chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1788 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Leonardo Vaccaro 25 anni Andria (BA) 12 maggio 1977 – 25 gennaio 2003

Rocco Daniele Macchia 23 anni Brienza (PZ) 8 aprile 1979 – 25 gennaio 2003

Leonardo_VaccaroRocco Daniele MacchiaLeonardo e Daniele erano Caporal maggiori VFB dell’Esercito presso il 132° Reggimento artiglieria corazzata “Ariete”, caserma ‘Baldassarre’ di Maniago (Pordenone); abili artiglieri, tecnici stimati per le loro doti e la professionalità, erano impiegati nell’attività di pattugliamento anti-terrorismo.
Leonardo aveva scelto la divisa dopo la maturità scientifica, Daniele era ragioniere; nel servizio avevano coltivato una sincera amicizia. La madre di Daniele si era spenta appena un anno prima, un colpo durissimo dal quale il ragazzo non si era ancora ripreso.
La mattina del 25 gennaio 2003, verso le 6, la Fiat Uno condotta da Daniele con a bordo Leonardo, ambedue di ritorno da un permesso, percorreva la SS 251 con direzione Pordenone-Maniago: su un tratto stradale rettilineo, privo di anomalie, con buona visibilità, usciva di strada sulla destra, entrava nel fossato e ne riusciva restando infine, rovesciata, al centro della sede viaria, in posizione quasi totalmente trasversale alla carreggiata.
Leonardo fuoriusciva dall’abitacolo, cadeva nel fossato e si rialzava in stato confusionale; intanto il conducente di un’auto, che proveniva in senso opposto, si arrestava sulla sua destra con le luci di emergenza accese e, sceso dall’auto, apriva la portiera posteriore della Uno e prendeva la mano di Daniele che gli diceva di star bene, quando sopraggiungeva da Pordenone una VW Passat a fortissima velocità che, malgrado gli abbaglianti e i segni di arrestarsi non realizzava quanto si stava verificando e, dopo un accenno di frenata, investiva in maniera violentissima Leonardo, in piedi sulla strada, scagliandolo a 40 metri di distanza al di là del fossato opposto, e la Uno con ancora a bordo Daniele sbalzandola a 30 metri, mentre il soccorritore faceva appena in tempo a buttarsi nel fosso; i due amici perdevano così la vita.
Leonardo era un ragazzo con tanta voglia di vivere, allegro, simpatico, innocente, socievole, generoso, legato alla famiglia e agli amici, sportivo, coraggioso, con un marcato senso della giustizia, amante della natura e degli animali; era un ottimo inventore, passeranno alla storia la “macchinina”, “l’aquilone”, il “ventilatore’, la “fionda” e tanti altri suoi passatempi legati al campo scientifico: la bontà d’animo era il suo peggior difetto, con il suo modo di fare così spontaneo riusciva a strappare un sorriso anche nelle situazioni più difficili ... ed è proprio adesso che ne avremmo bisogno.
Ciao Leonardo e grazie, resterai per sempre nei nostri cuori. Salutaci Daniele.


La  mamma Fionda Nicoletta, il papà Salvatore e la sorella Stefania


Data di creazione : 20/02/2006 * 16:21
Categoria : -
Pagina letta 10011 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°6 

con Massimo il 20/04/2013 * 11:55
Ricordo ancora l'incredulità di 10 anni fa quando al lavoro mi hanno detto quello che era successo al mio amico Daniele. Oggi resta tanta tristezza e rabbia per questo destino crudele.
Ciao Daniele, mi manchi!! Ciao Leonardo.

Risposta n°5 

con Stefania il 26/01/2013 * 00:46

Sono già passati 10 anni, ma per noi è come se il tempo si fosse fermato. Il vostro ricordo resterà impresso nella nostra memoria indelebilmente e ci accompagnerà fino alla fine dei nostri giorni, quando, finalmente, ci rincontreremo. Vi vogliamo bene.


Risposta n°4 

con cat il 04/05/2009 * 23:22

carissimi genitori, sembra che dio prima... chiedendoli..... ci abbia poi  ripensato

ma la stupidita' .. di altri......li  abbia portati lassu' con lui  per essere  i nostri angeli.... vicini nel vostro dolore..... mamma di cinzia, memorie 10


Risposta n°3 

con Sergio il 28/04/2009 * 09:31

Leonardo e Daniele, un destino infausto, ingiusto...Un abbraccio forte forte ai vostri cari...

Con affetto...


Risposta n°2 

con antonella78 il 25/12/2008 * 00:44
BUON NATALE!

Risposta n°1 

con saermdkj il 24/01/2008 * 19:27

grazie di esistere

 


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X