Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1812 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :
Copia il codice :

Graffiti dell’anima

rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

Graffiti dell’anima
UN PROGETTO DI TUTELA DELLA VITA SULLA STRADA: «Graffiti» per segnare la coscienza dei giovani, per sensibilizzarli al problema della  sicurezza stradale

new.gif  Conferenza Graffiti dell'anima

Lunedì 28 maggio 2007 ore 21,00 Gussago  (BS) Sala Cirica Camillo Togni 
Conferenza per un progetto di tutela della vita sulla strada

pdf.gif
Clicca qui per visualizzare la locandina del programma

copertina-graffiti.jpgLe intense pagine di questo volume nascono dalle centinaia di dediche scritte sui muri fuori dai Centri di Rianimazione degli Spedali Civili di Brescia. Parole nate dal cuore di chi aspetta impotente di fronte alla vulnerabilità della vita, frasi terribili e allo stesso tempo meravigliose che sono state immortalate su pellicola fotografica dai due autori. Il lavoro pubblicato rimane quindi una delle poche testimonianze sulle vittime stradali degli ultimi sette anni presso gli Spedali Civili di Brescia. La ristrutturazione dei reparti ospedalieri ha infatti portato alla distruzione dei vecchi muri, cancellando proprio ciò che il libro vuole invece salvare: un patrimonio di sentimenti e di esperienze che siano monito per chi legge queste pagine. I graffiti esposti, parlano quindi di vita, di speranza e di morte. I genitori raccontano la loro sofferenza , ma anche i giovani stessi, i superstiti degli incidenti del “sabato sera”, i compagni di classe, gli amici di tutti i giorni rivelano le loro emozioni davanti ad un evento che lacera da un lato e unisce dall’altro … L’intenso reportage contenuto in queste pagine, fatto di tribolazione e di amore, ha dunque lo scopo di sensibilizzare i giovani su una tematica di grande attualità, utilizzando proprio il loro stesso linguaggio affinché alla guida di un veicolo non compiano scelleratezze tali da portare a conseguenze irrimediabili, come dimostrano le testimonianze rese nel libro. Per dare completezza a questo intento, la diffusione del volume, sarà poi accompagnata da una serie di conferenze itineranti all’interno di alcuni Istituti superiori italiani, per sensibilizzare i ragazzi ad una guida più responsabile, puntando sulle immagini e sulle testimonianze di chi ha vissuto in prima persona il dramma di un incidente stradale (Il progetto avrà vita anche grazie alla collaborazione dell’Associazione Nazionale Famigliari Vittime della Strada ONLUS).

graffiti.jpgLibro-iniziativa , dal titolo “Graffiti dell’anima”. Cos’ha di particolare il libro di cui stò raccontando? Ha il particolare di raccontare le numerose poesie, frasi, frammenti di canzoni, centinaia di dediche scritte sui muri fuori dai Centri di Rianimazione degli Spedali Civili di Brescia, ma che universalmente rappresentano il quotidiano dolore vissuto in tanti nosocomi Italiani. Le intense pagine di questo volume nascono dalle Parole nate dal cuore di chi aspetta impotente di fronte alla vulnerabilità della vita,frasi terribili e allo stesso tempo meravigliose che sono state immortalate direttamente dai muri del nosocomio,alla macchina fotografica, per essere un patrimonio di sentimenti e di esperienze che siano monito per chi sfoglia le pagine di questo libro intitolato appunto “Graffiti dell’anima”. Gli autori delle frasi scritte su quei muri, sono i giovani: "Svegliati"; "Quando ti svegli" "Ti stiamo aspettando, basta dormire". "Sbrigati, abbiamo bisogno di te". "Non lasciarmi". "Apri gli occhi".. Sono le grida di chi sta su quelle scale, fuori dalle sale operatorie, per un casco non indossato, un acceleratore premuto, un bicchiere di troppo. "I tuoi bei pensieri mi mancano, chissà cosa starai pensando ora. Svegliati presto così potrai raccontarlo. Ciao, la tua sorellina". E ancora "15 anni sono troppo pochi per lasciarci, svegliati, torna con noi". Oppure "E' già il 5° giorno che dormi: svegliati, non pensi che possa bastare?". Si legge un po' di tutto su quei muri d'ospedale, dove quelle scritte urlavano e dove un occhio attento le ha colte prima che i muratori le cancellassero per i lavori di ripulitura degli intonaci.  Grida mute di dolore e speranza, graffiate sul muro di un ospedale. Parenti, madri, padri, compagni e amici di ragazzi la cui vita si sta spezzando per un incidente stradale che scrivono nell'attesa messaggi d'amore. Dediche universali raccolte nelle pagine di un volume che strazia e coinvolge anche chi a quel dolore specifico non partecipa. Fra quelle pareti mamme e papà, compagni di scuola o di lavoro, amici d’infanzia, del bar o della discoteca hanno trepidato, sperato, invocato, pianto. E le lunghe attese, la disperazione della morte o il sorriso per una vita salvata, hanno spinto molti a «graffiare», nelle spasmodiche attese dove i minuti sembravano ore, la pagina bianca del muro con scritte. Quelle testimonianze drammatiche lasciate sulle pareti, quel libro a pagine sempre aperte dei sentimenti, è diventato davvero un   volume.  I graffiti esposti, parlano quindi di vita, di speranza e di morte. I genitori raccontano la loro sofferenza, ma anche i giovani stessi, i superstiti degli incidenti del “sabato sera”, i compagni di classe, gli amici di tutti i giorni rivelano le loro emozioni davanti ad un evento che lacera da un lato e unisce dall’altro.

 
Insomma, quale altro miglior mezzo per far CAPIRE davvero ai giovani adolescenti e agli adulti che la strada è un luogo in cui tutti devono rispettare tutti ed in cui, una banale disattenzione potrebbe diventare un errore FATALE ALLA PROPRIA VITA?
 
Ma il libro da solo , non basta….. Per dare completezza all’operazione, io stessa, come autrice del libro, ed al supporto di molti enti, fra cui l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, gli Spedali Civili di Brescia, la Provincia di Brescia e l’Aci di Brescia, è il volume «Graffiti dell’anima», è diventato protagonista dell’azione di prevenzione che coinvolgerà i  giovani delle scuole superiori italiane nel tentativo di trasformarlo in efficace strumento di prevenzione. Infatti, per iniziativa della Provincia, in collaborazione col Centro Servizi Amministrativi e con la Casa Editrice, sono stati programmati incontri itineranti nelle scuole superiori , per ora della Lombardia(durante ognuno degli interventi all’interno delle scuole, gli enti che ci ospiteranno, dovranno acquistare sia i volumi da distribuire all’interno delle scuole che ci vede protagonisti, sia un “gettone” per il pagamento delle spese dei relatori alla conferenza).
 
Lo strumento prescelto per stimolare giuste vibrazioni, capaci di scuotere le coscienze dei giovani bresciani, è quello, appunto dei graffiti. Quelli che una sorta di accumulazione storica aveva depositato sulle pareti della sala d’aspetto e delle scale di accesso al  reparto di rianimazione dell’Ospedale Civile di Brescia. Giornate per indurre a riflettere, ma soprattutto per convogliare gli forzi e le idee che sottendono una volontà comune fattasi ormai pressante: dare una svolta culturale a quel fenomeno di morte sull’asfalto che da anni ormai è tristemente protagonista delle cronache. A Brescia,  Durante le presentazioni di tale iniziativa, direttamente negli Istituti scolastici, vedranno come ospiti, L’assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Brescia, Mauro Parolini, un medico o un rianimatore, l’autrice del libro, il presidente dell’Associazione familiari e vittime della strada, un responsabile di Bip Bip Onlus (Associazione per la prevenzione dei traumi cranici e spinali) accompagnati quando possibile anche da un giovane sopravissuto a un grave incidente.

Il libro "Graffiti dell'anima" lo si può ordinare  in tutte le librerie d'Italia, oppure ordinarlo collegandosi al sito http://www.vanninieditrice.it/legati_alla_vita/ Il libro è dedicato a tutti i ragazzi morti sulle strade... a tutti coloro che ancora viaggiano sulla strada il sabato sera... a tutti coloro che scono il lunedì pomeriggio e, che, intendono tornarci sani e salvi!!

 Angela Gio Ferrari (autrice del  libro)


Data di creazione : 27/12/2005 * 15:31
Ultima modifica : 03/01/2008 * 11:11
Categoria : -
Pagina letta 31115 volte

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it