chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1785 utenti
Connessi :
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus
Ordinanze

Ordinanza di reiezione della richiesta di sentenza di applicazione pena - art. 448 c.p.p.
Giudice Guido Salvini

Un giudice che sa valutare la gravità del reato.
Nel pubblicare, come da sua richiesta, l'Ordinanza sopra indicata, esprimiamo gratitudine per il rigore professionale del Giudice Guido Salvini e per l'attenzione rivolta alla causa sostenuta dalla nostra associazione.
La sua piena condivisione del documento da noi presentato all'inaugurazione dell'Anno Giudiziario presso le Corti d'Appello, è stata per noi un'importante espressione di fiducia che rafforza il nostro impegno.
Giuseppa Cassaniti

pdf.gif
L'ordinanza

Guido Salvini
Un giudice che sa  valutare la gravità del reato
Nel pubblicare l'ordinanza con la quale il Giudice Salvini respinge la richiesta di pena avanzata dal p.m., vogliamo lodare la sua capacità di analizzare in modo chiaro e completo il fatto, rapportando la gravità del comportamento del guidatore alle disposizioni di legge, per applicare "una pena congrua".
Apprezziamo la sua capacità di staccarsi dal coro del buonismo, rilevando che "nè la pena principale, nè la pena accessoria proposta dal p.m. appaiono congrue e proporzionate alla inusuale gravità del fatto": si tratta di un conducente con tasso alcolemico di 3,46 g/l, che perde il controllo dell'auto e si schianta riportando lesioni su di sè guaribili in 90 giorni! Un guidatore la cui condotta non appare occasionale, perchè aveva riportato una precedente condanna per lo stesso motivo.
Bene ha fatto il giudice Guido Salvini ad affermare che sia la pena detentiva e sia la pena accessoria della sospensione della patente andavano applicate al livello massimo.
Se il p.m. avesse fatto la stessa approfondita analisi sarebbe giunto alle stesse conclusioni del giudice Salvini, avrebbe fatto risparmiare tempo e denaro alla giustizia, rendendola così più veloce, più credibile e più forte.
Giuseppa Cassaniti Mastrojeni

pdf.gif
L'ordinanza


Data di creazione : 23/06/2009 * 23:26
Ultima modifica : 06/02/2015 * 16:54
Categoria : - Giustizia
Pagina letta 12399 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°1 

con Giuseppe il 30/07/2009 * 13:12

Ho letto tutta la sentenza.

Questo Giudice è un grande, ha tutta la mia stima e l'apprezzamento di tutti noi ckhe abbiamo perso un familiare o una persona cara per questi incidenti assurdi.

C' è solo un problema: la maggior parte delle sentenze è buonista o pedonista; in questo modo non si può andare avanti.


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X