori il Centuro - Asaps sulla pirateria stradale, sui contromano e sulle aggressioni alle divise l'ombra lunga dell'alcol è sempre presente fra il 35 e 45% dei casi.

Reputiamo invece necessario il limite a 0,0 per i neopatentati e per i conducenti professionali (pullman e camion). Concordiamo col ministro quando afferma che dei fattori di rischio come il fumo e i farmaci che incidano sulla lucidità alla guida ci si occupa meno. Forse perché le lobby che li tutelano sono più potenti.

Giordano Biserni
Presidente Asaps

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it