chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1782 utenti
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Massimiliano Giovannoni 18 anni Arezzo 19 agosto 1982 – 15 agosto 2001

Massimiliano_GiovannoniMassimiliano è nato a Roma il 19 agosto 1982. Al suo diciannovesimo compleanno non è mai arrivato, perché la sua breve vita è finita in un attimo, sbalzato fuori dall’auto su cui viaggiava insieme ad altri tre amici il 15 agosto 2001.
Ricordo ancora la sua gioia quando mi disse:” Mamma raggiungo i miei amici al mare, torno fra quattro giorni”. Ma non è più tornato da me.
Il conducente dell’auto (deceduto anche lui) ha sbandato finendo contro il new jersey; Massimiliano, seduto dietro all’autista, nell’impatto è sbalzato dal finestrino laterale ed è stato ritrovato a trenta metri dall’auto.
L’incidente è accaduto alle 14,40. Noi genitori siamo stati avvertiti alle 19,00. Quando siamo arrivati a Fano alle 21 ,30 non c’è stato permesso di vedere nostro figlio, ma ciò è stato possibile solo dopo due giorni.
Le umiliazioni sono state molte da parte di tutti. In ospedale per come c’è stato detto. Dal medico legale che ha effettuato l’autopsia (ha mandato la notifica delle spese sostenute a noi). Dalla polizia e nella camera mortuaria.
Inoltre qui siamo stati contattati da un avvocato (mai conosciuto prima), il quale ha fatto notare che come legale che esercita nel luogo dell’incidente avrebbe seguito meglio di altri ogni pratica necessaria; data la confusione mentale di quei momenti ci siamo fatti coinvolgere dandogli il mandato.
Queste premesse non hanno avuto seguito e noi siamo rimasti in gran parte all’oscuro di tutto anche nei rapporti con l’assicurazione, così le nostre umiliazioni sono aumentate.
A distanza di due anni e cinque mesi combatto ancora per i molti “perché” irrisolti e per sapere “quanto vale” il sorriso di mio figlio.

La mamma Stella Maria Fiori

Che cos’è una lacrima
È un ricordo sciupato dal tempo
La malinconia di un giorno passato
Rabbia per una gioia finita e non vissuta
Odio per chi non riesco ad odiare
È un attimo d’amore e d’illusione
È un dolore profondo nel petto
È una ferita che sanguina
È una parte della mia vita che non c’è più
È un sogno infranto
Per te figlio mio che ho tanto amato.
mamma


Data di creazione : 20/02/2006 * 00:37
Categoria : -
Pagina letta 6336 volte


Commenti a questo articolo

Commento n°4 

con cat il 03/05/2009 * 11:10

ciao massimiliano, volevo dire alla tua mamma che so..cosa sta passando, di tenere duro, anch'io da 7 anni, la mia cinzia aveva 15 anni , e' ho passato lo stesso iter ........... persone che si spacciano per amiche, avvocati........, chepensalo solo a loro.... e  tu  rimani vuota:  senza soldi.... senza  figlia..... ancora con una dura battaglia che andra' avanti ancora per chi sa quanto....

perche' la colpa l'hanno data tutta  a lei, a mia figlia, colpevole di aver accompagnato a casa un'amica.... ma chissa' cosa e' successo, ma la polizia, amica dell'altra famiglia....... nessuna difesa... mi ha portato a ora.... senza speranze.... vogliono un miliardo e mezzo  perche' mia figlia ha ucciso la loro,

cosi' c'e' scritto sulle carte della denuncia...... e' lei che e' voluta andare sul motorino, da mia figlia c'era sulla migliore amica, che adesso sta impazzendo dal dolore, perche' anche lei si sente colpevole... se fosse rimasta lei con mia figlia ora sarebbe qui con me...  e invece...... ma loro vogliono giustizia = 1miliardo e mezzo............ ma la mia giustizia????? dove' mia figlia????

speriamo solo che lassu' siano felici  e che presto saremo da loro...

un forte  abbraccio  da una mamma  che come te, soffre per il suo angelo      


Commento n°3 

con antonella78 il 25/12/2008 * 01:26
BUON NATALE!!

Commento n°2 

con CIANA il 29/08/2008 * 11:22
ciao Masssimiliano siamo vicini di luoghiio abito in provincia di latina quello che mi colpisce è che hai il cognome come mio genero e i miei nipotini ,non so se siete parenti ,ma se anche non lo siete sono vicino alla tua  mamma  ciao piccolo angelo

Commento n°1 

con veronika il 23/08/2006 * 17:16

Continui a combattere, la verita' è un diritto di tutti.

con affetto. Veronika


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X