Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1812 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :

Opuscoli 10° volume 2009: Alberto Guffanti

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Alberto Guffanti 26 anni Olgiate Comasco (CO) - 25 marzo 1976  - 26 maggio 2002

Alberto Guffanti.jpgEra il 26 Maggio del 2002, una domenica tranquilla come le altre, ma non sapevamo ancora che da quel giorno tutto sarebbe cambiato per sempre.
Mio fratello Alberto, un ragazzo stupendo di 26 anni, pieno di vita, sorridente e con una marcia in più in ogni cosa che faceva, tornava a casa nel tardo pomeriggio, dopo aver accompagnato la sua ragazza, con la sua moto, una Ducati 900 SS gialla, la sua passione!
Percorreva la canturina in direzione per Como, quando all’altezza dei semafori d’Albate, la signora Laura Paggi con a bordo pure i suoi figli, gli ha tagliato la strada immettendosi da una via laterale privata senza nessuno sbocco e da dove non esce mai nessuno.
Senza un perché mio fratello, a detta dei testimoni dopo aver fatto di tutto per evitarla e per non causare un incidente avendo visto i bambini sui sedili posteriori, è stato sbalzato dalla sua moto ed è finito contro un palo per colpa della signora che con incoscienza ha iniziato la sua manovra per poi arrestarsi più volte ed infine colpendolo e provocandone la morte sul colpo!
La giustizia ci ha dato ragione; ma nulla è la pena di quella signora, che non si è nemmeno pentita o scusata con noi, in confronto al nostro dolore.
Lui non c’è più e per quanto ci crediamo che lo ritroveremo in paradiso, la vita senza di lui non può esser uguale a prima.
Ci manca tutti di lui, il suo sorriso che ogni mattina ci dava coraggio e speranza, era come il sole, con lui tutto era speciale anche una giornata brutta si trasformava in positiva.
Ti volgiamo bene, ti sentiamo sempre vicino, aiutaci nel nostro cammino fino a quando potremo stare di nuovo tutti insieme.

Tua sorella Laura, la tua mamma e i tuoi cari.


Data di creazione : 10/02/2009 * 23:45
Ultima modifica : 11/02/2009 * 00:04
Categoria : -
Pagina letta 12975 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it