chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1782 utenti
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Luigi Sodano 19 anni - 02 novembre 1986 - 06 novembre 2005

Luigi-Sodano.jpgLa storia di Luigi inizia  venerdì 04.11.2005 quando tornando da Roma dove era stato a lavorare, in una ditta edile per i restauri, ci dice che l’indomani sarebbe tornare a lavorare un paio d’ore al cantiere, perché come tutti i ragazzi della sua età voleva qualche soldo in più per comprarsi una macchina o altre cose,   

Eravamo molto fieri di ciò, si stava responsabilizzando… diceva che  sarebbe rimasto a dormire fuori quella notte e poi la mattina lo avrebbe accompagnato”un amico”al treno.

Mi ricordo di aver parlato con mio fratello quella sera in un modo come non mai…si parlava di un episodio successo nei giorni passati e lui  rispose in base a ciò che gli avevo detto che anche a lui una mattina la polizia poteva chiedere dove andava a quell’ora  e lui avrebbe risposto al lavoro a Roma…..Beh quella domanda la mattina dopo l’ha fatta a me la polizia , gli ho dovuto rispondereio che mio fratello andava al lavoro  a Roma perché Luigi non ha potuto  rispondere .

Quel sabato mattina mio fratello parte da casa di quel “suo amico” per andare alla stazione di Fossanova….ma non ci arriva, dopo neppure 10 km la sua vita è appesa ad un filo……un filo che si spezza il 06.11.2005 alle ore 10:40. Luigi insieme al conducente dell’auto,una Nissan Micra ,escono fuori strada capovolgendosi più volte  finendo l’impatto sulla strada….mio fratello però è stato trovato in fin di vita a pochi metri dall’auto, mentre la conducente  rimane illesa e cerca di trovare aiuto e soccorsi…pochi visto l’ora…le 5:50 del mattino.

Trova un passante che si ferma ed aiuta con altri  a cercare mio fratello, lo trovano riverso in fin di vita sull’aiuola della S.S.148. Chiamano immediatamente i soccorsi,il 118 che a detta delle carte è stato tempestivo, a parere mio ci hanno messo qualche minuto in più, ma  non sarebbe cambiato nulla, Luigi era troppo grave.

Da li inizia la corsa per cercare di salvarlo  e noi familiari ancora ignari di quanto era accaduto. Di solito la notte  spengo il cellulare, non so come mai quella notte l’avevo lasciato acceso,  squilla erispondo, la polizia stradale  mi dice che mio fratello ha avuto un incidente , era passeggero dell’auto incidentata, lo hanno portato in ospedale a Terracina non è grave .

Inizia la corsa di speranza mia di mia sorella Filomena e di mia madre. Arriviamo all’ospedale di Terracina, ci dicono che mio fratello per la gravità del caso,è stato portato direttamente all’ospedale di Latina . Corriamo dalla parte opposta in cui ci troviamo…sembravano migliaia di km di distanza. In auto richiamai la polizia per rimproverarli dell’informazione sbagliata. Giunti al nosocomio pontino, con mia madre facemmo una corsa disperata in quei corridoi d’ospedale, cercando una minima informazione, una sola parola che ci dicesse dove si trovava mio fratello.

Era giunta la notizia, Luigi stava uscendo dalla sala operatoria dopo un intervento chirurgico alla testa,era in condizioni gravissime e veniva messo in sala rianimazione. Passò davanti a noi dopo l’intervento, mio fratello stava su quella barella inerte, senza forze e senza neppure  poterci vedere . In poche ore in ospedale arriva anche mio padre e mia sorella Lella con altri parenti. Le condizioni di Luigi sono state per tutta la giornata stazionarie, ma non buone. Soltanto alle 20 fanno entrare mia madre accanto a lui e noi lo possiamo guardare solo attraverso  una vetrata fredda e gelida, che non trasmette la nostra emozione verso di lui.

Chissà cosa ha provato in quel momento mia madre, poterlo accarezzare,dirgli che stavamo li accanto a lui , a lottare con lui e specialmente che gli volevamo  un mondo di bene. Fuori nell’attesa si pensava e ci si chiedeva cosa poteva essere accaduto,un colpo di sonno,qualcuno o qualcosa che avesse potuto tagliargli la strada, ma principalmente che alla guida c’era chi, aveva in poco più di un secondo spezzato LA VITA di UN RAGAZZO DI SOLI 19 ANNI e rovinato l’armonia di una famiglia.

Il suo nome era Stefania,una donna di 37 anni che frequentava mio fratello. Luigi passa una notte apparentemente tranquilla.  Ricordo la lunga notte  con mia madre e mia sorella Lella fuori dalla porta della rianimazione,quei marmi cosi freddi,l’acqua che veniva giù come non l’avevo mai vista.

Mi arrampicavo ogni tanto per vedere se Luigi aveva la luce accesa o altro, ma nulla per fortuna dicevo nella mia mente . La mattina mamma e Lella decidono di andare un poco a casa, lasciandomi con papà e Mena. Passa il medico e chiediamo cosa sta accadendo, ci comunica che Luigi ha la febbre a 42 e peggiora.

Il medico ci assicura che farà di tutto per salvarlo.  Mia madre con Lella tornano subito, non riuscivano a pensare di stare lontano da quella porta. Passiamo ancora un paio d’ore fuori la sala, quando all’improvviso vedo passare il frate della cappella con lo sguardo basso evitando di guardarci.

Dentro di me avevo capito,mi venne un nodo alla gola, per me Luigi si era spento in una giornata  triste,buia e in silenzio senza darci neppure la possibilità di potergli dire qualcosa,  alle 10.40 del 06.11.2005.

Il resto non ha storia, oggi non c’è più armonia, non c’è più LUIGI che fa parte della nostra vita quotidiana e noi dobbiamo  andare avanti lo stesso. Il ricordo di tutto ciò solo tante ma tante lacrime.

Oggi invece oltre le lacrime ci sono le coincidenze, il destino che annunciava già tutto. Luigi nasce il 02.11.1986 ed esce dall’ospedale l’06.11.1986.Compie 19 anni il 02.11.2005, lo riportiamo a casa morto il 06.11.2005.Luigi per me è morto in quella aiuola, ma non potendo darci il dolore di vederlo morire a pochi km da casa ha aspettato di averci tutti vicino a luiinsieme noi sorelle, con mamma e papà. Ecco, questa la storia di un altro fiore che ha lasciato il suo seme sulla strada….una strada che però non diventerà mai verde ma sempre più nera e sporca di sangue.

A mio fratello LUIGI che vive sempre nel mio cuore. TI VOGLIO BENE

Luigi sono passati tre anni dalla tua scomparsa,tutto e tutti sono cambiati….ma l’amore per te rimarrà per sempre. La tua Stefania è divenuta parte di noi….è di famiglia come tu volevi. Qui è rimasta tanta amarezza…un posto vuoto a tavola, nel letto…non ti dimenticheremo mai…..la tua famiglia


Data di creazione : 27/11/2008 * 23:43
Categoria : -
Pagina letta 16872 volte


Commenti a questo articolo

Commento n°74 

con vivinelmiocuoresempr il 15/04/2010 * 21:09
giggio mi manchi da morire.....sono tristissima e tu losenti e mi vedi.ti voglio bene la tua sorellina.

Commento n°73 

con giovianna il 10/02/2010 * 19:02
ciao angioletto di zia,sei sempre nei nosti pensieri,vicino al nostro cuore,sei dentro di noi.....il  tuo ricordo mi da la forza di affrontare e vincere tutte le mie battaglie....grazie piccolo!

Commento n°72 

con giovianna il 15/11/2009 * 17:43
un pensiero a tutti i nostri angeli in questo giorno che ci ricorda tutte le vittime della strada......

Commento n°71 

con Patrizia_Q il 09/11/2009 * 01:40

Un pensiero per Luigi.......nel mese di novembre hai portato gioia con la tua nascita..... a distanza di anni l'incidente che ti ha portato via da coloro che ti amavano e a cui manchi sempre ...Un caro saluto alla tua famiglia


Commento n°70 

con cat il 19/10/2009 * 19:42

vi  siamo  tutti  vicini...... non  e' giusto.......

un  abbraccio  forte  forte......


Commento n°69 

con giovianna il 22/06/2009 * 18:05
ciao tesoro di zia,sei sempre nei miei pensieri,ti voglio bene! grazie x essere venuto nei miei sogni  l'alta notte ,eri bellissimo!,e mi sembravi sereno mentre mi dicevi di non soffrire x la tua morte,e mentre io piangevo tu mi consolavi.....io so che tu ci guardi e vegli su di noi,grazie giggio!e perdonami se ti ferisco con le mie lacrime...

Commento n°68 

con vivinelmiocuore il 21/06/2009 * 13:05
giggio auguri oggi e' il tuo onomastico....tu ci tenevi tanto a festeggiarlo...era una scusa molto buona per mangiare dolci e paste....ti voglio bene tua sorella.patty

Commento n°67 

con vivinelmiocuore il 27/05/2009 * 20:21
giggio caro sono mesi che non ti scrivevo.....ma sai bene che il mio pensiero e' andato ugualmente a te.....sono successe di cose da dirti....e la piu' brutta che il tuo amico pietro e' venuto nel tuo mondo....quelo migliore si dice ma non per noi familiari.il giorno dei familiari e' stato brutto ho rivissuto come in un flashback la tua storia.....non so cosa e chi principalmente ha fermato le lacrime che volevano uscire.....tu perche' sai che ne abbiamo buttate tante.....non potevo vedere lo strazio di genitori e del fratello si e' ripresentato lo strazio che oramai si vive ogni giorno per ogni giovane ragazzo.quante cose vedi e  senti vero  fratellone....cose belle e brutte che ti rattristano il cuore....giggio proteggi sempre mamma,papa,lella mena e noi tutti.,mi manchi tanto .....ti voglio bene la tua sorella

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X