Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplice ed efficiente. Avvisi Legali.

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1800 utenti
newsletter AIFVS
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Luca Renoffio, 17 anni - Verona - 5.4.1980 - 9.10.1997     

Luca Renoffio.jpgFin da piccolo Luca dimostrava un carattere buono e mite; discreto nello studio, aveva conseguito il diploma di elettromeccanico nel giugno '97 all'lstituto don Calabria.

Per premio decisi di comprargli un motorino Peugeot 50 che gli sarebbe servito anche per andare al lavoro: dopo diverse domande, e grazie anche all'aiuto di docenti dell'lstituto, era stato infatti assunto da un'azienda a 10 km. da Verona.

Gli dissi quale era il percorso più sicuro ma purtroppo non mi dette ascolto; il 9 ottobre 97 venne travolto sulla maledetta strada 434 Rodigina da un autotreno che lo sorpassava: è una strada stretta, a due carreggiate, molto trafficata; finito sotto le ruote gemellari del rimorchio, Luca morì sul colpo, non potei che abbracciarlo per l'ultima volta sull'asfalto insanguinato.

Fino ad ora il processo penale non è stato fatto e né i conducenti del camion né i suoi proprietari si sono mai scusati per la morte di un ragazzo di 17 anni; la strada è nelle stesse condizioni, chiunque ci passi specie se in moto o in bici rischia la pelle; la speranza che la morte di Luca servisse almeno a sollecitare un maggior rispetto per la vita non sembra destinata a diventare realtà.

il padre Adriano

 


Data di creazione : 04/01/2009 * 10:58
Ultima modifica : 04/01/2009 * 11:02
Categoria : -
Pagina letta 1147 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°1 

con cat il 30/03/2009 * 03:05

Luca, ci hai lasciato, mentre andavi al lavoro........

messo sotto dalla  solita  persona insensibile, lasciando i tuoi genitori, nel bel mezzo della tua vita........... anche mia figlia aveva 15 anni, sul mio motorino,

morta sotto il treno con un'amica....non si  sa chi fosse alla guida.... erano sole, erano passati tutti gli amici...... ma  l'altra famiglia mi chiede  un miliardo e mezzo di danni........... niente scuse.... io sono andata a casa loro a  fargliele, mi sono sentita  un verme.. loro mi hanno convinta che la colpa.. se si puo' parlare di colpa....... era solo di mia figlia.....e  io  distrutta dal dolore,  non ho saputo difendermi ..... e ancora  dopo 7 anni... continuano le udienze, e i racconti  per dar la colpa alla mia principessa....... cose da non credere.....

sappiate  che vi sono vicina, so cosa  vuol dire  perdere in figlio, bello  e  bravo, perche' dio, li vuole  solo cosi'  i  suoi  ANGELI......

un grande  abbbraccio dalla mamma di cinzia - memorie 10


Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it