chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1786 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Simone Paparozzi –23 anni – Roma 9 novembre 2007

Simone Paparozzi.jpgSimone avrebbe compiuto 23 anni nella notte in cui è morto in un incidente a Roma in via Tiburtina all’altezza del civico 644 (centro commerciale Panorama), perché qualcuno rimasto ancora sconosciuto, lo ha tamponato lasciandolo morto sul posto senza prestargli alcun soccorso.
Qualcuno ha scritto che sarebbe stata una vettura di piccola cilindrata di colore scuro.
Ha lasciato nel cuore dei genitori, del fratello Edoardo e di tutti gli amici una ferita che neppure il tempo sanerà.
La Sua assenza è profonda e importante per tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e frequentarlo.
Tutti coloro che pensano di ricordare questo episodio avvenuto il 9 novembre 2007 , alle ore 20,30 circa, sono pregati di contattare il padre Erminio Paparozzi al numero 335 6295312, oppure il fratello Edoardo al numero 338 9551628.
Certi di rimanere nell’anonimato, non è il rimborso assicurativo che ci interessa, ma si cerca soltanto la verità!

il papà


Il papà di Simone ha partecipato alla trasmissione di Rai uno sabato e domenica estate del 26 luglio 2008.

 

Data di creazione : 30/04/2008 * 19:36
Ultima modifica : 27/07/2008 * 15:38
Categoria : -
Pagina letta 9511 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°7 

con carmilla il 09/11/2009 * 12:43
Passo spesso nel luogo dell'incidente di Simone, e ogno volta il mio pensiero va a lui e alla famiglia. E anche a chi riesce a vivere con questo peso sul cuore. Spero che prima o poi si trovi il colpevole e si faccia giustizia, anche se quale può essere la giustizia per un comportamente criminale e disumano?
Un abbraccio alla famiglia

Risposta n°6 

con Patrizia_Q il 09/11/2009 * 01:16
Un pensiero per Simone in questa ricorrenza....un saluto ai suoi cari.

Risposta n°5 

con antonella78 il 25/12/2008 * 02:22
BUON NATALE!!!

Risposta n°4 

con antonella il 14/07/2008 * 23:46

Ciao Simone! Stai vicino alla tua famiglia! Dagli l'energia per superare questo brutto momento!!!!! un bacione anto


Risposta n°3 

con raffaella il 06/07/2008 * 20:54

Caro papà Erminio e caro fratello Edoardo, io non posso aiutarvi perchè abito in una città del Veneto, ma voglio darvi tutto il mio sostegno morale per condividere con voi questo immenso dolore che ci accompagnerà per tutta la nostra vita!!! Sono una mamma e ho perduto il mio secondo figlio, Andrea Michele, di 16 anni col motorino la notte tra il 16-17 luglio del 2007, poco prima della mezzanotte, perchè il suo cell. rileva gli ultimi sms a quell'ora: tra pochi giorni è già un anno ormai, anche se il tempo non conta più ! E' stato abbagliato da una macchina che veniva in senso contrario e ha invaso il suo senso di marcia ; Andrea per evitare la collisione è stato tutto alla sua destra e seppur frenando,  la sua corsa è stata fermata dall'impatto con l'ultimo palo della luce che era lì ad aspettarlo. La strada non era per niente illuminata, nè paletti catarinfrangenti, nè segnaletica di nessun tipo, nè striscie laterali... quindi chi ha provocato l'incidente non si è fermato anzi, secondo me, non si è neanche accorto che il mio Andrea andava a sbattere e naturalmante non c'era nessuno lì nei paraggi, tanto che è stato trovato il mattino dopo, alle 6! Perchè vi dico tutto questo? Perchè anche  se qualcuno può aver visto, chissà se ha il coraggio di parlare: SEMBRA CHE CHI MUORE SULA STRADA SIA UNA PERSONA NON DI SERIE "B" MA ADDIRITTURA "Z"!!!!!!!!!! Purtroppo è così: la vita e la morte sulle strade sono così SMINUITE E SVALORIZZATE : al momento tutti sembrano vicini ma poi DIVENTA QUASI UNA COLPA DI CHI NON C'E' PIU' E NON DI CHI HA PROVOCATO LA DISTRUZIONE  DELLA NOSTRA VITA!!!!!!!!!!!!

VI ABBRACCIO FORTEMENTE E CI VUOLE UN GRAN CORAGGIO AD ANDARE AVANTI PER TUTTI NOI..................................................................................................

DI PIU' NON POSSO FARE!    RAFFAELLA, MAMMA DI ANDREA


Risposta n°2 

con CIANA il 22/06/2008 * 00:04

Simone meriti giustizia per quello che ti hanno fatto io non so come faranno ad appogiare la loro testa sul cuscino e dormire tranquilli .Ma una coscienza l'avranno io ne ho perso due in due diversi incidenti,pirati anche loro .Ma  spesso mi chiedo penseranno mai al male e dolore che hanno causato con la loro leggerezza????un forte bacio alla tua mamma papa e fratello .luciana orsini


Risposta n°1 

con AZUZA il 20/05/2008 * 18:49
Spero che si restituisca la verità a questa famiglia. Ce ne sono tante nella stessa situazione. Per favore aiutiamoli, un pò di coraggio per restituire dignità a chi non c'è più. Grazie.

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X