Blog - Alcol e guida

Numero di utenti 1797 utenti
Connessi : ( nessuno )
Snif !!!
   


Rubriche

Dispiega Chiudi Strage Motociclisti

Dispiega Chiudi Sicurezza stradale

Dispiega Chiudi Riforma codice della strada

Dispiega Chiudi Pubblicità pericolose

Dispiega Chiudi Giustizia negata

Dispiega Chiudi Giornata del ricordo

Dispiega Chiudi Bambini vittime della strada

Dispiega Chiudi Alcol e guida

Ultimi post
Ultimi commenti
Alcol e guida

Italia sempre più assurda.  -  con E_Brunello

Nel nostro Bel Paese che si vanta di essere civile, ogni qualvolta una persona ubriaca investe e uccide dei passanti o provoca un incidente mortale, non riceve mai la pena più giusta che gli spetterebbe. Nelle regole del nuovo Codice Strdale, si parla addirittura di zero per mille di alcol a chi è neo patentato e di 0,5 per chi ha la patente da anni. Oltre a denotare questa regola una immensa ignoranza del legislatore che dimostra chiaramente di nonconoscere gli effetti dell'alcol anche con solo lo 0,3 per mille in corpo, dimostra soprattuto l'indulgenza e "bagatellizazione" di un atto gravissimo che dovrebbe essere punito invece non solo con l'Omicidio Colposo, ma anche con la Preterintenzionalità dell'azione in quanto Prima di mettersi ubriaco al volante, questa persona Sobria andando a bere SAPEVA PERFETTAMENTE ciò che si accingeva a fare e di conseguenza non si può parlare poi di una "ridotta capacità di intendere e volere", proprio perchè ormai tutti sanno quali siano gli effetti che l'alcol produce sulle persone, per cui uscire in compagnia e bere sino ad essere ubriachi è un gesto più che mai Intenzionale e Voluto, assumendosi inconsciamente in pieno le eventuali responsabilità delle sue azioni una volta che si siede al volante in stato di ubriachezza.
Semmai chi merita un'accusa di Ridotta Capacità di Intendere e Volere sono gli avvocati che difendono questi sporchi assassini e chi li giudica dimostrando indulgenza verso di loro con pene irrisorie, e forse perchè loro stessi sono tra i primi che bevono volentieri e dopo vanno a casa guidando la propria auto.
Una cosa deve essere chiara a tutti: un Paese Civile ha come regola stradale lo ZERO PER MILLE per chi guida, ovvero che al volante si deve essere lucidi e presenti senza influssi di alcol o droghe. Al di fuori di ciò, tutto ciò che viene causato da persone con alcol in corpo deve essere sanzionato con la precisa volontà di voler far del male, di ammazzare da parte di chi ha causato un incidente essendo ubriaco o drogato. Oggi non è più come 40 anni fa che non lo si sapeva. Oggi sappiamo tutti quali sono gli effetti dell'alcol e delle droghe e quindi farne uso o bere sono il frutto di scelte COSCIENTI E CONSAPEVOLI, da parte di chi le effettua.
Nel nostro Bel Paese che si vanta di essere civile, ogni qualvolta una persona ubriaca investe e uccide dei passanti o provoca un incidente mortale, non riceve mai la pena più giusta che gli spetterebbe. Nelle regole del nuovo Codice Strdale, si parla addirittura di zero per mille di alcol a chi è neo patentato e di 0,5 per chi ha la patente da anni. Oltre a denotare questa regola una immensa ignoranza del legislatore che dimostra chiaramente di nonconoscere gli effetti dell'alcol anche con solo lo 0,3 per mille in corpo, dimostra soprattuto l'indulgenza e "bagatellizazione" di un atto gravissimo che dovrebbe essere punito invece non solo con l'Omicidio Colposo, ma anche con la Preterintenzionalità dell'azione in quanto Prima di mettersi ubriaco al volante, questa persona Sobria andando a bere SAPEVA PERFETTAMENTE ciò che si accingeva a fare e di conseguenza non si può parlare poi di una "ridotta capacità di intendere e volere", proprio perchè ormai tutti sanno quali siano gli effetti che l'alcol produce sulle persone, per cui uscire in compagnia e bere sino ad essere ubriachi è un gesto più che mai Intenzionale e Voluto, assumendosi inconsciamente in pieno le eventuali responsabilità delle sue azioni una volta che si siede al volante in stato di ubriachezza.
Semmai chi merita un'accusa di Ridotta Capacità di Intendere e Volere sono gli avvocati che difendono questi sporchi assassini e chi li giudica dimostrando indulgenza verso di loro con pene irrisorie, e forse perchè loro stessi sono tra i primi che bevono volentieri e dopo vanno a casa guidando la propria auto.
Una cosa deve essere chiara a tutti: un Paese Civile ha come regola stradale lo ZERO PER MILLE per chi guida, ovvero che al volante si deve essere lucidi e presenti senza influssi di alcol o droghe. Al di fuori di ciò, tutto ciò che viene causato da persone con alcol in corpo deve essere sanzionato con la precisa volontà di voler far del male, di ammazzare da parte di chi ha causato un incidente essendo ubriaco o drogato. Oggi non è più come 40 anni fa che non lo si sapeva. Oggi sappiamo tutti quali sono gli effetti dell'alcol e delle droghe e quindi farne uso o bere sono il frutto di scelte COSCIENTI E CONSAPEVOLI, da parte di chi le effettua.

Chiudi Chiudi

Pubblicato il 23/07/2010 * 14:35   | Tutte i post | Anteprima ...   Stampa...   | Alto


Commenti

Nessuno ha lasciato commenti
Sii quindi il primo!

Evento
09-2017 Ottobre 2017
L M M G V S D
            01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X