Blog - Sicurezza stradale

Numero di utenti 1792 utenti
Connessi : ( nessuno )
Snif !!!
   


Rubriche

Dispiega Chiudi Strage Motociclisti

Dispiega Chiudi Sicurezza stradale

Dispiega Chiudi Riforma codice della strada

Dispiega Chiudi Pubblicità pericolose

Dispiega Chiudi Giustizia negata

Dispiega Chiudi Giornata del ricordo

Dispiega Chiudi Bambini vittime della strada

Dispiega Chiudi Alcol e guida

Ultimi post
Ultimi commenti
Sicurezza stradale

Proposte per fermare la strage stradale  -  con AIFVS_onlus

DECRETO SICUREZZA STRADALE E CONFISCA AUTO
Alcuni se ne invischiano del decreto di legge che prevede la confisca dell'auto, infatti tanti si fanno pizzicare e poi piangono "non è giusto che lo stato si prenda anni di sacrifici per rinpinguire le proprie casse"

Per i pochi che non lo sanno il decreto prevede:

La confisca dell'auto nel caso che si superi il tasso alcolemico nel sangue di 1.5 g.per  litro. Qindi parecchio ubriaco e non un paio di bicchieri ma molto di più.

Quello che pochi invece sanno  è che in caso di sequestro e confisca dell'auto i costi del deposito  sono sempre a carico del trasgressore, quindi se l'auto rimane in deposito per tre anni prima di essere venduta all'asta e opotizzando 4 € al giorno di deposito il trasgressore si troverà a pagare oltre alla salatissima multa, la perdita dell'auto e la sospensione della patente, anche alcune migliaia di €uro di  deposito che lo stato si prenderà in ogni caso oltre al ricavato della vendita all'auto.

Per quelli che invece si credono furbi e che  stanno architettanto di fare guidare l'amico buona scelta, se non è ubriaco  ma nel caso che lo fosse si eviterebbe la confisca ma non il fermo amministrativo di almeno 90 giorni, la multa salatissima oltre la denuncia e il ritiro di patente.

Le stesse sanzioni si appilcano per chi si rifiuta di sottoporsi al test o peggio chi viene beccato alla guida dopo avere assunto stupefacenti.

Il buon senso ci dice chi guida non beve e chi beve non guida

DECRETO SICUREZZA STRADALE E CONFISCA AUTO
Alcuni se ne invischiano del decreto di legge che prevede la confisca dell'auto, infatti tanti si fanno pizzicare e poi piangono "non è giusto che lo stato si prenda anni di sacrifici per rinpinguire le proprie casse"

Per i pochi che non lo sanno il decreto prevede:

La confisca dell'auto nel caso che si superi il tasso alcolemico nel sangue di 1.5 g.per  litro. Qindi parecchio ubriaco e non un paio di bicchieri ma molto di più.

Quello che pochi invece sanno  è che in caso di sequestro e confisca dell'auto i costi del deposito  sono sempre a carico del trasgressore, quindi se l'auto rimane in deposito per tre anni prima di essere venduta all'asta e opotizzando 4 € al giorno di deposito il trasgressore si troverà a pagare oltre alla salatissima multa, la perdita dell'auto e la sospensione della patente, anche alcune migliaia di €uro di  deposito che lo stato si prenderà in ogni caso oltre al ricavato della vendita all'auto.

Per quelli che invece si credono furbi e che  stanno architettanto di fare guidare l'amico buona scelta, se non è ubriaco  ma nel caso che lo fosse si eviterebbe la confisca ma non il fermo amministrativo di almeno 90 giorni, la multa salatissima oltre la denuncia e il ritiro di patente.

Le stesse sanzioni si appilcano per chi si rifiuta di sottoporsi al test o peggio chi viene beccato alla guida dopo avere assunto stupefacenti.

Il buon senso ci dice chi guida non beve e chi beve non guida

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 08/06/2008 * 18:22   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°1 

 con antoniomiroddi il 09/06/2008 * 23:15

MI SONO APPENA VISTO LA PUBBLICITA' DELLA PUNTO CHE PROCLAMA CHE E' BELLO FARSI INSEGUIRE E FA VOLARE SUI DOSSI L’AUTO ED HO APPENA MANDATO ALLA FIAT UNA SERIE DI EMAIL DEL TENORE CHE SEGUE:

"BERTA FILAVA, CON LA NUOVA PUNTO, VERSO IL CIMITERO. UNA BARA: AUTO MODESTE E BARE ECCEZIONALI. VERGOGNA? MI RICORDO MARCHIONNE CON I BAMBINI ATTORNO. VERGOGNA? E MONTEZEMOLO CHE PROCLAMAVA CHE LA 500 E' IL DNA DELLA FIAT. UNA BARA ROTONDA. BARE. LA PIU' GRANDE PRODUTTRICE DI BARE IN ITALIA. BARE. "

MA DA SOLI SI PUO’ POCO, VOI POTRESTE DI PIU'. MA LO VOLETE? NON SERVONO LE LEGGI SERVE CHE QUESTI MERCANTI DI MORTE VENGANO RICONOSCIUTI PER QUELLO CHE SONO.

ANTONIO MIRODDI - ROMA - UN SOPRAVVISSUTO.

Risposta n°2 

 con admin il 09/06/2008 * 23:29
Quello che è peggio che per fare la pubblicità alla punto usano una vittima della strada cioè il compianto Rino Gaetano che come tutti sanno è morto con la sua moto a Roma in circostanze poco chiare.
E' proprio una pubblicità di cattivo gusto.

Risposta n°3 

 con antoniomiroddi il 09/06/2008 * 23:37

MA LORO CON LA MORTE HANNO DIMESTICHEZZA: CMQ OSSERVAZIONE  MOLTO INTELLIGENTE QUELLA SUL CANTANTE MORTO: MANDALA ALLA FIAT, ALLA LORO HOME PAGE "CONTATTACI".

ANTONIOMIRODDI

Risposta n°4 

 con riccardo il 09/06/2008 * 23:43

certa gente per fare un pò' di soldi in più venderebbe la sorellina piccola .... ma alla signora agnelli gliela paghiamo la pensione del marito morto senatore a vita?

Risposta n°5 

 con Biby il 14/06/2008 * 21:37
Sono pienamente d'accordo sullo scrivere ognuno di noi un bel COMMENTO alla Fiat...conterà POCO...ma almeno la soddisfazione personale di mettere per iscritto il nostro pensiero e dar anche, se poco, VOCE ai nostri Angeli che hanno perso la vita per queste auto lanciate nella strada a velocità assurde..sarebbe bello...con affetto Biby

Risposta n°6 

 con admin il 15/06/2008 * 00:06
Mai arrendersi invece possiamo cominciare a scrivere alla Fiat, e manifestare il nostro dissenso per il modo squallido e inqualificabile dell'uso e del contenuto dello spot sulla Fiat punto.
Del resto la fiat non è nuova a queste pubblicità e già la nostra associazione ha contribuito a fare cessare un'altro spot sulla Lancia. qui di seguito la risposta della Fiat Lancia al vicepresidente AIFVS Franco Piacentini che si è occupato della questione, oltre quella della Jaguar, speriamo che si occupi anche di questo caso.

Maurizio Spagnulo
To: Franco Piacentini (AIFVS)
Sent: Friday, June 29, 2007 3:08 PM
Subject: R: RE: LANCIA Ypsilon - richiesta immediata sospensione e annullamento spot pubblicitari.


Egregio signor Piacentini,



ho verificato.

La situazione è questa:

- RAI: bloccata

- Mediaset: bloccata

- La7: annullata

- All Music: previsto per luglio nuovo flight, annullato

- MTV: previsto per luglio nuovo flight, annullato

- SKY: entro domani annullate eventuali code di programmazione.



Spero che venga apprezzata questo che per noi è uno sforzo molto impegnativo.

Per quanto riguarda l’esempio di Jaguar (tra l’altro l’e-mail relativa la leggo solo oggi, non l’ho ricevuta), ritengo che per loro fosse più facile in quanto normalmente il numero di reti coinvolte e il numero di passaggi delle loro pubblicità sono molto contenuti.



Cordiali saluti

Maurizio Spagnulo

Risposta n°7 

 con antoniomiroddi il 15/06/2008 * 14:29

Ed allora coraggio, facciamoci sentire. Per i nostri morti, per gli invalidi e per le sofferenze dei sopravvissuti. Devono vergognarsi. Semplicemente. Andare a dormire con la leggera inquietudine di essere stati scoperti.

Antonio Miroddi - Roma - un sopravvissuto

Risposta n°8 

 con riccardo il 15/06/2008 * 15:43

Ben detto, io sto già inviando ma mi sembra di capire che l'iniziativa del Presidente dell'Associazione avrebbe ben altro peso e sono certo che non mancherà. Un cordiale saluto a tutti, riccardo

Evento
08-2017 Settembre 2017
L M M G V S D
        01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X