Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
Siete qui :   Home » Opuscoli 6° volume: Edoardo Friggeri
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Opuscoli 6° volume: Edoardo Friggeri

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Edoardo Friggeri 12 anni Sorbolo (PR) 18 settembre 1987 – 1 agosto 2000

Edoardo_FriggeriTe ne sei andato in un caldo pomeriggio d’estate.
Su quella strada maledetta si sono spenti i tuoi sogni, le tue speranze, la tua giovane vita e anche la mia.
Sai, amore mio, mi manchi tantissimo, mi manca tutto di te, il tuo splendido viso, i tuoi occhi ridenti, il tuo sorriso smagliante, la tua poca voglia di studiare, le litigate giornaliere, il tuo disordine, la tua energia, il mio gridare, i tuoi baci di pace.
Da quel giorno niente è più come prima, ciò che resta è triste e cupo, il sole non splende più.
Con tanto amore,


Mamma


Data di creazione : 19/02/2006 * 16:56
Categoria : -
Pagina letta 20936 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°5 

con   enza il 07/08/2008 * 18:31

CIAO EDOARDO,SONO PASSATA TANTE VOLTE DI QUA,MA NON HO MAI AVUTO IL CORAGGIO DI LASCIARTI UN PENSIERO,

SOMIGLI AL MIO SIMONE UN CUCCIOLO DI 12 ANNI COME TE DOPO DUE FRATELLONI DI 30 E 27 ANNI VITO E PAOLO,SEI

MOLTO BELLO E SAPERE CHE LA TUA VITA SI E' FERMATA A 12 ANNI ....... ANGIOLETTO ADORATO,ADESSO CHE SEI TRA LA LUCE DI DIO HAI UN COMPITO MOLTO IMPORTANTE,QUELLO DI VEGLIARE SULLA TUA FAMIGLIA CHE DI CERTO NON MERITAVANO UN DOLORE SIMILE,CIAO TESORO DA UNA MAMMA.  ENZAk


Risposta n°4 

con   rosalba il 31/12/2006 * 00:47

La morte di mio marito, deceduto a causa di un incidente stradale, mi ha fatto conoscere l'Associazione da cui ho tratto forza per andare avanti, la perdita di una persona cara segna per tutta la vita , ma immaginiamo che da Lassù i nostri cari continuano ad amarci e ci proteggono come Angeli custodi speciali.Quest'anno sacrifico le mie ferie per sensibilizzare i cittadini alla Cultura della sicurezza stradale, pertanto sarò nella piazza principale di Potenza dal 21 dicembre 2006 al 6 gennaio 2007; l'Amministrazione Comunale mi ha concesso per tale periodo un gazebo che io ho allestito con materiale informativo dell'A.I.F.V.S. Il mio sacrificio ( che affronto volentieri ) può servire a salvare una giovane vita, invito chiunque a seguire il mio esempio, sono tanti i ragazzi e gli adulti che si avvicinano al gazebo e parlano con me

Responsabile della sede di Potenza Rosalba Romano


Risposta n°3 

con   Samuela il 09/03/2006 * 17:26

Grazie della risposta, Paola.

Anche mio figlio, Niccolò, è morto sulla strada in bici come Edoardo. Stava pedalando sul bordo della strada ed è stato travolto, tutto è finito lì. Ho perso mio marito quando Niccolò aveva tre anni per una malattia e ora pure Nico mi ha lasciata. Vivo nel buio più completo con la speranza che i nostri figli, andati in cielo troppo giovani, un giorno avranno giustizia e finalmente potrò fare mezzo sorriso, cosa che non faccio da due anni.

Ti abbraccio forte, ti ammiro per come ti leggo combattiva.

Samuela


Risposta n°2 

con   paola il 08/03/2006 * 08:16
SONO LA MAMMA DI EDOARDO, NON HO SCRITTO L'INCIDENTE DI EDO PERCHE ' E COMUNE A TANTI ALTRI, LUI E' USCITO DI CASA IN BICI MI HA SALUTATO E NON E' PIU' TORNATO, UN CAMION NON HA RISPETTATO LO STOP E EDO ERA LI' E' STATO TRAVOLTO MA COME AL SOLITO L'AUTISTA NON HA VISTO E NON SI E' ACCORTO. E COSI' UN'ALTRA GIOVANE VITA SPEZZATA, FINITA E COME AL SOLITO NESSUNO E' COLPEVOLE. ILMESSAGGIO CHE HO SCRITTO A EDO E' PER FAR CAPIRE A CHI NON E' COLPITO DA QUESTE TRAGEDIE COSA RESTA IN UNA FAMIGLIA PER LA LEGGEREZZA DI ALCUNE PERSONE CHE NON HANNO RISPETTO PER LA VITA DI RAGAZZI MERAVIGLIOSI.

Risposta n°1 

con   Samuela il 21/02/2006 * 23:09

se non sono indiscreta, cosa è successo ad Edoardo? Non c'è scritta la sua storia. Io ho perso un figlio di sette anni sulla strada per incoscienza altrui. Alla mamma di Edoardo, un forte abbraccio, lottiamo per dare giustizia ai nostri figli!

Samuela. Torino.