Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.

Blog - Giustizia negata


Numero di utenti 1812 utenti
   


Giustizia negata

UCCISA DUE VOLTE  -  con MICHELA

A quasi otto anni da quel maledetto 07.07.2004 nel quale mi madre veniva travolta da un tir ad un incrocio è arrivata la tremenda sentenza. Il giudice, senza neanche tenere conto di un testimone che affermava che mia mamma era ferma al semaforo rosso insieme al tir ed avvalorando solo la testimonianza di un altro camionista (!) che in prima sede dichiarava che mia mamma era arrivata a tir già in fase di curva cambiandola poi in "non mi ricordo, forse era già lì" in altre udienze, ha sentenziato:

LA DOMANDA E' INFONDATA E NON MERITA ACCOGLIMENTO. DAGLI ATTI E' PACIFICAMENTE EMERSA LA COLPA SPECIFICA DELLA CONDUCENTE DEL VELOCIPEDE.

Siamo sconcertati.

A quasi otto anni da quel maledetto 07.07.2004 nel quale mi madre veniva travolta da un tir ad un incrocio è arrivata la tremenda sentenza. Il giudice, senza neanche tenere conto di un testimone che affermava che mia mamma era ferma al semaforo rosso insieme al tir ed avvalorando solo la testimonianza di un altro camionista (!) che in prima sede dichiarava che mia mamma era arrivata a tir già in fase di curva cambiandola poi in "non mi ricordo, forse era già lì" in altre udienze, ha sentenziato:

LA DOMANDA E' INFONDATA E NON MERITA ACCOGLIMENTO. DAGLI ATTI E' PACIFICAMENTE EMERSA LA COLPA SPECIFICA DELLA CONDUCENTE DEL VELOCIPEDE.

Siamo sconcertati.

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 23/02/2012 * 09:04   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°1 

 con Patrizia_Q il 23/02/2012 * 14:28
Purtroppo so di cosa parli Michela, la delusione e l'amarezza dopo queste sentenze lascia senza parole. Purtroppo per incompetenza di chi ci segue legalmente o per poca attenzione da parte dei giudici, non otteniamo alcuna giustizia per chi ci è caro e questo non ci aiuta a proseguire il cammino.

Risposta n°2 

 con ARIANNA il 24/02/2012 * 13:20

Michy cucciola... mi dispiace un casino... è uno schifo ... "a volte" vorrei che questi giudici vivessero le nostre tragedie  ... solo così potranno capire e comprendere il dolore ...  queste sentenze  inaccettabili  !

Fatti forza la tua mamma è sempre vicino a te e ti aiuterà a superare questo "nuovo"dolore.

Michy, ti voglio bene... tanto tanto !

Ari

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it