Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.

Blog - Pubblicità pericolose


Numero di utenti 1810 utenti
   


Pubblicità pericolose

Gli spot di Valentino Rossi  -  con GG

Pressanti richieste fermare gli spot di Valentino Rossi, Non è facile ci abbiamo provato quando faceva pubblicità alla birra peroni,(immaginate MOTO + VELOCITA + ALCOL) un bel COCKTAIL di morte.

Un tentativo era stato fatto quando pubblicizzava Peroni che a suo dire lo aveva cullato sin dagli inizi di carriera, quando della faccenda si è interessato l'amico Giuseppe Raduano site.gif "tutto archiviato". A questo punto si ci chiede quando impopolare sarebbe mettersi contro il dottore (..) noi non temiamo impopolarità!.

Non è certo lui il modello da seguire, nell'estate del 2007 si è scoperto che il dottore aveva evaso il fisco per 112 milioni di €uro. Non so come è finita. Però so come è finita a me vittima della strada dopo aver perso la moglie e rimasto senza poter lavorare per 4 anni dovute alle lesioni subite (lavoro autonomo) Attività ferma niente soldi per pagare le tasse.

Poi il fisco mi ha presentato il conto dei 25/30 mila uro di non pagati nel frattenpo sono diventati €.120.000. Sappiamo quanto è vorace il fisco in questi casi a me non mi hanno fatto dottore. A lui immaginiamo il trattamento gli hanno riservato.

Questa è l'Italia

G. G.

 

Pressanti richieste fermare gli spot di Valentino Rossi, Non è facile ci abbiamo provato quando faceva pubblicità alla birra peroni,(immaginate MOTO + VELOCITA + ALCOL) un bel COCKTAIL di morte.

Un tentativo era stato fatto quando pubblicizzava Peroni che a suo dire lo aveva cullato sin dagli inizi di carriera, quando della faccenda si è interessato l'amico Giuseppe Raduano site.gif "tutto archiviato". A questo punto si ci chiede quando impopolare sarebbe mettersi contro il dottore (..) noi non temiamo impopolarità!.

Non è certo lui il modello da seguire, nell'estate del 2007 si è scoperto che il dottore aveva evaso il fisco per 112 milioni di €uro. Non so come è finita. Però so come è finita a me vittima della strada dopo aver perso la moglie e rimasto senza poter lavorare per 4 anni dovute alle lesioni subite (lavoro autonomo) Attività ferma niente soldi per pagare le tasse.

Poi il fisco mi ha presentato il conto dei 25/30 mila uro di non pagati nel frattenpo sono diventati €.120.000. Sappiamo quanto è vorace il fisco in questi casi a me non mi hanno fatto dottore. A lui immaginiamo il trattamento gli hanno riservato.

Questa è l'Italia

G. G.

 

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 19/11/2010 * 09:32   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°1 

 con carla il 19/11/2010 * 14:21
Immagino che sia difficile fermare gli spot di Valentino Rossi, ma di sicuro non abbiamo nulla da perdere, abbiamo già dato. I nostri cari hanno già dato.  Provare, per la dignità della vita dei nostri cari che sono stati vittime di questo mito, ostentato e fatto credere un valore. Provare a fare una segnalazione all’Autorità garante, il quale a rigor di logica  non avrebbe dovuto neanche  mandare in onda questo spot, perché è incitamento a correre ed è contrario alla sicurezza. Provare, perché sappiamo bene che i personaggi come lui scelti non a caso, ma ad hoc per far passare il messaggio, rappresentano per i giovani un mito da emulare.Quando tutti sanno, o dovrebbero sapere, che è causa di morte.   È VERAMENTE INSOPPORTABILE TUTTO QUESTO!!!!   Importante arrivare prima Se ti piace correre ti piace farlo sempre   La velocità è una cosa molto emozionante, ed è incredibile quanto ci si possa abituare alla velocità Dopo un po’ ti sembra di andare piano……………ecc….  

Risposta n°2 

 con stellamarina il 08/03/2011 * 21:31
Sicuramente questi Super piloti non bevono alcolici prima di disputare una gara ,alla vita ci tengono anche loro: è questa la parte più difficile da far capire ai giovani.

Risposta n°3 

 con carla il 09/03/2011 * 05:22

non bere prima di guidare deve essere una regola, bere e guidare non sono compatibili.Ma anche guidare a forte velocità  si fanno male anche in  pista, a maggiore ragione in strada dove non ci sono protezioni e ci sono le altre persone che vogliono arrivare a casa e invece per scelta di chi preme sull'accelleratore a casa non può più tornare.

GUIDA CON CALMA! RISPETTA LE REGOLE

ZONE 30!!!!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it