Sei qui: Home » Opuscoli 7° volume 2006: Angelo Nasti
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

Opuscoli 7° volume 2006: Angelo Nasti

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Angelo Nasti 22 anni Napoli il 27 maggio 1980 - 11 giugno 2002 

Angelo_Nasti.jpgAngelo Nasti
 Angelo era un ragazzo dolce e sensibile, faceva l'elettricista,adorava la sua famiglia ed era sempre presente, trascorreva ore ed ore nella sua camera.
Quel giorno maledetto di martedì alle ore 16,00, mio figlio tornava a casa dal lavoro  insieme al cugino Fabio, ascoltavano Vasco Rossi nella sua Fiat acquistata da pochi mesi.

Un folle con una Tempra, facendo  un sorpasso azzardato urtava frontalmente l'auto dei due ragazzi.
Mio nipote fu sbalzato fuori dall'abitacolo, mentre Angelo ancora cosciente riuscì a sbloccarsi dall'auto che gli teneva prigioniera una gamba.

I soccorsi furono rivolti tutti al cugino che all'apparenza era più grave, non per Angelo che  sembrava in migliori condizioni, furono portati in ospedale in ambulanza, ma Angelo cessava di vivere dopo quattro  ore per una emorragia interna, Fabio fortunatamente è guarito e sta bene.
Sono passati tre anni e mezzo, il nostro dolore vive e vivrà sempre, mai potremo dimenticare il nostro dolce Angelo. La giustizia? Quante cause ..... ancora nessun risultato, l'investitore non si è mai presentato.... la sua vita va avanti... mentre la vita di mio figlio è finita a soli 22 anni lasciando tutta la famiglia in una  disperazione che non avrà mai fine.
La mamma  Negri Giulia


Data di creazione: 29/01/2006 • 19:59
Ultima modifica: 30/03/2007 • 20:56
Pagina letta 157270 volte

Commenti a questo articolo

Commento n °221 

da Rosy il 28/12/2010 • 16:02

Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime.
Sant’Agostino


Commento n °220 

da giulia1955 il 26/12/2010 • 09:43
ciao tesoro mio, il tempo passa inesorabilmente il dolore aumenta maledettamente....dove sei anima mia!!!Ti chiamo e non rispondi....ti cerco e non ti trovo....vorrei accarezzarti il viso,stringerti forte sul mio cuore.....dirti tante cose mai dette.....Mi manchi da morire amore mio.....TI AMOOOOOOOO!!!!!!!

Commento n °219 

da Ciao_Angelo il 25/12/2010 • 21:43
Ciao Angelo.....volevo semplicemente augurarti buon natale....a te e tutti gli Angeli del paradiso.....per voi amici miei vi auguro tanta serenità....n abbraccio Elena

Commento n °218 

da giulia1955 il 17/12/2010 • 14:51
ciao cuore mio......ti voglio tanto bene!!

Commento n °217 

da biagioLuigi il 03/11/2010 • 10:47
Ciao Angelo.....anche se in questi giorni non ero li con te....ma sappi che hò pregato tanto x tutti voi Angeli.....e x la tua dolce mamma....e x il tuo papà.....ti porterò sempre nel mio cuore....un bacio...Elena +Luigi.

Commento n °216 

da biagioLuigi il 20/10/2010 • 21:57
Ciao Angelo.....volevo augurarti la buona notte....dai da parte mia un bacione grandissimo al mio Luigi....e digli che l'amo sempre di più....un abbraccio alla tua dolce mamma....e al tuo papà......ciao Elena.

Commento n °215 

da biagioLuigi il 12/10/2010 • 09:49
Buon giorno Angelo.....sei sempre nei miei pensieri.....tvb....un bacio Elena.

Commento n °214 

da biagioLuigi il 09/10/2010 • 17:32
Ciao Angelo.....volevo dirti semplicemente tvb.......un abbraccio a te Giulia.....un bacio Elena.

Commento n °213 

da Rosy il 08/10/2010 • 12:48

Un  pensiero per te Angelo ...un abbraccio a te Giulia e a tutta la tua famiglia.


Commento n °212 

da Perche_pianAnnaMaria il 07/10/2010 • 23:38

Perché piangi?

Signore, aiutami a capire
che non devo continuare a piangere
coloro che vivono presso di te.
Essi hanno già
Ciò a cui io aspiro.
Vedono e toccano
Ciò che per me è pura speranza.
Sono immersi in quell’amore
Nel quale desidero perdermi.

Vivi nella bellezza
che non svanisce più,
immersi nella gioia
che nessun male offusca,
fa’, Signore, che i miei morti
mi conducano a te,
mandino scintille e lucciole
per guidarmi verso il regno di luce.

Concedimi il dono
Di sentire il respiro dei morti,
Di percepirli come i veri viventi,
D’incontrarli ancora quando avrò vinto
La morte con la morte.
Rivestito di luce, ombra del divino,
Inondata di gioia,
Riflesso del tuo amore,
Per tutta l’eternità
Proclamerò con loro
La tua misericordia.

  • Autore: Valentino Salvoldi