GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada.......

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni


Connessione :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password


  Numero di utenti 1799 utenti
Connessi :
( nessuno )
Snif !!!
rss Questo articolo è disponibile nel formato standard RSS per la pubblicazione sul vostro sito web :
https://www.vittimestrada.org/data/it-articles.xml

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

 Palma  Caputo 78 anni  -  17 agosto  1929    –   12  aprile 2008

Palma Caputo.jpg Il 12 Aprile 2008, eravamo a casa con amici per festeggiare la laurea di mia sorella, quando alle 21:00 circa sentimmo squillare il telefono e ricevemmo la notizia che mia nonna era stata investita davanti casa sua a San Vincenzo di Scafati (Salerno)… Arrivati in ospedale abbiamo saputo che nell’incidente era coinvolto anche mio zio e che per mia nonna non c’era stato nulla da fare. Sono stati momenti di strazio. Quella che doveva essere una serata di festa si è trasformata in una tragedia… Com’è successo? Chi è stato? Dov’è? Sapere che il colpevole di tutto questo era scappato senza neanche fermarsi e prestare soccorso, è stato un altro duro colpo…

Il pirata, un giovane ventiduenne, catturato in casa propria dopo ore di ricerche, grazie all’aiuto di un testimone, che è riuscito a prendere il numero di targa, doveva rispondere di OMICIDIO COLPOSO, LESIONI GRAVISSIME e OMISSIONE DI SOCCORSO. Conclusione? È stato giudicato con rito direttissimo il 14 aprile; la pena: Ritiro di patente per tre anni e 10 mesi di carcere con sospensione della pena ( in breve è libero). Questo sembra il giusto prezzo da pagare? Dov’è la giustizia? Le persone non potranno mai avere paura di fare del male se non vengono fermate con punizioni adeguate. 

Quando si perde una persona cara fa sempre male, ma vedere distruggere una vita così, in un modo così crudele, solo per lo “sfizio” di correre non è ammissibile e neppure giustificabile! E a ciò si aggiunge un mancato soccorso… Come si può investire due persone e non fermarsi?


Data di creazione : 17/04/2008 * 23:38
Categoria : -
Pagina letta 6033 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°2 

con Anna il 02/01/2010 * 22:17
Nonna mi manchi tantissimo e  ne approfitto per inviarti un bacio grande, che possa raggiungerti lì nel cielo.tvb.

Risposta n°1 

con antonella78 il 25/12/2008 * 02:22
BUON NATALE!!!

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it


Unico sito ufficiale dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus)
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X