Blog - Sicurezza stradale

Numero di utenti 1797 utenti
Connessi : ( nessuno )
Snif !!!
   


Rubriche

Dispiega Chiudi Strage Motociclisti

Dispiega Chiudi Sicurezza stradale

Dispiega Chiudi Riforma codice della strada

Dispiega Chiudi Pubblicità pericolose

Dispiega Chiudi Giustizia negata

Dispiega Chiudi Giornata del ricordo

Dispiega Chiudi Bambini vittime della strada

Dispiega Chiudi Alcol e guida

Ultimi post
Ultimi commenti
Sicurezza stradale

Il 60% dei motorini è truccato  -  con Sede_AIFVS_Modena

Il 60% dei motorini è truccato

MotoriniTruccati.jpg
  L'operazione dei carabinieri di Peschiera contro i motorini truccati

"18/09/2010  
Cinquantini" anche a 110 all'ora
I carabinieri di Peschiera sul Garda hanno fermato e controllato numerosi motorini, riscontrando che la maggior parte è stata modificata. Sanzioni amministrative a parte, l'operazione dei militari si è conclusa con il fermo amministrativo di una quarantina di ciclomotori. Un mezzo con la cilindrata di 50 cc non potrebbe per legge superare i 45 all'ora 

Da un controllo dei carabinieri di Peschiera sul Garda, nel Veronese, è emerso che quasi il 60 per cento dei motorini controllati risulta truccato per aumentarne la velocità. Alcuni «cinquantini», che per legge non devono superare i 45 chilometri all'ora, messi sul banco prova (uno strumento che serve per verificare la reale velocità dei ciclomotori) hanno invece superato i 110 all'ora.

Molti i modi per elaborare i motori: si va dal cambio della marmitta a quello del carburatore, dal cambio del variatore di velocità alle aggiunte di centraline elettroniche, oppure più semplicemente si tolgono i fermi che riducono l'afflusso di benzina ai cilindri.

L’operazione dei carabinieri si è conclusa con il fermo amministrativo di circa 40 motorini e sanzioni amministrative per oltre 16.000 euro.

Il 60% dei motorini è truccato

MotoriniTruccati.jpg
  L'operazione dei carabinieri di Peschiera contro i motorini truccati

"18/09/2010  
Cinquantini" anche a 110 all'ora
I carabinieri di Peschiera sul Garda hanno fermato e controllato numerosi motorini, riscontrando che la maggior parte è stata modificata. Sanzioni amministrative a parte, l'operazione dei militari si è conclusa con il fermo amministrativo di una quarantina di ciclomotori. Un mezzo con la cilindrata di 50 cc non potrebbe per legge superare i 45 all'ora 

Da un controllo dei carabinieri di Peschiera sul Garda, nel Veronese, è emerso che quasi il 60 per cento dei motorini controllati risulta truccato per aumentarne la velocità. Alcuni «cinquantini», che per legge non devono superare i 45 chilometri all'ora, messi sul banco prova (uno strumento che serve per verificare la reale velocità dei ciclomotori) hanno invece superato i 110 all'ora.

Molti i modi per elaborare i motori: si va dal cambio della marmitta a quello del carburatore, dal cambio del variatore di velocità alle aggiunte di centraline elettroniche, oppure più semplicemente si tolgono i fermi che riducono l'afflusso di benzina ai cilindri.

L’operazione dei carabinieri si è conclusa con il fermo amministrativo di circa 40 motorini e sanzioni amministrative per oltre 16.000 euro.

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 26/09/2010 * 17:27   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Risposta n°1 

 con Carlo_Cattorini il 26/10/2010 * 16:24
...i produttori e i venditori di motociclette sono RESPONSABILI di molte morti...

Quando un motociclista viaggia in sella alla sua moto, è invogliato dal suo veicolo ad andare veloce.
Quando un motociclista in sella alla sua moto incontra una coda di autovetture, è invogliato dal suo veicolo a sorpassarla.
Il successo e la moda della motocicletta dipende dalla libertà di sorpassare gli altri veicoli in coda.
Il sorpasso di veicoli in coda è un'operazione nella quale la visibilità è minore.
La distanza di sicurezza è fondamentale, obbligatoria, raccomandata e insegnata in ogni scuola guida nel mondo.
La distanza di sicurezza dipende dalla velocità e dalla visibilità.
Ho letto http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_dallapuglia_NOTIZIA_01.php?IDNotizia=367823&IDCategoria=470

Risposta n°2 

 con Carlo_Cattorini il 27/10/2010 * 11:23
site.gif
Usare le motociclette è pericoloso, un po' come gli esplosivi...
Se le motociclette sono affidate a motociclisti che non sono in grado di affrontare e di gestire tutte le situazioni possibili, chiaramente nel futuro di tanta gente (volente o inconsapevole) ci saranno tante prognosi riservate, sia per i motociclisti sia per persone completamente estranee.

Cercando "prognosi riservata motociclista 2010" escono quasi settemila risultati:
http://www.google.it/search?hl=it&client=firefox-a&hs=bs1&rls=org.mozilla%3Ait%3Aofficial&channel=s&q=prognosi+riservata+motocic lista+2010&aq=f&aqi=&aql=&oq=&gs_rfai=

Significa che girare con le motociclette è come giocare alla roulette russa.
Significa che scegliere di usare una motocicletta non è proprio una manifestazione di intelligenza.
Questo toglie ogni credibilità e ogni merito e nega ogni attendibilità.

Carlo Cattorini

Risposta n°3 

 con Sergio il 27/10/2010 * 21:50
Relativamente al paragone con la "roulette russa" circa l'uso di una motocicletta, penserei piuttosto al comportamento di molti automobilisti, oltre che di taluni motociclisti/scooteristi anche, nei confronti di chi, appunto, è spesso costretto ad usare simili mezzi con il freddo od il caldo, al fine di recarsi al lavoro. Di certo preferirebbero stare anch'essi al caldo o fresco di una comoda vettura.Inoltre, paragonare chi, per passione anche, usa le due ruote ad un "non intelligente individuo"...un po mi disturba.Perchè bisognerebbe privarsi di piaceri o necessità?Perseguiamo invece duramente chi, chiunque sia ed alla guida di qualunque mezzo, attenta o riesce nel suo attentato alla vita di altri.Buona sera.

Risposta n°4 

 con CarloCattorini il 03/01/2013 * 00:23
ricordate http://www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=240876
le motociclette NON HANNO i sistemi di protezione propri delle autovetture: le motociclette sono roulette russe, veri giochi d'azzardo con esiti imprevedibili anche se statisticamente abbondantissimi di cronaca NERA...
USARLE IMPLICA DEFICIENZA DI INTELLIGENZA...

Evento
09-2017 Ottobre 2017
L M M G V S D
            01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X